Françoise Dorléac

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Françoise Dorléac (Parigi, 21 marzo 1942Villeneuve-Loubet, 26 giugno 1967) è stata un'attrice cinematografica e attrice televisiva francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia degli attori e doppiatori Maurice Dorléac e Renée Deneuve, e sorella di Catherine Deneuve, all'età di dieci anni iniziò a recitare in teatro, accanto a Gaby Morlay. Dal 1957 al 1961 studiò presso il Conservatoire national supérieur d'art dramatique di Parigi e lavorò come modella per Christian Dior[1]. La sua prima apparizione cinematografica risale al 1957, nel cortometraggio Mensonges. Di bellezza pallida e delicata[1], fu tra le più promettenti attrici francesi della sua generazione e colse il primo successo con il film d'avventura L'uomo di Rio (1964), accanto a Jean-Paul Belmondo.

Raggiunse poi la celebrità grazie all'interpretazione della fredda e raffinata hostess nel film La calda amante (1964), capolavoro di François Truffaut, e confermò la sua notorietà internazionale con il personaggio di Teresa, la moglie frivola e nevrotica in Cul-de-sac (1966) di Roman Polański[2][1]. Condividendo con la sorella Catherine Deneuve la bellezza classica e riservata[1], apparve insieme con lei nel musical Josephine (1967), nei ruoli delle gemelle Solange e Delphine, in una gara di composta grazia e seduzione[2].

Morì prematuramente nel 1967, all'età di 25 anni, in un incidente automobilistico[1] a Villeneuve-Loubet, mentre si dirigeva verso l'aeroporto di Nizza[3]. La vettura che stava guidando slittò fuori strada, si ribaltò e si incendiò, non lasciandole scampo[3].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. I, pag. 151
  2. ^ a b Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2000, pag. 316
  3. ^ a b Roger Vadim, Bardot, Deneuve, Fonda, Rizzoli, 1986, pag. 251

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN14884271 · ISNI (EN0000 0001 2121 6554 · LCCN (ENn84001795 · GND (DE136995500 · BNF (FRcb125415760 (data) · NLA (EN36037447