François Bouchot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
François Bouchot
Ritratto di Louis Thomas Bardel

François Bouchot (Parigi, 29 novembre 1800Parigi, 7 febbraio 1842) è stato un pittore e incisore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Non ebbe lunga vita, ma si distinse per i bei ritratti e i soggetti storici, in particolare quelli che riguardavano l'epopea napoleonica.
Studiò disegno e tecnica d'incisione con Richomme, divenendo poi allievo favorito di Jean-Baptiste Regnault e quindi di Guillaume Lethière. Vinse il Prix de Rome nel 1823. Rientrato un anno dopo in Francia, iniziò ad esporre al Salon dalla fine del 1824, e non smise mai di esporre finché visse.
Realizzò diverse opere su commissione del re Luigi Filippo, fra cui, nel 1837, La battaglia di Zurigo del 25 settembre 1799, destinata alla Galleria delle Battaglie del Castello di Versailles.
Fu anche l'autore del quadro sul colpo di Stato del 18 brumaio, che rappresenta Bonaparte al Consiglio dei Cinquecento di Saint-Cloud, il 10 novembre 1799. Quest'opera è oggi esposta al Museo del Castello di Versailles.
Famoso il ritratto che egli fece del celebre soprano Maria Garcia, altrimenti nota con il nome di La Malibran o Maria Malibran, mentre interpreta Desdemona nell'Otello di Rossini, nel 1834, appena due anni prima che la grande cantante morisse: la tela è conservata nel Museo della vita romantica di Parigi.
Sposò una delle figlie del cantante lirico Luigi Lablache. Dopo la morte di Bouchot costei passò in seconde nozze con il pianista Sigismund Thalberg.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Nelle collezioni pubbliche[modifica | modifica wikitesto]

Elenco parziale.

  • Chartres, Museo di belle arti: "Mort de Marceau", bozzetto
  • Digione, Museo di belle arti: "Portrait de l'artiste", 1827, olio su tela, 62 x 51 cm
  • Parigi:
    • Museo Carnavalet: "Les Tribulations de la Garde nationale", serie di stampe
    • Museo della vita romantica: "Portrait de la cantatrice Maria Garcia, dite "La Malibran" chantant Desdémone dans l'opéra “Otello” di Rossini" (1834).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michael Bryan, Bouchot François, in: "Bryan's Dictionary of Painters and Engravers". Ediz. Robert E. Graves & Walter Armstrong 1886-1889.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN69202878 · ISNI: (EN0000 0000 8149 2940 · GND: (DE142586137 · BNF: (FRcb149702875 (data) · ULAN: (EN500011852 · CERL: cnp01274206