Francesco Ercole di Valois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco di Valois
François de France, duc d'Alençon + 1584.jpg
Principe reale di Francia, Duca di Angiò
Nome completo Francesco Ercole di Valois-Angoulême
Nascita Castello di Saint-Germain-en-Laye,, 18 marzo 1555
Morte Château-Thierry, 10 giugno 1584
Padre Enrico II di Valois
Madre Caterina de' Medici

Francesco Ercole di Valois, duca d'Alençon e d'Angiò (18 marzo 155510 giugno 1584), fu l'ottavo figlio di Enrico II di Francia e di Caterina de' Medici e fratello dei re di Francia: Francesco II, Carlo IX e Enrico III.

Alla testa del partito dei Malcontent, Francesco svolse un ruolo politico particolarmente importante nella Francia di fine Cinquecento. Causò problemi alla corte di suo fratello Enrico III e partecipò alla sesta e settima guerra di religione.

Prese parte alla guerra di indipendenza delle Fiandre contro la Spagna: era destinato a diventare il nuovo sovrano dei Paesi Bassi. Fu un pretendente alla mano della regina Elisabetta I d'Inghilterra dal 1572 alla sua morte.

Morì di tubercolosi il 10 giugno 1584 a Chateau-Thierry. La sua morte ebbe importanti implicazioni politiche: essendo suo fratello re Enrico III senza figli, permise ad Enrico di Navarra di diventare re di Francia alla morte di Enrico III. La prospettiva di avere un re ugonotto favorì quindi un rinnovamento del radicalismo cattolico con lo scoppio infine dell'ottava guerra di religione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovinezza[modifica | modifica wikitesto]

Nacque il 18 marzo 1555 nel castello di Fontainebleau, figlio di Enrico II di Francia e Caterina de' Medici. Era affetto da una lieve forma di nanismo. Fu battezzato con il nome di "Ercole": ebbe come padrini Luigi cardinale di Lorena e il conestabile di Francia Anne de Montmorency, e madrina, la duchessa di Ferrara Anna d'Este.

Durante la prima guerra di religione, causata dalla strage di Wassy, visse assieme a sua sorella maggiore Margherita, nel castello di Amboise.[1]

I complotti[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane duca d'Alençon.

Francesco Ercole, sia per il suo aspetto, sia per la scarsa intelligenza, sia per la giovane età, era tenuto in scarsa considerazione dai parenti e dalla corte. Ciò aveva fatto nascere in lui la gelosia e il desiderio di rivalsa e per i nemici di Caterina ciò poteva essere sfruttato a proprio vantaggio.

Margherita di Valois regina di Navarra (a sinistra) sorella di Francesco (a destra), in un arazzo dei Valois.

Sottoposto ai raggiri dei protestanti, che gli fecero credere di essere l'erede del defunto Coligny, Francesco tramava nell'ombra con l'unico scopo di vedere la disfatta dei fratelli.

Così, in occasione dell'assedio della cittadina protestante La Rochelle ad opera delle truppe reali, con a capo Enrico, e Francesco sottomesso ai suoi ordini, il duca tramò nell'ombra affinché l'esercito francese riportasse una grave sconfitta. In effetti La Rochelle tardava a soccombere. Francesco, nel frattempo, lasciò il campo di battaglia e andò a Parigi dalla madre per cercare di convincerla a nominarlo luogotenente dell'esercito al posto del fratello che, diceva, era solo un inetto. Caterina però era a conoscenza della perfidia del suo ultimo figlio e quindi non cedette alle sue richieste.

A manipolare Francesco non erano soltanto i protestanti ma anche Margherita, la quale voleva ostacolare la salita al trono dell'odiato fratello Enrico, dato che la tubercolosi stava minando la vita di Carlo IX. Da parte sua, Francesco adorava la sorella e seguiva ogni suo consiglio.

Quando Enrico fu nominato re di Polonia, Francesco, Margherita, Enrico di Navarra e la fazione ugonotta decisero di organizzarsi, per quando sarebbe morto Carlo IX, per combattere affinché il "piccolo" principe ne fosse il successore.

I cospiratori organizzarono un attentato per togliere di mezzo Caterina ed Enrico. Francesco avrebbe dovuto essere a capo delle truppe cospiratrici ma, colto dal panico, corse piangendo dalla madre a raccontarle del progetto e a chiedere perdono. Pianse, si disperò, baciò i piedi a Carlo IX e diede alla madre tutti i nomi dei congiurati pur di non finire giustiziato per alto tradimento.

