Francesco Sidoti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesco Sidoti (...) è un sociologo e criminologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Sidoti si è laureato nel 1970 presso l'Università di Catania. Dopo la specializzazione a Roma nel 1971, presso la Fondazione Olivetti, e a Torino nel 1972, presso il Centro Studi di Scienza Politica, sotto la direzione di Norberto Bobbio, ha ricoperto diverse cariche: Direttore del Dottorato in Diritto penale e criminalità organizzata nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Bari; Direttore del Dottorato in Criminologia nell'università Ludes di Lugano; Fellow, Center for Terrorism Studies and Security Research, Facoltà di Scienze Politiche, Università di Belgrado; Direttore Scientifico dell'Osservatorio provinciale sulla criminalità e sicurezza, Treviso 2008. È stato Guest Scholar presso The Brookings Institution a Washington D. C. È stato Segretario del Comitato di ricerca 29 (Deviance and Social Control) della International Sociological Association, 2010-2014.(https://www.isa-sociology.org/en/research-networks/research-committees/rc29-deviance-and-social-control/rc29-past-boards)

Uno dei suoi più noti contributi scientifici è legato alla distinzione tra l'intelligence e lo spionaggio. Quest'ultimo viene definito come un traffico di informazioni riservate. L'intelligence, invece, è descritta come l'attività di raccolta e valutazione delle informazioni relative alla sicurezza. Questa significativa distinzione è stata accolta da autorevoli specialisti, come ad esempio Umberto Gori, Lezioni di relazioni internazionali, Cedam, Padova 2004, e Marco Valentini, Il sistema d'intelligence, in “Instrumenta”, n. 23, maggio-agosto 2004.   

È fondatore del Corso di Laurea in Scienze dell'Investigazione presso l'Università degli Studi de L'Aquila ha pubblicato vari volumi in Italia, Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Germania, Canada, Corea, Turchia.[1]. Ha commentato in vari giornali e riviste internazionali le vicende politiche italiane[2].

Nel 2019 ha conseguito il titolo di professore emerito della Università degli Studi de L'Aquila.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Id., I Carabinieri e l'identità italiana, con Mariateresa Gammone e Corrado Veneziano, ETS, Pisa 2018.
  • Id., (con M. Gammone, M. Ciotti, M. Fang,  La Criminalità in Italia e in Cina, Ghaleb editore, Roma, 2017  (con testo in italiano e in cinese)
  • Id., Westernization and de-Westernization in Turkey, in K. Bieniek (ed.), RepublikaTurcji. Polityka Zagraniczna I Wewnetrzna, Uniwersytet Pedagogiczny, Krakow 2016.
  • Id., (con M. Ali Icbay, H. Arslan, eds.), Research on Cultural Studies, Frankfurt am Main, Peter Lang 2016.
  • Id., The rebirth of classical Europe. What does it mean to be a European? POLITEJA, vol. 1, p. 10-30, 2015 ISSN: 1733-6716
  • Id., Il crimine all'italiana, Ed Guerrini & Associati Libreria , Milano 2012.
  • Id., Le verità del terremoto, Libreria Universitaria Benedetti, L'Aquila 2010.
  • Id., Investigazione e Giustizia, Libreria Universitaria Benedetti, L'Aquila 2009.
  • Id., L'investigazione e le scienze umane, L'Aquila: Edizioni Colacchi, 2007
  • Id., Criminologia e investigazione, Milano: Giuffrè, 2006
  • Id., L'investigazione come scienza, a cura di Francesco Sidoti, L'Aquila: Edizioni Libreria Colacchi, 2004
  • Id., Giornalismo investigativo, Roma, Koiné Nuove Edizioni, Roma 2004.
  • Id., Le sfide dell'Asia: modelli educativi a confronto (in collaborazione con Giuseppe Tribuzio), Rimini: Il Cerchio, 2003
  • Id., Investigazione pubblica e privata nel giusto processo (con F. Donato), Napoli: Edizioni giuridiche Simone: Esselibri 2000
  • Id., "La cultura dell'investigazione", Koine Nuove Edizioni, Roma 2002.
  • Id., Introduzione alla sociologia della devianza, Roma: SEAM, 1999.
  • Id., Morale e metodo nell'intelligence, Bari: Cacucci, 1998.
  • Id., Istituzioni e criminalità, Padova: CEDAM 1996.
  • Id., Italy: A Clean-up after the Cold War, in “Government and Opposition”, 28, 1, 1993.
  • Id., Politeismo dei valori: civilizzazione e cristianità nelle ricerche sociologiche, Padova, CEDAM 1992.
  • Id., Terrorism supporters in the West: the Italian case, in N. Gal-Or (ed.), Tolerating Terrorism in the West. An International Survey, London, Routledge, 1991.
  • Id., Povertà, devianza, criminalità nell'Italia meridionale, Milano: Angeli, 1989.
  • Id., I limiti della razionalità pubblica: evoluzionisti e razionalisti nella teoria sociologica, Edizioni di Comunità, Milano 1983.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comunicato stampa COISP[collegamento interrotto] Consultato il 17 giugno 2008
  2. ^ [1] New York Times

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN29548872 · ISNI (EN0000 0000 8108 1252 · SBN IT\ICCU\CFIV\114219 · LCCN (ENn79092704 · BNF (FRcb12030139c (data) · WorldCat Identities (ENn79-092704
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie