Frédéric Lachkar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Frédéric Lachkar

Frédéric Lachkar (Parigi, 1º marzo 1968) è un attore francese. È l'attuale direttore di Materlingua che raggruppa France Théâtre la più importante compagnia di teatro francese in Italia, España Teatro e Broadway to English rispettivamente per gli spettacoli in lingua spagnola e inglese. I suoi spettacoli in lingua sono seguiti da oltre 200.000 spettatori ogni anno in Italia. Viene inoltre impiegato come doppiatore madrelingua francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomato al Cours Simon di Parigi, riceve il premio Laurence Constant. Comincia la sua carriera a Parigi tra teatro e televisione. Arrivato in Italia nel 1998, crea insieme al Professor Jean-Dominique Durand, direttore del Centro Culturale francese Saint-Louis de France e consigliere culturale dell'Ambasciata francese presso la Santa Sede, una scuola di teatro in lingua francese. Il successo è immediato e il teatro francese di Roma nasce nel 2000. Sviluppa un metodo di apprendimento delle lingue attraverso l'utilizzo dell'arte drammatica: il metodo teatrolingua.[1]

Dal 2016 fa parte della Nazionale Attori. Partecipa a Firenze a ottobre 2016 alla partita Mundialcon la squadra "Resto del mondo"

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Scuola nazionale di Arte Drammatica "Cours Simon" - Parigi

Premio d'interpretazione in "Jacques le Fataliste" di Diderot al Teatro de l'Atelier nel 1992

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Merci Monsieur Courteline (1993); Théâtre du Bec Fin - François Ha-Van - Paris
  • La Mamma di André Roussin (1994); Théâtre de la Tête d’Or - Lyon
  • Le Procès de Shamgorod di Elie Wiesel (1996); Théâtre du Tambour Royal - Paris
  • Becket ou l’honneur de Dieu di Jean Anouilh (2000) Henri II
  • Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand (2001)
  • De Jean-Baptiste à Molière (2001)
  • Dom Juan di Molière (2002)
  • Boulevard Saint-Germain de Sartre, Ionesco, Beckett, Camus (2002)
  • Farces et Troubadours (2003)
  • La Guerre de Troie n’aura pas lieu di Jean Giraudoux (2003)
  • Paris 1900 (2004)
  • Monopolis - Musical (2004)
  • Molière et le Roy (2005)
  • Farces et Troubadours (2005)
  • Petits crimes conjugaux di Eric-Emmanuel Schmitt (2005)
  • Banlieues (2006)
  • On connaît la chanson - Yves Montand (2006)
  • Les Emigrés di Slawomir Mrozek, con Roberto Ciufoli (2006)
  • Alice delle Meraviglie - Teatro India-Roma e tournée nazionale (2007)
  • Via Tarquinia 20 - Teatro Eliseo (2007)
  • M comme Molière (2008)
  • Paris Paname - Banlieues Show (2009)
  • 1968 - Montmartre (2010)
  • Saint-Germain-des-Prés - Brocéliande (2011)
  • Sans-Papiers - Jean et Jean-Baptiste (2012)[2]
  • Kabaret (2014)
  • Révolution 68 (2014)[3][4]
  • [4]De Madrid a Barcelona - Sancho y yo (2015)
  • Notre Dame des Banlieues (2015)
  • 6RANO 3.0 - Tenor Dee Jay (2016)
  • Romeo4Juliet (2017)
  • La vida es sueño (2017)
  • Calais-Bastille (2017)
  • Saint-Germain-des-Prés (2018)
  • La Barraca de Lorca (2018)
  • Piccadilly (2018)
  • Radio Caroline (2019)
  • Operación Ibiza (2019)
  • Rêvolution (2019)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Le collège des coeurs brisés - Serial TV (1992)
  • Le Temps des Crocodiles, regia di Stéphane Bertin - Cortometraggio (1993)
  • Le Littéraire et la scientifique (1994)
  • Les Gromelot et les Dupinson - Serial TV (1995)
  • Les années Décibels (1995)
  • Les Cerises sur le gâteau (1998)
  • Sur la vie de ma mère! - Serial TV (1999)

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

  • La Dolce Vita (1998)
  • O’Zen (1996-1997)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elvia Gregorace, Intervista a Frederic Lachkar, su La Prima Pagina, 18 maggio 2011. URL consultato il 1º giugno 2017.
  2. ^ F.L., "Sans-Papiers", al Don Bosco arriva lo spettacolo francese di Frédéric Lachkar, in www.cittadellaspezia.com. URL consultato il 1º giugno 2017.
  3. ^ Tutto pronto per, in CatanzaroInforma. URL consultato il 1º giugno 2017.
  4. ^ a b Frederic Lachkar | L'Eco - il giornale di Savona e provincia, su L'Eco - il giornale di Savona e provincia-IT. URL consultato il 1º giugno 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]