Francesco Angeloni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Angeloni

Francesco Angeloni (Terni, 1587Roma, 29 novembre 1652) è stato uno storico, umanista, commediografo e antiquario ternano.

« riscopro che Terni... è fra le più celebri e illustri città d'Italia, per cagione di antichità, per dignità sua, pe'magistrati, per grandezza e nobiltà delle pubbliche fabbriche, per gli onori ricevuti e pe' grandi e prodi e santi uomini prodotti »

(Francesco Angeloni, Historia di Terni, 1646)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stemma della famiglia (banderara) degli Angeloni di Terni[1]

Figlio di Giovan Pietro Angeloni e di Prantilla Pontani (moglie illegittima di Giovan Pietro).

A noi sono rimaste trentotto sue novelle delle quali molte sono state più volte pubblicate in varie circostanze e separatamente (Sei novelle piacevoli di F. A. da Terni, a cura di B. Gamba, Venezia 1839, Due novelle di F. A. non mai stampate, ivi 1860, ecc.). Esse si riallacciano in gran parte alla tradizione novellistica italiana, e i loro soggetti sono derivati dal Boccaccio, dal Lasca, dal Bandello, dal Parabosco, da Cinzio dei Fabrizi, da Sabadino degli Arienti e da altri. In alcune si sente l'influsso della novellistica spagnola, specialmente di Cervantes, con tracce di spagnolismi anche nel lessico e nella sintassi. Ci sono anche esempi di novella a sfondo pastorale, come quella ispirata ai fiumi Velino e Nera. La forma è disadoma, spesso trascurata, semplice strumento della narrazione.

Sul finire del sec. XVI troviamo l'Angeloni a Roma, dove si appassionò all'antiquaria e divenne segretario del cardinale Ippolito Aldobrandini e protonotario apostolico. La sua casa romana si trasformava in quegli anni in un vero e proprio museo, che egli arricchiva compiendo anche brevi viaggi nella penisola. Scriveva intanto per il cardinale numerose lettere, delle quali il nipote ed alunno G. P. Bellori pubblicò una scelta dal titolo Lettere di buone feste scritte da principe a principi, Roma 1638. Tra il 1610 e il 1614 uscirono alle stampe due commedie dell'Aangeloni (Gli irragionevoli amori, Venezia 1610 e ivi 1611, e Flora, Padova 1614), che, con Li padri contenti inedita, formano un nucleo di produzioni teatrali piuttosto omogeneo.

Si tratta di commedie d'intreccio, in cui non mancano equivoci e agnizioni, e in cui i personaggi corrispondono ai tipi tradizionali, arricchiti, però, da figure come il Capitano (Crepaventre o Scagliamonti), il vecchio amoroso (Niceforo veneziano o Cleobolo) e il servo (Cola o Zuan Chiribino), evidentemente derivati dalla commedia dell'arte. A questo periodo dell'attività dell'Angeloni corrisponde anche il Piego di Ser Agrestino de' Calzanti indirizzato ad Erasto Afrone di lui come figliuolo... , Vicenza 1616, satira in forma di dialogo.

Preparate da una lunga attività di antiquariato e di studi storici, vennero pubblicate dall'Angeloni negli ultimi anni della sua vita due grosse opere erudite, la Historia augusta da Giulio Cesare infino a Costantino il Magno illustrata con la verità delle antiche medaglie, Roma 1641, e la Historia di Terni, Roma 1646.

Entrambe ebbero vasta eco tra gli studiosi contemporanei e successivi. La prima, che l'Angeloni ottenne attraverso il pittore N. Poussin di dedicare a Luigi XIII, fu difesa dalle critiche di incompetenza dell'antiquario francese J. Tristan de Saint-Amand dal Bellori nel Bonino ovvero avvertimenti di Tristano (anonimo, s.n.t., ma 1649) e dallo stesso ripubblicata in folio nel 1685, arricchita dallo studio delle monete di Cristina di Svezia. La seconda, compilata con l'incoraggiamento morale e materiale dei Priori e del Consiglio generale di Terni, e pubblicata con un ritratto dell'autore di G. A. Canini, allievo del Domenichino, e una dedica al cardinale Mazzarino, fu ristampata nel 1878 a Pisa.

L'Angeloni fu anche membro, col nome di Tenebroso, dell'Accademia degli Insensati di Perugia.

Morì molto vecchio, come testimonia il nipote, a Roma, quasi certamente il 29 nov. 1652.

"Ritratto di Francesco Angeloni" da anziano, di Giovanni Angelo Canini
Frontespizio dell' Historia di Terni

Nel 1997 lo storico Pompeo De Angelis pubblicò un opuscolo sulla sua vita: "Francesco Angeloni ternano ed europeo".

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  1. Due Novelle Antichrissime Inedite (1609).
  2. Gl'irragionevoli amori (1611), commedia.
  3. Flora (1614), commedia.
  4. Dialogo: Diego di Agostino de Calzanto e Erasto Afrone suo figlio (1615), satira.
  5. Li tri' padri continti (1618), commedia.
  6. Novella (1632), raccolta di novelle.
  7. Lettere di buone feste, scritte da principe e principi (1638).
  8. Sei novelle piacevoli (1639).
  9. Historia Augusta da Giulio Cesare a Costantino il Magno (1641), una storia di Roma antica da Cesare a Costantino Il Grande.
  10. Historia di Terni (1646), considerato uno dei testi più completi per lo studio della città umbra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Impiegato fino al 1600. Blasonatura: «D'argento al nero grifo rampante». Luigi Lanzi, Araldica di Terni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo De Angelis, Francesco Angeloni ternano ed europeo, Terni 1997, prefazione di Gian Franco Ciaurro.
  • Pompeo De Angelis, Francesco Angeloni nella cultura del Seicento - La vita e le opere di Francesco Angeloni ternano ed europeo, Terni, dal sito delle Edizioni Thyrus

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN34446713 · ISNI (EN0000 0000 6631 1443 · LCCN (ENn2001065942 · GND (DE124165079 · BNF (FRcb10492737g (data) · ULAN (EN500313367 · NLA (EN35433785 · BAV ADV10232773