Francesco Contaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesco Contaldi (Popoli, 28 ottobre 1865Sulmona, 28 aprile 1903) è stato un poeta, traduttore, giornalista e notaio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vissuto a lungo a Giulianova (Te), svolse qui la professione di notaio, oltre che ricoprire le funzioni di Vice Pretore, consigliere comunale e direttore della banca mandamentale. Ha legato il suo nome alla sua saggistica e alla vasta produzione di poesia, di cui una raccolta, Arte Giuliese, fu pubblicata nel 1894 in occasione dell'erezione a Giulianova del monumento a Vittorio Emanuele II, opera dello scultore giuliese Raffaello Pagliaccetti.
Fu fondatore e collaboratore di giornali letterari quali Doctor Faust (1885), Rivista minima (1888) e Rassegna Adriatica (1900). Autore di versi, fu anche traduttore di poeti dall'inglese e dal norvegese (Rime nordiche: Whitman, Poe, Tennyson, Munch, Biornson, Ibsen: versioni ritmiche, Giulianova, Tip. del Commercio, Giulianova 1900).
Suo è l'epitaffio che campeggia sul portale d'ingresso del Cimitero di Giulianova: Qui nei secoli posano affetti, vanità, speranze.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele Aurini, Contaldi Francesco, in Dizionario bibliografico della gente d'Abruzzo, volume V, Sant'Atto di Teramo, Edigrafital, 1973; ora in nuova edizione, a cura di Fausto Eugeni, Luigi Ponziani, Marcello Sgattoni, Colledara, Andromeda editrice, 2002, vol. II, pp.195-205;
  • Cinzia Falini, Contaldi Francesco, in Gente d'Abruzzo. Dizionario biografico, Castelli, Andromeda Editrice, 2006, volume 3, pp. 163-166;