Francesco Benozzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Benozzo

Francesco Benozzo (Modena, 22 febbraio 1969) è un poeta, musicista e filologo italiano.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Poeta legato in particolare alla rappresentazione dei paesaggi, compone abitualmente i propri testi per via orale, per poi trascriverli dalla registrazione della propria voce: un esempio è Onirico geologico.[1]

Dal 2015 ha partecipato a festival letterari italiani e internazionali, quali "Ritratti di poesia" di Roma, "Parole spalancate" di Genova,[2] "Scriba Festival" di Bologna,[3] gli incontri dell'Unione Lettori Italiani di Milano presso la Biblioteca Sormani,[4] il "Festival Literario da Madeira"[5] e il "Desembre europeu" spagnolo.[6]

Nel luglio 2022 gli è stato assegnato il premio "Poets from the Frontier" dall'Associazione Laureati in Lingue e Letterature Straniere (ALL) dell'Università degli Studi di Udine.[7]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Benozzo all'arpa

Arpista e cantante, ha vinto due volte il "Premio nazionale Giovanna Daffini" per la musica (2013 e 2015).[8] Si è esibito in festival di World Music italiani e stranieri (come il "Summartonar" danese[9] e il "Tradicionarius" catalano[10]).

Nel 2017 è stato insignito del titolo di “Bardo Honorário” del Portogallo dalla Assembleia da Tradição Lusitana[11].

Nel 2003 ha accompagnato all'arpa il Nobel per la letteratura Wisława Szymborska nella sua prima apparizione italiana dopo aver vinto il premio.[12] Nel 2018-2019 è stato protagonista di un tour internazionale in cui ha riproposto per arpa e voce alcuni brani di David Bowie; il tour è stato inaugurato al Museo Archeologico di Bologna il 10 gennaio, in occasione del secondo anniversario della morte dell'artista britannico.[13]

Filologia[modifica | modifica wikitesto]

È professore associato di filologia e linguistica romanza presso l'Università di Bologna dal 2019, dopo essere stato ricercatore nel medesimo Ateneo dal 2005.[14] Ha all'attivo oltre 700 pubblicazioni nei campi delle radici preistoriche della cultura europea e delle origini del linguaggio.[14]

La sua attività di ricerca ruota attorno all'epica e alla lirica medievale, a studi di linguistica storica e romanza e, più di recente, alla teoria da lui stesso formulata secondo la quale il linguaggio umano nacque già 3 milioni di anni fa con l'Australopiteco.[15][16] In parallelo, ha condotto ricerche nel campo della etnofilologia, disciplina di cui egli si definisce fondatore e caposcuola.[17][18]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 ha dichiarato di essere candidato al Premio Nobel per la letteratura[19]. In realtà le candidature sono presentate da commissioni ristrette e selezionate, e i nomi dei candidati sono tenuti segreti per 50 anni[20].

Nell'anno accademico 2021-2022 Benozzo è stato uno dei due docenti universitari italiani sospesi dal lavoro e dallo stipendio per via della scelta di non rispettare l'obbligo del green pass durante la pandemia di COVID-19.[21][22][23][24] Si è autodefinito complottista, argomentando che il complottismo sarebbe alla base di ogni vero metodo scientifico. Queste teorie erano state già da lui propugnate nel suo libro autobiografico Memorie di un filologo complottista, dove ha sviluppato intuizioni di Paul Feyerabend e Jurgen Habermas. [25] Nel volume a consultazione libera 2 su 70.000. Resoconto di tre anni di disobbedienza civile, Benozzo ha ricostruito l'intera vicenda della sua protesta e della conseguente sospensione[26]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Onirico geologico, Ferrara, Edizioni Kolibris, 2014
  • Felci in rivolta / Ferns in Revolt, with a translation by G. Sutherland, Ferrara, Kolibris, 2015
  • La capanna del naufrago / The Castaway's Hut, with a translation by G. Sutherland, Ferrara, Kolibris, 2017
  • Poema dal limite del mondo / Poem from the Edge of the World, with a translation by G. Sutherland, Ferrara, Kolibris, 2018
  • Maelvarstal. Poema della creazione dei mondi / Poem of the Creations of the Worlds, with a Translation by G. Sutherland, Ferrara, Kolibris, 2020.
  • Autoktonia. Poema del suicidio / Poem of the Suicide, Ferarra, Kolibris, 2021.
  • The Ridge and the Song. Sailing the Archipelago of Poetry, Udine, Forum editrice, 2022.