Morto Carlo IX, su suggerimento di Caterina, Francesco inscenò la stessa commedia precedente: offrì il proprio pentimento e giurò fedeltà al nuovo re Enrico III. Intanto però il re ritenne opportuno tenere sotto stretta sorveglianza sia il fratello ribelle sia Enrico di Navarra.

La scaltra Margherita però, approfittando della maggiore libertà concessa da Caterina, la quale voleva riappacificare i due figli, riuscì a far evadere Francesco facendolo rifugiare a Dreux. La fuga scatenò l'ira di Enrico III, che accusò la madre di averla favorita e da allora la relegò nell'ombra, impedendole di prendere decisioni o di esercitare su di lui qualunque influenza. Da parte sua, Francesco non smise mai di complottare contro i familiari.

Le trattative matrimoniali[modifica | modifica wikitesto]

Caterina aveva progettato di offrire a Elisabetta I d'Inghilterra la mano di Francesco. La corte inglese era a conoscenza della civetteria e della ambiguità della loro sovrana ma Caterina e Francesco invece si illusero di aver fatto colpo. In effetti Elisabetta inviava al suo corteggiatore doni e lettere affettuose. Inoltre lo chiamava "il mio ranocchio".

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Il duca d'Angiò morì a Château-Thierry il 19 giugno 1584, a ventinove anni.[2]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Re di Francia
Valois-Angoulême
Blason comte fr Angouleme (Valois).svg

Francesco I (1515-1547)
Enrico II (1547-1559)
Francesco II (1559-1560)
Carlo IX (1560-1574)
Enrico III (1574-1589)
Albero genealogico di tre generazioni di Francesco Ercole di Valois
Francesco Ercole di Valois Padre:
Enrico II di Francia
Nonno paterno:
Francesco I di Francia
Bisnonno paterno:
Carlo di Valois-Angoulême
Bisnonna paterna:
Luisa di Savoia
Nonna paterna:
Claudia di Francia
Bisnonno paterno:
Luigi XII di Francia
Bisnonna paterna:
Anna di Bretagna
Madre:
Caterina de' Medici
Nonno materno:
Lorenzo de' Medici duca di Urbino
Bisnonno materno:
Piero il Fatuo
Bisnonna materna:
Alfonsina Orsini
Nonna materna:
Madeleine de La Tour d'Auvergne
Bisnonno materno:
Giovanni III de La Tour d'Auvergne
Bisnonna materna:
Giovanna di Borbone

Francesco nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Memorie della regina Margherita di Valois, p. 18
  2. ^ Cloulas, 1980, p. 433.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Memorie della regina Margherita di Valois, moglie d'Henrico IV il grande, books.google.it.
  • André Castelot, Regina Margot: una vicenda umana tra fasto, amore, crudeltà, guerre di religione e esilio, Milano, Fabbri Editore, 2000.
  • Ivan Cloulas, Caterina de' Medici, Firenze, Sansoni editore, 1980.
  • Benedetta Craveri, Amanti e regine. Il potere delle donne, Milano, Adelphi, 2008, ISBN 978-88-459-2302-9.
  • Janine Garrisson, Enrico IV e la nascita della Francia moderna, Milano, Mursia, 1987.
  • Charlotte Haldane, Regina di Cuori: Margherita di Valois, Verona, Gherardo Casini editore, 1975.
  • Dara Kotnik, Margherita di Navarra. La regina Margot, Milano, Rusconi libri, 1987.
  • Orsola Nemi & Henry Furst, Caterina de' Medici, Milano, Bompiani, 2000, ISBN 88-452-9077-8.
  • Jean Orieux, Caterina de' Medici. Un'italiana sul trono di Francia, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1988, ISBN 88-04-30464-2.
  • Marcello Vannucci, Caterina e Maria de' Medici regine di Francia, Roma, Newton&Compton Editori, 2002, ISBN 88-8289-719-2.
  • Éliane Viennot, Margherita di Valois. La vera storia della regina Margot, Milano, Mondadori, 1994.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN88904698 · LCCN: (ENn50051916 · ISNI: (EN0000 0001 0774 6073 · GND: (DE118692887 · BNF: (FRcb12544106f (data) · CERL: cnp00398287
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie