Francesco Di Leva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Francesco Di Leva ai David di Donatello 2023

Francesco Di Leva (Napoli, 4 settembre 1978) è un attore italiano, vincitore del David di Donatello 2023 come "Miglior attore non protagonista" per il suo ruolo nel film Nostalgia di Mario Martone.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto a Napoli, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, ha iniziato a recitare nelle fiction televisive nel 1999 e ha poi proseguito recitando in diversi film. Nel 2011 è stato candidato al David di Donatello per il miglior attore non protagonista per il film Una vita tranquilla e ha vinto il premio Guglielmo Biraghi.

Nel 2019 ha vinto il premio Pasinetti come miglior attore, insieme a Massimiliano Gallo, per il suo ruolo nel film Il sindaco del Rione Sanità di Mario Martone. Con Gallo recita anche nella serie TV Vincenzo Malinconico, avvocato d'insuccesso nel 2022, anno in cui debutta al cinema come sceneggiatore con La cura, film di cui è anche il protagonista. Due anni prima aveva affiancato Teresa Saponangelo in Il buco in testa.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

  • La cura, regia di Francesco Patierno (2022)

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

  • De Pretore (1999)
  • Pericle (2000)
  • Spose... un morto una madonna una carriola (2001)
  • Un clandestino davvero speciale (2001)
  • La ballata del posto sbagliato (2002)
  • (2003)
  • Don Giovanni (2003)
  • Appunti per uno spettacolo da fare (2004)
  • L'opera segreta (2005)
  • Napoli milionaria (2005)
  • Le voci di dentro (2006)
  • Stazione marittima (2006)
  • Gomorra (2007)
  • Santos (2009)
  • Bianco polvere (2009)
  • 12 baci sulla bocca (2010)
  • La città perfetta (2012)
  • Educazione siberiana (2013)
  • La Carmen (2015)
  • Gli onesti della banda, regia di Giuseppe Miale di Mauro (2016)
  • La morte di Danton, regia di Mario Martone (2016)
  • Il sindaco del rione Sanità di Eduardo De Filippo, regia di Mario Martone (2017)
  • La chunga, regia di Pappi Corsicato
  • Scalo marittimo di Raffaele Viviani, regia di Giuseppe Miale di Mauro (2022)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ciak d’Oro 2020: miglior attore protagonista, su ciakmagazine.it. URL consultato il 04/10/20 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2020).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore David di Donatello per il miglior attore non protagonista Successore
Eduardo Scarpetta
per Qui rido io
2023
per Nostalgia
In carica
Controllo di autoritàVIAF (EN262003748 · ISNI (EN0000 0003 8174 3377 · LCCN (ENno2017090359 · GND (DE1027004423 · BNF (FRcb179275303 (data)