Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Francis Hopkinson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francis Hopkinson

Francis Hopkinson (Filadelfia, 21 settembre o 2 ottobre 1737Filadelfia, 9 maggio 1791) è stato uno scrittore, musicista e avvocato statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il percorso di studi di Hopkinson si svolse a Filadelfia e si concluse con la laurea in legge ottenuta nel 1760.[1]

Si sposò il primo di settembre 1768 con Ann Borden ed ebbe cinque figli.[1]

Durante la sua esistenza praticò numerose attività e professioni, quali l'avvocato, il politico, il pittore ed il compositore.[2]

Esercitò la professione di avvocato subito dopo la laurea, dapprima nel New Jersey poi, dopo una parentesi come esattore doganale, in Bordentown. Dal 1779 lavorò come giudice in Pennsylvania.[3]

Come politico fu membro della Camera dei rappresentanti.[1]

La popolarità di Hopkinson aumentò notevolmente con alcune sue iniziative di ampia risonanza: fu lui a creare, nel 1777, il disegno della bandiera statunitense, a stelle ed a strisce,[4] e fu lui il primo nel continente americano, undici anni dopo, a stampare il libro delle sue musiche, con tanto di spartiti.[2]

Come scrittore, Hopkinson predilisse il gusto satirico, con il quale mise in ridicolo la società a lui contemporanea, e soprattutto il mondo politico anglosassone.[3][1]

Uno dei suoi lavori più significativi risultò, sia per il pubblico sia per la critica, A Pretty Story ("Un bell'affare", 1774), nel quale descrisse le discordie fra le colonie americane e l'Inghilterra.

Un altro scritto molto apprezzato fu The Battle of the Kegs ("La battaglia dei barili", 1778), la cui trama sbeffeggia la madre patria: secondo Hopkinson, la marina britannica si fece ingannare da uno scherzetto giocato dagli americani e sparò e sprecò tante cannonate contro degli innocui barili messi ad arte dai coloni ribelli lungo il fiume Delaware.[2]

Tra le numerose attività di Hopkinson, va inoltre citata quella di compositore di inni e di salmi religiosi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d The Songs & Poetry Of Francis Hopkinson. Sito Amaranth Publishing, su amaranthpublishing.com. URL consultato il 7 luglio 2016.
  2. ^ a b c le muse, VI, Novara, De Agostini, 1964, p. 8.
  3. ^ a b Francis Hopkinson - American lawyer, musician, and patriot. Sito dell'Encyclopedia Britannica, su britannica.com. URL consultato il 7 luglio 2016.
  4. ^ The Flag of the United States of America - Francis Hopkinson. Sito usflag.org, su usflag.org. URL consultato il 7 luglio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Bolesław Mastai e Marie-Louise Mastai, The Stars and the Stripes; the American flag as art and as history from the birth of the Republic to the present, New York, New York, Knopf, 1973, ISBN 0-394-47217-9.
  • (EN) Alfred Znamierowski, The World Encyclopedia of Flags, Hermes House, ISBN 1-84309-042-2.
  • (EN) George Canby e Lloyd Balderston, The Evolution of the American Flag, Filadelfia, Ferris & Leach, 1909.
  • (EN) Grace Rogers Cooper, Thirteen-Star Flags: Keys to Identification, Washington, Smithsonian Institution Press, 1973.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN37712285 · ISNI (EN0000 0000 8117 1813 · LCCN (ENn50028479 · GND (DE118774921 · ULAN (EN500000835 · CERL cnp00140492