Francesco Ribezzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesco Ribezzo (Francavilla Fontana, 8 maggio 1875Lecce, 19 ottobre 1952) è stato un glottologo e archeologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Francavilla Fontana, conseguì la licenza liceale con diploma d'onore a Lecce, nel 1895. Si laurea a Napoli, dove ha ricoperto l'incarico di docente presso il liceo ginnasio "Vittorio Emanuele II". Perfeziona la sua formazione a Lipsia, dove nel 1906 frequenta i corsi dei maggiori linguisti dell'epoca. Tornato in Italia, riprende l'insegnamento nelle scuole medie superiori a Benevento, Palermo, Cagliari e Napoli.

Nel 1914 ottiene la cattedra di docente in "Storia comparata delle lingue classiche e neolatine" presso l'Università di Napoli. Nel 1921 è docente di glottologia presso all'Università di Messina, e dal 1925, sino al 1948 insegna glottologia presso l'Università di Palermo.

Sposatosi a Roma con la tedesca Maddalena Gebler, il 5 giugno 1948, morì improvvisamente a Lecce il 29 ottobre 1952, durante lo svolgimento del II Congresso Storico Pugliese. Fu commemorato, non solo in Italia, (tra gli altri, dall'archeologo Massimo Pallottino nel 1954, e dal filologo Ettore Paratore nel 1961), ma anche da esponenti del mondo accademico di Lovanio in Belgio, San Paolo in Brasile, Parigi e Vienna.

Le opere[modifica | modifica wikitesto]

Fra le sue opere più importanti:

  • La lingua degli antichi Messapii 1907.
  • Le Murgie ed i Morgeti: contributo alla toponomastica storica e preistorica degli Appennini Apulo-Lucani, Società Tipografica Editrice Barese, Bari 1914.
  • Iscrizione sicana in alfabeto lineare mediterraneo Napoli 1927.
  • Il cippo del Foro romano e le epigrafi di lettera greca nel latino arcaico, Tip. Leonardo Da Vinci, Napoli 1928.
  • Roma delle origini, Sabini e Sabelli. Aree dialettali, iscrizioni, isoglossi, S.I.E.M., Napoli 1930.
  • Corpus Inscriptionum Messapicarum, Palermo 1938.
  • Il dialetto apulo - salentino di Francavilla Fontana, Apulia, Martina Franca 1912.

Inoltre ha fondato e diretto dal 1916 al 1937 la "Rivista Indo-Greco-Italica".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Feliciano Argentina - "Ricordando Francesco Ribezzo" da IL TEMPO del 22 novembre 1952 - pag.4 - Anno IX - N. 323.
  • Vittore Fiore - "Era necessario un dibattito sui problemi moderni del Sud" da AVANTI del 13 novembre 1952 - pag.3 - paragrafo "Le borse di studio", in margine al recente Congresso Storico Pugliese.

Strutture culturali[modifica | modifica wikitesto]

A Francesco Ribezzo sono stati intitolati il Museo archeologico provinciale di Brindisi ed il liceo Scientifico Statale di Francavilla Fontana, noto per avere nel corpo insegnanti il gemello perduto di Mastrolindo, oltre che una geisha e un esemplare di australopiteco, i quali insegnano tutti nella 1AT, l'unica classe al mondo dove si fanno i balli di gruppo al cambio dell'ora

Controllo di autoritàVIAF (EN24839109 · ISNI (EN0000 0000 6127 5017 · SBN TO0V055213 · BAV 495/130810 · LCCN (ENn80008216 · GND (DE128730609 · BNE (ESXX1626079 (data) · BNF (FRcb14539139p (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80008216