Francesco Palermo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Palermo

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
Per le Autonomie (SVP-UV-PATT-UPT) - PSI - MAIE
Coalizione Italia. Bene Comune
Circoscrizione Trentino-Alto Adige
Collegio 4 (Bolzano)
Incarichi parlamentari
  • Membro della 1ª Commissione permanente (Affari Costituzionali) dal 7 maggio 2013
  • Presidente del Comitato per i pareri della 1ª Commissione dal 7 maggio 2013
  • Membro della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani dal 20 maggio 2013
  • Membro della Commissione parlamentare per la semplificazione dal 19 luglio 2013
  • Membro della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari dal 7 maggio 2013 al 4 giugno 2013
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Indipendente[1][2]
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione avvocato, docente universitario

Francesco Palermo (Bolzano, 11 ottobre 1969) è un docente, costituzionalista e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attività accademica[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in legge all'università di Trento nel 1994, Palermo ha avuto il primo incarico come ricercatore all'EURAC di Bolzano. Nel 1998 si è specializzato con un dottorato di ricerca in diritto costituzionale comparato all'Università di Innsbruck. Dal 2001 al 2007 ha insegnato alla Vermont Law School, negli Stati Uniti d'America, e dal 2004 è professore associato di diritto pubblico comparato all'Università di Verona; lo stesso anno è stato nominato direttore dell'Istituto di Federalismo e Regionalismo dell'EURAC.

È stato visiting professor in diverse università, tra cui l'Università di Ratisbona, l'Università di Zurigo e l'Università di Siviglia, e dal 2007 al 2010 ha lavorato per l'OSCE e per il Comitato Consultivo per la Convenzione-quadro per la protezione delle minoranze nazionali al Consiglio d'Europa. Dal 2011 è membro del gruppo di esperti indipendenti del Consiglio d'Europa sulla Carta Europea dell'Autonomia Locale.

Dal 2012 al 2014 era membro e primo vicepresidente del Comitato Consultivo per la Convenzione-quadro per la protezione delle minoranze nazionali al Consiglio d'Europa. Nel 2014 è stato eletto presidente del Comitato Consultivo per la Convenzione-quadro per la protezione delle minoranze nazionali al Consiglio d'Europa. Dal 2014 è inoltre membro delle commissioni paritetiche per il Trentino-Alto Adige e presidente della Commissione dei Sei.

È altresì editorialista per alcune testate giornalistiche dell'Alto Adige, tra cui Alto Adige e Salto.bz.[3].

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche italiane del 2013 si è presentato come candidato indipendente al Senato della Repubblica nel collegio uninominale di Bolzano-Bassa Atesina, sostenuto da una lista unificata PD-SVP e con l'appoggio esterno di SEL, Verdi del Sudtirolo, UdC e Scelta Civica[4]. Palermo è stato eletto senatore con il 51,8% dei voti.

È attualmente membro della Commissione Affari Costituzionali e Presidente del Comitato per i pareri della commissione stessa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90189161 · LCCN: (ENno00078343 · SBN: IT\ICCU\CFIV\183426 · ISNI: (EN0000 0000 7852 0445 · GND: (DE121227251 · BNF: (FRcb16110239z (data)