Francesco Cergoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Cergoli
Francesco Cergoli.jpg
Francesco Cergoli con la maglia dell'Atalanta
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1959 - giocatore
1975 - allenatore
Carriera
Giovanili
193?-1938 Monfalcone
Squadre di club1
1938-1940 Monfalcone 20 (12)
1940-1946 Triestina 99 (33)
1946-1947 Atalanta 35 (9)
1947-1949 Juventus 55 (10)
1949-1954 Atalanta 131 (9)
1954-1956 Lecco 57 (8)
1956-1957 Molfetta 19 (7)
1957-1959 Monfalcone 32 (0)
Carriera da allenatore
1956-1957Molfetta
1965-1966Monfalcone[1]
1967-1971SPALGiovanili
1973-1974Triestina
1974-1975Emilio Morrone Cosenza[2]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Francesco Cergoli (Divaccia, 22 ottobre 1921) è un ex calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cergoli (in piedi, primo da sinistra) nel 1947 alla Juventus

Cresce tra le file del Monfalcone, con cui debutta in Serie C a 17 anni. Passa quindi alla Triestina con cui debutta in Serie A, dove resta dal 1940 al 1946, diventandone un punto fermo. I buoni risultati lo portano prima all'Atalanta e, dopo un solo anno, alla Juventus, con cui milita per due stagioni.

Ritorna quindi a Bergamo, dove viene utilizzato come esterno di attacco, contribuendo all'esplosione di Karl Hansen e Sørensen.[3] In maglia nerazzurra disputa cinque stagioni, in cui scende in campo 165 volte nel massimo campionato, che lo collocano tuttora tra i più presenti in serie A nella storia dell'Atalanta.[4]

Terminerà poi la carriera tra Lecco, Molfetta e di nuovo Monfalcone.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Carcano edizioni, 1967, p. 194.
  2. ^ Almanacco illustrato del calcio 1975, edizioni Panini, pag. 327
  3. ^ E. Corbani e P.Serina, op. cit., pg.306
  4. ^ Curiosità in cifre di Cagliari Atalanta, su fondazioneitaliani.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]