Fotografia glamour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La modella Michele Merkin posa per uno scatto glamour.
La modella Lucy Pinder utilizza la tecnica handbra.

La fotografia glamour è un genere di fotografia in cui viene posta particolare enfasi sul fascino e sull'erotismo del modello, dando minore importanza ad ogni altro elemento presente nella fotografia. Il termine glamour infatti può essere tradotto in italiano proprio come fascino o seduzione. Per ottenere tale scopo i fotografi combinano strumentalmente l'uso di cosmetici, luce ed acconciature.[1][2]

Composizione della fotografia glamour[modifica | modifica wikitesto]

La fotografia glamour è generalmente composta dal modello, principalmente professionista, in posizione statica e tali fotografie sono normalmente utilizzate per usi commerciali, come calendari, pubblicità o servizi per riviste. Il modello soggetto della foto non deve essere necessariamente nudo, in quanto la fotografia glamour tende a concentrare la propria attenzione più sugli elementi simbolici della foto o sull'enfasi del modello.[3] Dalla fine del ventesimo secolo infatti, diverse riviste glamour come FHM (For Him Magazine) o Maxim stanno invertendo la tendenza, mostrando meno nudità a favore di un nudo implicito, come quello rappresentato dalla tecnica handbra, in cui la modella, seminuda, copre i propri seni con le mani.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La modella Victoria Laufer fotografata da Alberto Magliozzi nel 2001

La fotografia glamour cominciò a svilupparsi intorno agli anni venti, quando si cominciarono a diffondere le prime immagini delle cosiddette pin up. Tuttavia la pubblicità e le riviste facevano ancora scarsissimo utilizzo di fotografie glamour, laddove era addirittura vietato in quanto spesso equiparate alla pornografia. A dare una svolta alla situazione ci pensò la rivista Playboy, che nel suo primo numero del dicembre 1953 pubblicò alcune fotografie di Marilyn Monroe nuda.[5] Si trattava della prima rivista pensata per un vasto pubblico, a ricorrere all'utilizzo della fotografia glamour per ritrarre i soggetti dei propri servizi. In seguito molte altre riviste seguirono lo stesso esempio. Tra i più noti fotografi glamour ci sono Terry Richardson, David LaChapelle, Juergen Teller, Matthew Rolston e Craig McDean; in Italia Alberto Magliozzi ha esposto i suoi lavori nelle librerie Hoepli e Feltrinelli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Thomas," Mike "Glamour shots take writer from bland to Bond" Toronto Star, Sec. B. pg. J.3, May 12, 1994 (as cited by ProQuest)
  2. ^ Peterson," Maggie Wolff "The glamour side of photography" North Valley Business Journal, Vol.5, Issue. 11; Sec. 1. pg. 1, Settembre 1994. (as cited by ProQuest)
  3. ^ Nital.it - Corso di fotografia Glamour
  4. ^ Nuts sexiest pictures, Nuts. URL consultato il 18 settembre 2009.
  5. ^ Playboy Magazine - Dicembre 1953 - Issue #1

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Corrado Marin, Fotografia glamour, Trieste, Edizioni tecniche fotografiche, 1968
  • Peter Gowland, Gowlands guide to glamour photography, New York, Crown, 1972
  • Successful glamour photography, London, Hamlyn, 1981
  • Michael Busselle, Nude and Glamour photography, London, Macdonald, 1981
  • Iain Banks, Classic glamour photography, London, Hamlyn, 1983
  • John Kelly, Il fotografo e la modella: i segreti della fotografia glamour nei consigli di un grande professionista, Roma, Gremese, 1985
  • Robert Dance and Bruce Robertson, Ruth Harriet Louise and Hollywood glamour photography, Berkeley, University of California press, 2002

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85055088 · BNF (FRcb119551591 (data)