Francesco Paolo Tosti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Paolo Tosti

Francesco Paolo Tosti (Ortona, 9 aprile 1846Roma, 2 dicembre 1916) è stato un compositore e cantante italiano, conosciuto per essere stato l'autore di celebri romanze da salotto o da camera.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frontespizio di inizio Novecento di uno spartito musicale disegnato da Francesco Paolo Michetti per Tosti

Quinto dei cinque figli sopravvissuti di Giuseppe, commerciante ortonese, studiò col maestro Saverio Mercadante presso il Conservatorio di San Pietro a Majella a Napoli, dove si diplomò in violino e composizione nel 1866.

Incominciò a lavorare organizzando spettacoli e dirigendo opere per gli impiegati della ferrovia adriatica, seguendo i lavori tra Ortona e Ancona; si trasferì poi a Roma dove, sfruttando la sua voce tenorile, incominciò a esibirsi come cantante: grazie a questa attività divenne una celebrità e cominciò a frequentare gli ambienti mondani della capitale, venendo assunto come maestro di canto di Margherita di Savoia, la futura regina d'Italia. Qui strinse amicizia con altri due grandi abruzzesi: Gabriele D'Annunzio, uno dei massimi poeti italiani del tempo, e Francesco Paolo Michetti, noto pittore.

Pasquale Amato, Francesco Paolo Tosti ed Enrico Caruso 1914

Alla fine degli anni 1870 si trasferì a Londra dove, grazie al Lord Mayor e all'appoggio del celebre violoncellista Gaetano Braga, suo corregionale, nel 1880 entrò alla corte della regina Vittoria come maestro di canto: mantenne la sua posizione anche sotto il suo successore, Edoardo VII, che nel 1908 gli conferì il titolo di grand ufficiale del Reale Ordine Vittoriano (del quale era già un commendatore): intanto, pur riluttante, aveva accettato anche la cittadinanza britannica (1906). Per tutto il suo periodo inglese continuò ad aver rapporti con l'Italia, dove trascorreva regolarmente alcuni periodi.

Alla morte di Edoardo VII (1910) decise di rientrare definitivamente in Italia e di stabilirsi a Roma, dove morì presso l'Hotel Excelsior nel 1916.

Tra le sue oltre cinquecento romanze per canto e pianoforte, i cui testi vennero scritti anche da poeti come Antonio Fogazzaro, Rocco Pagliara, Naborre Campanini e Gabriele d'Annunzio, e sono stati interpretati dalle voci di Enrico Caruso, Tito Schipa, Giuseppe Di Stefano, Alfredo Kraus, Jussi Björling, Luciano Pavarotti, Mina, Andrea Bocelli e José Carreras, si ricordano brani tuttora molto eseguiti, quali: L'alba separa dalla luce l'ombra, Malìa, Vorrei morir, Non t'amo più, L'ultima canzone, Ideale e Marechiare, su testo di Salvatore di Giacomo, divenuto un classico della canzone napoletana.

Opera e stile[modifica | modifica wikitesto]

L'originalità del Tosti risiedette nell'essere stato musicista atipico per i suoi tempi delle romanze, delle chansons, non scrisse mai un libretto d'opera lirica, probabilmente per mantenere la sua originalità e la sua idea di musica nel cantuccio personale, pur rimanendo in forti rapporti di amicizia e collaborazione con i maggiori librettisti e compositori: Giacomo Puccini, Giuseppe Verdi, Gaetano Braga, Pietro Mascagni. Oltre ad essere uno dei migliori maestri di canto dell'epoca, come testimonia Verdi in una lettera, Tosti seppe farsi, alla pari dell'amico D'Annunzio, molta pubblicità nel panorama culturale italiano e internazionale, soprattutto durante il periodo londinese, collaborando con la filiale estera di Casa Ricordi.

Caricatura di Tosti, 1885

Tra il 1875 e il 1879 frequentò assiduamente il "conventino" di Francavilla al Mare, ossia il cenacolo culturale voluto dall'amico pittore Francesco Paolo Michetti presso l'ex convento di Sant'Antonio, con altri intellettuali abruzzesi quali lo stesso D'Annunzio (anche se vi entrò più tardi), Basilio Cascella, Costantino Barbella, Edoardo Scarfoglio, Antonio De Nino.
In questo periodo il Tosti ebbe un amore con la nobile Maria Vernowska, cui insegnava canto a Londra, che avrebbe portato, come "romanzeggia" la pellicola cinematografica Torna caro ideal (1939) in Abruzzo, nel convento di Francavilla, facendole conoscere quel mondo primordiale e sincero tanto caro alle prime prose dannunziane, e ai quadri michettiani, come il pellegrinaggio al santuario dei Miracoli di Casalbordino.

A questo periodo risalirebbe la composizione della sua romanza forse più famosa: Ideale.

Presso la Royal Academy di Londra, il Tosti impartì lezioni ai rampolli della real casa, quali i figli di Vittoria, tranne Edoardo VII, impartendo lezioni di canto anche ai rampolli delle reali casate di Spagna, Norvegia, Svezia e Romania, e anche ad Alessandra, moglie dello zar Nicola II. Il catalogo delle opere di Tosti, conservato nel Museo Musicale d'Abruzzo a Ortona (CH), contiene composizioni per canto e pianoforte, differenziate in romanze, songs, chansons, mélodies, canzoni italiane e canzoni dialettali.