Studi[modifica | modifica wikitesto]

  • Landscape perception in early celtic literature, Aberystwyth, Centre for Advanced and Celtic Studies, 2004
  • La tradizione smarrita: le origini non scritte delle letterature romanze, Roma, Viella, 2007
  • Cartografie occitaniche: approssimazione alla poesia dei trovatori, Napoli, Liguori, 2008
  • Etnofilologia: un'introduzione, Napoli, Liguori, 2010
  • Breviario di etnofilologia, Lecce-Rovato, Pensa Multimedia, 2012
  • DESLI: dizionario etimologico-semantico della lingua italiana (con Mario Alinei), Bologna, Pendragon, 2015
  • Carducci, Milano, Rizzoli-Corriere della sera, 2016
  • Il giro del mondo in ottanta saggi, Roma, Aracne, 2016.
  • Studi di ecdotica romanza, Roma, Aracne, 2016.
  • Speaking Australopithecus. A New Theory on the Origins of Human Language (con Marcel Otte), Alessandria, Edizioni dell'Orso, 2017.
  • DESCI. Dizionario etimologico-semantico dei cognomi italiani (con Mario Alinei), Savona, PM Edizioni, 2017.
  • Falsi germanismi nelle lingue romanze (con Mario Alinei), Alessandria, Edizioni dell'orso, 2018.
  • Poeti della marea. Canti bardici gallesi dal VI al X secolo, Udine, Forum editrice, 2022.

Altri scritti[modifica | modifica wikitesto]

  • Anarchia e quarto umanesimo: un'intervista su irriverenza, scienza e dissidenza, Bologna, Clueb, 2012
  • Appello all'UNESCO per liberare Dante dai dantisti, Alessandria, Edizioni dell'Orso, 2013
  • David Bowie. L'arborescenza della bellezza molteplice, Pordenone, Universalia, 2018.
  • Memorie di un filologo complottista, Lucca, La Vela, 2021.
  • Poesia, scienza e dissidenza. Interviste (2015-2020), Bologna. Clueb, 2021
  • Robert Johnson. Mitologia e anarchia del più influente trovatore di sempre, Genova, Castel Negrino, 2022.
  • Leggende di ghiacciai, Lucca, La Vela, 2022.
  • 2 su 70.000. Resoconto di tre anni di disobbedienza civile, e-book pubblicato e scaricabile su <www.francescobenozzo.net>

