Francis Assisi Chullikatt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francis Assisi Chullikatt
arcivescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Francis Assisi Chullikatt.svg
Fidei in virtute
Titolo Ostra
(titolo personale di arcivescovo)
Incarichi attuali Nunzio apostolico in Kazakistan, Tagikistan e Kirghizistan
Incarichi ricoperti Nunzio apostolico in Giordania
Nunzio apostolico in Iraq
Osservatore permanente della Santa Sede presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite
Nato 20 marzo 1953 (65 anni) a Bolghatty
Ordinato presbitero 3 giugno 1978
Nominato arcivescovo 29 aprile 2006 da papa Benedetto XVI
Consacrato arcivescovo 25 giugno 2006 dall'arcivescovo Giovanni Lajolo (poi cardinale)

Francis Assisi Chullikatt (Bolghatty, 20 marzo 1953) è un arcivescovo cattolico indiano, dal 2016 nunzio apostolico in Kazakistan, Tagikistan e Kirghizistan.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Bolghatty, in India, il 20 marzo 1953.

Il 3 giugno 1978 è ordinato presbitero per l'arcidiocesi di Verapoly.

Entra nel servizio diplomatico della Santa Sede il 15 luglio 1988: presta la propria opera nelle rappresentanze pontificie in Honduras, in Africa meridionale e nelle Filippine, presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite a New York e infine presso la Sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato.

Il 29 aprile 2006 è nominato nunzio apostolico in Giordania e Iraq e arcivescovo titolare di Ostra[1]; riceve l'ordinazione episcopale, nel St. Albert College a Kochi, il 25 giugno 2006 dall'arcivescovo Giovanni Lajolo (poi cardinale), coconsacranti gli arcivescovi Pedro López Quintana e Daniel Acharuparambil.

Il 17 luglio 2010 è nominato osservatore permanente della Santa Sede presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite[2]; il 1º luglio 2014 gli succede Bernardito Cleopas Auza[3].

Il 30 aprile 2016 è nominato nunzio apostolico in Kazakistan e Tagikistan e, il successivo 24 giugno, nunzio apostolico in Kirghizistan.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN35145243769174441148 · GND (DE1080777520