Monumento a Francesco Paolo Tosti, opera di Guido Costanzo (1926), in piazza del Teatro, Ortona (CH)

Tosti per le sue romanze, spesso e volentieri scelse le composizioni in versi scritte dall'amico D'Annunzio, come a Vucchella in dialetto napoletano, ma anche di Enrico Panzacchi, Rocco Pagliara, Giosue Carducci, Antonio Fogazzaro, e all'estero di Victor Hugo, Alfred De Musset, Paul Verlaine, riuscendo a distinguersi dagli altri compositori di romanze per uno stile personale, spensierato, ma allo stesso tempo velato dalla malinconia, caratterizzate da raffinatezza e dall'intonazione patetica e sentimentale; fu introdotta ad esempio l'innovazione tecnica del'accompagnamento ternario, quello binario, affidato al canto.

Il Teatro Vittoria di Ortona, reintitolato a Francesco Paolo Tosti

In un certo senso il Tosti fu anche anticipatore della Maggiolata ortonese, un festival di musica che fu avviato nel 1929 da un gruppo di compositore e musicisti locali, quali Guido Albanese e Luigi Dommarco. Il suo gruppo di Canzoni popolari abruzzesi (15 pezzi), di cui si ricorda la "Viuletta" del 1888, scritta da Tommaso Bruni, riprende motivi popolari già cristallizzati nel panorama musicale d'ambito rurale, come l'emigrazione, la guerra, il lavoro nei campi, l'amore fugace, la serenata, la natura loquens; qui però sono ancora ben rigidi i dettami della romanza, mentre per la Maggiorata ci sarà un'esplosione sincera degli strumenti musicali tipici abruzzesi, quali la fisarmonica, la trombetta, il tamburello, e si userà prettamente il dialetto locale.

Composizioni (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Romanze per Gabriele d'Annunzio (1880 - 1899)[modifica | modifica wikitesto]

  • Visione!
  • Buon Capodanno
  • "Vuol note o banconote? "
  • En Hamac
  • Notte bianca
  • Arcano!...
  • Vorrei
  • Per morire
  • 'A vucchella
  • Quattro canzoni d'Amaranta
  • L'alba separa dalla luce l'ombra
  • O falce di luna calante

Romanze abruzzesi (1897)[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Corvo di Ortona: il Museo musicale del Tosti
  • Augurio
  • Canti popolari abruzzesi (15 pezzi)
  • Senza di te!
  • Povera Maria
  • Chitarrata abruzzese

Monumenti di Ortona per Tosti[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Corvo: Museo musicale d'Abruzzo - Archivio di F. P. Tosti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Palazzi di Ortona.

Il palazzo Corvo è una dimora storica del rione Terravecchia, sul corso Matteotti (XVII secolo), e sopravvisse ai bombardamenti del 1943. Fu costruito nel XVI secolo sopra un convento (oggi ex convento di Sant'Agostino), e ospitò la ricca famiglia Corvo.

Semplice struttura corposa in bugnato con cortile interno; oggi è sede dell'Istituto Nazionale Tostiano, dal 1994, che si occupa di far conoscere la tradizione musicale abruzzese, soprattutto documentazione sul festival ortonese della Maggiolata, e conserva manoscritti originali del compositore. Una sala dedicata a Tosti è stata ricostruita ispirandosi alla sua dimora a Londra, con arredi originali.

Teatro "Francesco Paolo Tosti"[modifica | modifica wikitesto]

Il teatro "Vittoria" oggi dedicato al compositore, fu costruito nel 1929 in forma neoclassica e Liberty, con decorazioni sulla facciata di stampo greco-classico. Il teatro d'opera, proprietà privata, fu dato al comune di Ortona solo negli anni novanta, quando si restaurò e fu dedicato a Tosti. Oggi è il teatro principale della città.

A Francesco Paolo Tosti è dedicata anche una statua del 1926, opera di Guido Costanzo, un gruppo che rappresenta il compositore attorniato dalle sue "muse", le contadine abruzzesi. L'opera è collocata a fianco della chiesa di Santa Caterina, nel piazzale del teatro.

La casa natale del Tosti oggi non esiste più, era collocata alla fine del corso Vittorio Emanuele, in affaccio su piazza Municipio. Dalle immagini storiche appariva molto modesta, a un solo piano. Fu distrutta durante la guerra.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Di Tizio, "Francesco Paolo Tosti", Pescara, Brandolini, 1984.
  • Francesco Sanvitale, Francesco Paolo Tosti. Vita e opere, EDT, Torino 1991. ISBN 8870630943
  • Francesco Sanvitale-Andreina Manzo, Il canto di una vita. Francesco Paolo Tosti, EDT, Torino 1997. ISBN 8870632504

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN46947921 · ISNI (EN0000 0001 1026 2045 · LCCN (ENn81048020 · GND (DE119246635 · BNF (FRcb13900518k (data) · BAV ADV12217150 · NDL (ENJA00884652 · WorldCat Identities (ENn81-048020