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • In'tla piola (Sain records, Wales/UK, 2000)
  • Carte di mare (MusicOn, ITA, 2001) (con Matteo Meschiari)
  • Il libro di Taliesin (Frame Events, ITA, 2004)
  • Arpa celtica (Concerto Live, Centro Campostrini, ITA, 2005)
  • Terracqueo (Tutl Records, DK, 2009)
  • Libertà l'è morta (Tutl Records, DK, 2013) (con Fabio Bonvicini)
  • Ponte del diavolo (RadiciMusic, ITA, 2014) (con Fabio Bonvicini)
  • L'inverno necessario (Tutl Records, DK, 2016)
  • Un Requiem laico (ARCI RE, ITA, 2016) (con Fabio Bonvicini & Fratelli Mancuso)
  • Ytiddo. Benozzo performs Bowie (Universalia, ITA, 2018)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Benozzo, “Onirico” | Poesia, di Luigia Sorrentino
  2. ^ Parole spalancate 2017, su Laboratori Poesia, 31 maggio 2017. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  3. ^ Scriba Festival, su scribafestival.it. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  4. ^ Performance poetica di Benozzo presso l'Unione Lettori Italiani, su archiviomauriziospatola.wordpress.com.
  5. ^ Festival Literário da Madeira | Bibliotecário de Babel, su bibliotecariodebabel.com. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  6. ^ (ES) Administrator, Desembre Europeu 2018: Any Europeu del Patrimoni Cultural | València, 28 novembre-17 desembre 2018, su cdeuv.es. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  7. ^ (EN) Poets From the Frontier – ALL, su all.uniud.it. URL consultato il 23 settembre 2022.
  8. ^ http://www.comune.motteggiana.mn.it/zf/index.php/servizi-aggiuntivi/index/index/idtesto/20025
  9. ^ Sito del Summartonar 2018, su issuu.com.
  10. ^ RIU presenta "Amb canya!" a Barcelona - Tradicionàrius, su blog.rtve.es, 12 aprile 2013. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  11. ^ (PT) ATDL, Francesco Benozzo é Barbo Honorário da Assembleia da Tradição Druídica, su atdlusitana, 12 luglio 2017. URL consultato il 13 dicembre 2022.
  12. ^ Notizia e video della performance di Benozzo con Wislawa Szymborska, su peoples.ru. URL consultato il 30 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2019).
  13. ^ (EN) Francesco Benozzo sul Corriere della Sera di Bologna, su Edizioni Kolibris, 9 gennaio 2018. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  14. ^ a b Francesco Benozzo — Università di Bologna — Home Page, su unibo.it. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  15. ^ Francesco Benozzo — Università di Bologna — Temi di ricerca, su unibo.it. URL consultato il 30 dicembre 2021.
  16. ^ Le origini paleolitiche della lingua, su Il Sole 24 ORE. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  17. ^ Scritto da Domenico Fiormonte, Etnofilologia (e altre cose poco filologiche), su Infolet, 30 settembre 2012. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  18. ^ ANDREA PIRAS, Il bardo e il chierico: Considerazioni sulla etnofilologia, in La Ricerca Folklorica, n. 65, 2012, pp. 153–160. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  19. ^ «La mia poesia anarchica in lizza per il Nobel», su ilrestodelcarlino.it. URL consultato il 28 gennaio 2023.
  20. ^ Come funzionano le “candidature” al Premio Nobel per la Letteratura: contro le finte nomine, su fanpage.it. URL consultato il 28 gennaio 2023.
  21. ^ Mauro Giordano, Francesco Benozzo, il prof anti Green pass dell’Unibo: «Posso tornare a lezione, ma la protesta continua», su Corriere di Bologna, 5 febbraio 2022. URL consultato il 24 novembre 2022.
  22. ^ Bologna, docente No Green pass allontanato dall'aula: «Non posso insegnare il dubbio e poi piegarmi», su Open, 30 settembre 2021. URL consultato il 24 novembre 2022.
  23. ^ Mauro Giordano, Bologna, il professore «no Green pass» Francesco Benozzo sospeso dall’università, su Corriere di Bologna, 10 novembre 2021. URL consultato il 24 novembre 2022.
  24. ^ il Resto del Carlino, Prof no green pass Unibo: "Guarito dal Covid, ma non userò il certificato verde" - Cronaca, su il Resto del Carlino, 8 gennaio 2022. URL consultato il 24 novembre 2022.
  25. ^ http://www.aracneeditrice.it/index.php/pubblicazione.html?item=9788899661823
  26. ^ 2 su 70.000, su francescobenozzo. URL consultato il 25 gennaio 2023.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4263863 · ISNI (EN0000 0000 4519 6191 · SBN CFIV163275 · BAV 495/318367 · LCCN (ENn99034494 · GND (DE173573622 · BNF (FRcb14433039s (data) · J9U (ENHE987010357564705171 · WorldCat Identities (ENlccn-n99034494