Francis Rooney

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francis Rooney
Francis Rooney official congressional photo.jpg

Membro della Camera dei rappresentanti - Florida, distretto n.19
Durata mandato 3 gennaio 2017 - 3 gennaio 2021
Predecessore Curt Clawson
Successore Byron Donalds

Ambasciatore statunitense presso la Santa Sede
Durata mandato 12 novembre 2005 - 10 gennaio 2008
Presidente George W. Bush
Predecessore Jim Nicholson
Successore Mary Ann Glendon

Dati generali
Partito politico Repubblicano
Università Georgetown University Law Center, Università di Georgetown e Georgetown Preparatory School

Laurence Francis Rooney (Muskogee, 4 dicembre 1953) è un politico e ambasciatore statunitense, membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato della Florida dal 2017 al 2021.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Muskogee in Oklahoma, Rooney divenne l'azionista di maggioranza della Manhattan Construction Company, compagnia di costruzioni che ha costruito grandi opere come l'AT&T Stadium e l'NRG Stadium in Texas e il Campidoglio dell'Oklahoma. Nel 2005 fu nominato dal Presidente George W. Bush Ambasciatore degli Stati Uniti presso la Santa Sede, incarico che ha esercitato fino al 2008.

Nel maggio 2016, dopo che il deputato uscente Curt Clawson annunciò il ritiro, Rooney decise di candidarsi alla Camera dei Rappresentanti nel diciannovesimo distretto della Florida. Il 30 agosto, dopo aver ricevuto l'endorsement del governatore Rick Scott[1], vinse le primarie repubblicane battendo Chauncey Goss e Dan Bongino. Come prevedibile data la natura fortemente repubblicana del distretto, vinse anche le elezioni generali dell'8 novembre battendo il democratico Robert Neeld.

Ottenuto un secondo mandato due anni dopo, nel 2020 annunciò il proprio ritiro e lasciò il Congresso dopo soli quattro anni.

Rooney vive attualmente a Naples, nella Contea di Collier.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matt Dixon, In rare move, Scott endorses Rooney in G.O.P. primary, su Politico.com. URL consultato il 21 febbraio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305196742 · LCCN (ENn2013054302 · GND (DE1120126266 · WorldCat Identities (ENlccn-n2013054302