François Perrier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il sacrificio d'Ifigenia

Jean-François Perrier (Pontarlier, 1590Parigi, luglio 1650) è stato un pittore e incisore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Della sua giovinezza e dei suoi primi studi non si hanno notizie certe. Verso i trent'anni (fra il 1620 e il 1625) partì per Roma, dove studiò i grandi maestri del Rinascimento e assunse come riferimento e modello stilistico Giovanni Lanfranco, uno dei grandi decoratori barocchi della scuola romana.
Tornato in Francia, dopo un breve soggiorno a Lione, si stabilì a Parigi. Nel 1630 lavorò a fianco di Simon Vouet e, dal 1632 al 1634, ebbe come allievi Charles Le Brun e Isaac Fuller.

Nel 1635 ripartì per Roma, dove rimase per dieci anni lavorando alla decorazione di palazzo Peretti. Tre anni dopo pubblicò una raccolta di 100 acqueforti: "Segmenta Nobilium Signorium et Statuarum ....", che raffigura le statue di Roma[1], e poi, nel 1645, un'altra raccolta di 55 tavole che riproducono i bassorilievi romani: "Icones et segmenta ... quae Romae adhuc extant ..."[2]

Rientrò a Parigi nel 1645 e, assieme a Eustache Le Sueur, dipinse la volta della famosa Galerie Dorée dell'Hôtel de la Vrillière (poi Hôtel de Toulouse e oggi sede della Banca di Francia) e del "cabinet de l'amour" dell'Hôtel Lambert. Membro dell'Accademia nazionale di San Luca a Parigi, nel 1640 Perrier fu uno dei dodici fondatori dell' "Accademia reale di pittura e scultura".

La Città di Mâcon ha aperto nel 1869 un Museo di Belle arti, basandosi su un fondo costituito da 8 quadri di François Perrier.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert-Dumesnil, VI, p. 176.
  2. ^ Robert-Dumesnil, VI, p. 189.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2588852 · LCCN: (ENn85049439 · ISNI: (EN0000 0001 2247 8185 · GND: (DE122224655 · BNF: (FRcb125619488 (data) · ULAN: (EN500012811 · CERL: cnp00451619