Francesco Lollobrigida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Lollobrigida
Francesco Lollobrigida datiCamera 2022.jpg

Ministro dell'agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste
In carica
Inizio mandato 22 ottobre 2022
Capo del governo Giorgia Meloni
Predecessore Stefano Patuanelli[1]

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII, XIX
Gruppo
parlamentare
Fratelli d'Italia
Circoscrizione Lazio 2
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Fratelli d'Italia (dal 2012)
In precedenza:
MSI (fino al 1995)
AN (1995-2009)
PdL (2009-2012)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Imprenditore turistico

Francesco Lollobrigida (Tivoli, 21 marzo 1972) è un politico italiano, deputato per Fratelli d'Italia dal 2018, dove ricopre dal 28 giugno 2018 l'incarico di capogruppo parlamentare del suo partito. Dal 22 ottobre 2022 è ministro dell'agricoltura e della sovranità alimentare nel governo Meloni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pronipote di Gina Lollobrigida (il nonno paterno di Francesco è uno dei fratelli di Gina), vive a Roma, dove si è laureato in giurisprudenza. È sposato con la sorella di Giorgia Meloni, Arianna, all'epoca militante di Alleanza Nazionale, e ha due figlie, di cui una nata nel 2008.[2] È sostenitore delle comunità terapeutiche per il recupero dei tossicodipendenti, ha collaborato con San Patrignano.[3]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Entra in politica fin da giovanissimo nel Fronte della Gioventù, l'organizzazione giovanile del Movimento Sociale Italiano, di cui è stato segretario provinciale della Provincia di Roma fino al 1995. Nel 1995, durante il servizio militare in Aeronautica, viene eletto nel Coir.

Dal 1997 al 1999 è responsabile nazionale di Azione Studentesca, organizzazione degli studenti medi di Alleanza Nazionale. Dal 1996 al 2000 è stato consigliere comunale a Subiaco, mentre dal 1998 al 2003 è stato consigliere provinciale di Roma.[3] Dal 2005 al 2006 è stato assessore allo sport, cultura e turismo del comune di Ardea.[4]

Si candida alle elezioni regionali nel Lazio del 2005 con Alleanza Nazionale, nella mozione del presidente uscente Francesco Storace, dove risulterà il secondo dei non eletti nella Provincia di Roma in consiglio regionale del Lazio.

Consigliere e assessore regionale[modifica | modifica wikitesto]

L'anno seguente, il 5 luglio 2006, viene eletto Consigliere regionale nel Lazio, subentrando ad Andrea Augello, eletto al Senato della Repubblica nelle elezioni politiche del 2006.[5] Nel 2008 diventa presidente provinciale di Alleanza Nazionale di Roma e dal 2010 al 2012 ha lo stesso incarico nel Popolo della Libertà (PdL).

Il 17 aprile 2010 è stato nominato assessore con deleghe regionali alla mobilità e ai trasporti nella giunta regionale del Lazio di Renata Polverini, incarico che mantiene fino al 12 marzo 2013.[6]

Il 20 dicembre 2012 abbandona il PdL, assieme alla cognata Giorgia Meloni, e insieme sono tra i fondatori di Fratelli d'Italia.[7]

Nel 2013 diventa responsabile nazionale "organizzazione" di Fratelli d'Italia.[8]

Deputato e capogruppo di FdI[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del marzo 2018 viene eletto alla Camera dei deputati, nelle liste di Fratelli d'Italia nella circoscrizione Lazio 2.[9]

Il 27 giugno 2018 viene eletto capogruppo di Fratelli d'Italia a Montecitorio, succedendo a Fabio Rampelli, eletto a sua volta vicepresidente della Camera dei deputati.[10]

Ad aprile 2021 è uno dei firmatari della proposta avanzata da Forza Italia di una Commissione parlamentare d'inchiesta "sull'uso politico della giustizia", per mettere sotto inchiesta e indagare sull’attività delle magistratura dal Parlamento.[11]

Alle elezioni politiche anticipate del 25 settembre 2022 viene candidato per la Camera dei deputati come capolista nel collegio plurinominale Lazio 1 - 02 e Lazio 2 - 02 risultando rieletto. Il 18 ottobre viene confermato capogruppo di FdI alla Camera.[12]

Ministro[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Lollobrigida in occasione della cerimonia di giuramento del governo

Dal 22 ottobre 2022 è ministro dell'agricoltura, sovranità alimentare e foreste nel governo Meloni.

Ha esposto di essere contrario al cibo sintetico e artificiale e di voler contrastare la sua produzione in Italia.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Politiche agricole alimentari e forestali.
  2. ^ www.italiaoggi
  3. ^ a b Ecco chi è Francesco Lollobrigida, il nuovo assessore regionale Lazio mobilità e trasporti, in RomaToday. URL consultato il 31 agosto 2018.
  4. ^ archivio.riparteilfuturo.it, http://archivio.riparteilfuturo.it/wp-content/uploads/2013/02/LOLLOBRIGIDA-cv.pdf.
  5. ^ Gli incarichi e le dichiarazioni di FRANCESCO LOLLOBRIGIDA | openpolis, su politici.openpolis.it. URL consultato il 31 agosto 2018.
  6. ^ Francesco Lollobrigida, Assessore alla Mobilità e ai Trasporti Lazio - Corriere.it Roma, su roma.corriere.it. URL consultato il 31 agosto 2018.
  7. ^ Lollobrigida (FdI) demolisce il decreto "dignità": «È solo una scatola vuota» - Secolo d'Italia, in Secolo d'Italia, 1º agosto 2018. URL consultato il 31 agosto 2018.
  8. ^ Francesco Lollobrigida eletto nuovo capogruppo di FdI alla Camera, in Affaritaliani.it. URL consultato il 31 agosto 2018.
  9. ^ In Parlamento arriva la "generazione Atreju": ecco i deputati cresciuti con la Meloni - Secolo d'Italia, in Secolo d'Italia, 6 marzo 2018. URL consultato il 31 agosto 2018.
  10. ^ barbadillo.it, http://www.barbadillo.it/75669-politica-francesco-lollobrigida-nuovo-capogruppo-fdi-alla-camera/.
  11. ^ Ora Forza Italia, Lega e Italia viva vogliono una commissione d'inchiesta sulla magistratura. No di M5s e Pd. Caselli: "Regolamento di conti", su Il Fatto Quotidiano, 14 aprile 2021. URL consultato il 14 maggio 2021.
  12. ^ Berlusconi: «Meloni ha detto di sì a Casellati ministro Giustizia. Salvini e Tajani vicepremier», su www.ilmessaggero.it, 18 ottobre 2022. URL consultato il 18 ottobre 2022.
  13. ^ Lollobrigida: "Mai carne sintetica in Italia, a rischio la cultura alimentare del Paese", su la Repubblica, 17 novembre 2022. URL consultato il 17 novembre 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali della Repubblica Italiana Successore Logo MIPAAF.png
Stefano Patuanelli dal 22 ottobre 2022
Predecessore Capogruppo di Fratelli d'Italia
alla Camera dei deputati
Successore Logo della Camera dei deputati.svg
Fabio Rampelli dal 28 giugno 2018 In carica