Francesca Barra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesca Barra (Policoro, 24 settembre 1978) è una giornalista, scrittrice, conduttrice televisiva, conduttrice radiofonica ed ex-politica italiana.[1][2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureata in Scienze della comunicazione all'Università LUMSA[3], a Roma, con una tesi sulle donne in politica. È conduttrice e autrice televisiva e radiofonica. È stata ospite de La vita in diretta, per commentare cronaca nera. È stata inviata del Cristina Parodi Live, su LA7. Si occupava di cronaca per il quotidiano Pubblico e l'Unità. Conduce, su Rai Radio 1, il programma La bellezza contro le mafie, dal 2009.[4] Nel 2012 ha pubblicato Giovanni Falcone un eroe solo, mentre nel 2011 Il Quarto Comandamento, editi da Rizzoli. Ha scritto il racconto Gli spietati nel libro Non è un paese per donne, edito da Arnoldo Mondadori Editore. Ha collaborato con l'Unità[5] e con il settimanale Sette, occupandosi di criminalità organizzata e donne vittime della 'Ndrangheta.[6]

Ha lavorato al TG di LA7, nella redazione di Niente di personale e nell'estate 2008 ha condotto la rassegna stampa di Omnibus. Ha condotto Cani, Gatti & Co, in onda su Alice Sky TV, Cominciamo Bene Prima, con Pino Strabioli su Rai 3, documentari di viaggio e La regola, in onda su Marcopolo Sky TV. Con Dario Vergassola ha condotto la trasmissione Sempre meglio che restare a casa, su LA7, e Areagol con Maurizio Biscardi. Nel 2005 è testimonial del digitale terrestre di LA7. È stata autrice, per la rete giapponese Nippon TV, di commedie teatrali e documentari gastronomici. Ha pubblicato, con Aliberti editore, il romanzo Non mi aspettare ed il libro di ricette A casa di Jo.

Nel 2011 conduce We Press su La3. Dal settembre del 2013 è inviata per la nuova stagione di Matrix, programma di approfondimento di Canale 5, condotto da Luca Telese.[7] Ha condotto l'edizione 2014 del concerto del primo maggio, da Piazza San Giovanni a Roma, in diretta su Rai 3, con Edoardo Leo e Dario Vergassola.

Per la stagione calcistica 2014-2015 è ospite fissa del programma sportivo Tiki Taka - Il calcio è il nostro gioco, condotto da Pierluigi Pardo su Italia 1. Dal 29 giugno al 1º agosto 2015 su LA7 ha condotto In onda insieme a Gianluigi Paragone. Dal gennaio 2017 fino al 17 febbraio è stata co-conduttrice, insieme a Gianluigi Paragone, Gilberto Penza ed Ylenia Baccaro, di Benvenuti nella giungla, in sostituzione di Mara Maionchi, su Radio 105. Dal 13 gennaio 2018 affianca Costantino D'Orazio alla conduzione del programma divulgativo Bella Davvero in onda su Rai Radio 2.[8]

Il 27 gennaio 2018 annuncia con un post su Facebook la propria candidatura alle imminenti elezioni politiche del 4 marzo per la Camera dei deputati, con l'appoggio del Partito Democratico e della coalizione di centro-sinistra nel collegio uninominale di Matera, dove arriva terza, non venendo pertanto eletta.[9]

Nella stagione televisiva 2018-2019 è opinionista della trasmissione CR4 a La repubblica delle donne, con la conduzione di Piero Chiambretti

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2017 ha una relazione con l'attore Claudio Santamaria, col quale si è sposata nel novembre dello stesso anno negli Stati Uniti[10] e il 21 luglio 2018 a Policoro.[11]

Ha tre figli, nati dalla relazione con Marcello Molfino, con cui è stata sposata dal 2005 al 2016: Renato (2006), Emma Angelina (2013) e Greta (2016).

Il 26 maggio ha annunciato, con un post su Instagram, di aver perso il bambino che aspettava da Claudio Santamaria.[12]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesca Barra: «Una donna (in politica) è credibile anche se indossa un tubino» - VanityFair.it, in VanityFair.it, 1517141059. URL consultato il 19 giugno 2018.
  2. ^ Pd, Francesca Barra si ritira: "Dico basta con la politica", in ilGiornale.it. URL consultato il 19 giugno 2018.
  3. ^ Profilo di Francesca Barra su Linkedin, su www.linkedin.com. URL consultato il 23 febbraio 2018.
  4. ^ Radio1 - La bellezza contro le mafie, su www.rai.it. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato il 27 gennaio 2018).
  5. ^ Francesca Barra, Cetta, Giuseppina e le altre donne ribelli, l'Unità, 10 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2014).
  6. ^ MORTE NELL'ACIDO (Francesca Barra, Sette - Corriere della Sera), su www.zeroviolenza.it. URL consultato il 27 gennaio 2018.
  7. ^ Mediaset, CHI E' FRANCESCA BARRA, in Mediaset. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato il 27 gennaio 2018).
  8. ^ Ufficio Stampa - RAI RADIO2: BELLA DAVVERO, su www.ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 2 marzo 2018.
  9. ^ Eligendo: Camera [Scrutini] Collegio uninominale 02 - MATERA (Italia) - Camera dei Deputati del 4 marzo 2018 - Ministero dell'Interno, su Eligendo. URL consultato l'8 marzo 2018.
  10. ^ Francesca Barra e Claudio Santamaria si sono sposati: guarda il matrimonio a Las Vegas, su oggi.it, 30 gennaio 2018. URL consultato il 6 aprile 2018.
  11. ^ Francesca Barra e Claudio Santamaria sposi a Policoro, in Skytg24, 21 luglio 2018.
  12. ^ francesca barra racconta l'amore con claudio santamaria e la fine del suo matrimonio:'molti errori', su m.dagospia.com, 26 luglio 2017. URL consultato il 26 giugno 2019.
  13. ^ Il premio Siani a Maria Falcone - Campania - ANSA.it, su www.ansa.it. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato il 5 giugno 2016).
  14. ^ (EN) Francesca Barra al Premio Borsellino 2012, su Vimeo. URL consultato il 27 gennaio 2018 (archiviato il 27 gennaio 2018).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN171395203 · ISNI (EN0000 0001 2047 2775 · SBN IT\ICCU\RMSV\599984 · LCCN (ENno2011084095 · BNF (FRcb169285217 (data) · WorldCat Identities (ENno2011-084095