Francesco Rossi (compositore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesco Rossi (Bari, 17 giugno 16271699) è stato un compositore e abate italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Poche notizie certe si hanno di questo musicista. Nato a Bari, l'abate Francesco Rossi[1] fu attivo come maestro di cappella a Napoli presso il Conservatorio di Sant'Onofrio a Porta Capuana dal 1669 al 1672; a questo periodo risalgono un oratorio (La caduta degli angeli) e alcune cantate. Nel 1677 fu nominato canonico della Cattedrale di Bari. Negli anni '80 del XVII secolo si trasferì quindi a Venezia, città dove fece rappresentare almeno tre opere liriche: Il Sejano moderno della Tracia ovvero La caduta dell'ultimo Gran Visir (su libretto di Antonio Girapoli, 1686); La Corilda ovvero l'amore trionfante della vendetta (su libretto di Paolo Emilio Badi, 1688); La pena degli occhi (1688), tutte andate in scena presso il Teatro San Moisè.

Al Rossi è attribuita anche (in particolare dal Fétis) una quarta opera, perduta, intitolata Mitrane: rappresentata forse al San Moisè (o, secondo Franz Stieger, a Treviso) nel 1689, deve la sua notorietà a un'aria per contralto in Mi maggiore, tuttora in repertorio, "Ah! rendimi quel core", che lo stesso Fétis dichiarò di aver estratto dalla partitura del Mitrane per inserirla in un suo concerto del 1833 dedicato alla musica del XVII secolo.

Secondo altri autori, tuttavia, l'esistenza stessa dell'opera Mitrane è da ritenersi dubbia, e l'aria "Ah, rendimi" sarebbe di un autore ignoto della seconda metà del Settecento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ da non confondersi con un omonimo, anch'esso autore di opere liriche, e attivo a Milano fra il 1658 e il 1669, né con un altro Francesco Rossi, autore delle opere La ninfa Apollo (1726) e L'inganno felice (1730)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Chiavarone, "Francesco Rossi I-II-III... Quanti?"; in: Sergio Martinotti (a cura di), La musica a Milano, in Lombardia e oltre, Vol. 1. Ed. Vita e Pensiero, Milano, 1996.
Controllo di autoritàVIAF (EN34721071 · ISNI (EN0000 0004 2209 8176 · GND (DE131698877 · BNF (FRcb13943285f (data) · WorldCat Identities (ENviaf-305666513
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie