François de La Rochefoucauld (cardinale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
François de La Rochefoucauld
cardinale di Santa Romana Chiesa
François de La Rochefoucauld (1558-1645).jpg
Template-Cardinal (Bishop).svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Clermont
Vescovo di Senlis
Nato 8 dicembre 1558, Parigi
Ordinato diacono 27 settembre 1585
Ordinato presbitero 27 settembre 1585
Nominato vescovo 29 luglio 1585 da papa Sisto V
Consacrato vescovo 6 ottobre 1585 dal vescovo Gerolamo Ragazzoni
Creato cardinale 10 dicembre 1607 da papa Paolo V
Deceduto 14 febbraio 1645, Parigi

François de La Rochefoucauld (Parigi, 8 dicembre 1558Parigi, 14 febbraio 1645) è stato un cardinale e vescovo cattolico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Parigi l'8 dicembre 1558, era il secondo dei quattro figli di Charles de La Rochefoucauld, conte di Randan, e di Fulvia Pico della Mirandola. Alla morte del padre, quando aveva tre anni, la famiglia ritornò alla corte della regina Caterina de' Medici.

Studiò a Parigi nel Collége de Marmotier, sotto la guida dello zio, abate Jean de La Rochefoucald , e presso i gesuiti del Collége de Clermont.

Avviato alla carriera ecclesiastica, ricevette la tonsura nel 1570. Nel 1579 fu nominato maestro della cappella reale e nel 1584, ventiseienne, vescovo di Clermont-Ferrand; fu consacrato il 6 ottobre 1585 nella chiesa parigina di Sainte-Catherine da Gerolamo Ragazzoni, vescovo di Bergamo e nunzio in Francia.

Papa Paolo V lo creò cardinale-prete di San Callisto nel concistoro del 10 dicembre 1607.

Nel 1611 fu nominato vescovo di Senlis.

Fu presidente del Consiglio reale (primo ministro) dal 1622 al 1624, quando fu sostituito da Richelieu. Fu anche gran cappellano, ovvero responsabile degli affari ecclesiastici del Regno.

Sostenuto da Luigi XIII, nel 1622 fu nominato da Gregorio XV commissario apostolico per la riforma degli ordini religiosi: la sua opera portò alla costituzione della Congregazione di Francia dei canonici regolari di Sant'Agostino.

Morì il 14 febbraio 1645 e fu sepolto in Santa Genoveffa.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN54213028 · ISNI: (EN0000 0000 8132 7283 · LCCN: (ENn85157034 · GND: (DE118968920 · BNF: (FRcb123017186 (data) · CERL: cnp00543699