Francesco Palermo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Palermo
Francesco Palermo datisenato 2013.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
Per le Autonomie
Circoscrizione Trentino-Alto Adige
Collegio 4 (Bolzano)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Indipendente[1][2]
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione avvocato, docente universitario

Francesco Palermo (Bolzano, 11 ottobre 1969) è un docente, costituzionalista e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attività accademica[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Giurisprudenza all'Università di Trento nel 1994, Palermo ha avuto il primo incarico come ricercatore all'EURAC di Bolzano. Nel 1998 si è specializzato con un dottorato di ricerca in diritto costituzionale comparato all'Università di Innsbruck. Dal 2001 al 2007 ha insegnato alla Vermont Law School, negli Stati Uniti d'America, e dal 2004 è professore associato di diritto pubblico comparato all'Università di Verona; lo stesso anno è stato nominato direttore dell'Istituto di studi federali comparati di EURAC Research a Bolzano.

È stato visiting professor in diverse università, tra cui l'Università di Ratisbona, l'Università di Zurigo e l'Università di Siviglia, e dal 2007 al 2010 ha lavorato per l'OSCE e per il Comitato Consultivo per la Convenzione-quadro per la protezione delle minoranze nazionali al Consiglio d'Europa. Dal 2011 è membro del gruppo di esperti indipendenti del Consiglio d'Europa sulla Carta Europea dell'Autonomia Locale.

Dal 2012 al 2014 era membro e primo vicepresidente del Comitato Consultivo per la Convenzione-quadro per la protezione delle minoranze nazionali al Consiglio d'Europa. Nel 2014 è stato eletto presidente del Comitato Consultivo per la Convenzione-quadro per la protezione delle minoranze nazionali al Consiglio d'Europa. Dal 2014 è inoltre membro delle commissioni paritetiche per il Trentino-Alto Adige e presidente della Commissione dei Sei. Dal 2016 è presidente della International Association of Centers for Federal Studies (IACFS).

È altresì editorialista per alcune testate giornalistiche dell'Alto Adige, tra cui Alto Adige e Salto.bz.[3].

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche italiane del 2013 si è presentato come candidato indipendente al Senato della Repubblica nel collegio uninominale di Bolzano-Bassa Atesina, sostenuto da una lista unificata PD-SVP e con l'appoggio esterno di SEL, Verdi del Sudtirolo, UdC e Scelta Civica[4]. Grazie a tale largo sostegno, Palermo è stato eletto senatore con il 51,8% dei voti collegiali.

È stato membro della Commissione Affari Costituzionali e Presidente del Comitato per i pareri della commissione stessa, Vicepresidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere e membro della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Senatore indipendente: Vantaggi e/o svantaggi?
  2. ^ Palermo: "Io indipendente, Pd e Svp accetteranno le mie idee"
  3. ^ Francesco Palermo su Salto.bz Archiviato il 1º settembre 2016 in Internet Archive.
  4. ^ È Francesco Palermo il candidato al Senato, su altoadige.gelocal.it. URL consultato l'8 marzo 2014 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2014).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90189161 · ISNI (EN0000 0000 7852 0445 · SBN IT\ICCU\CFIV\183426 · LCCN (ENno00078343 · GND (DE121227251 · BNF (FRcb16110239z (data) · WorldCat Identities (ENno00-078343