Fotografando Patrizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fotografando Patrizia
Fotografando Patrizia (1984) - Monica Guerritore, Lorenzo Lena.jpg
Patrizia ed Emilio
Paese di produzioneItalia
Anno1984
Durata91 min, 94 min (director's cut)
Genereerotico
RegiaSalvatore Samperi
SoggettoSalvatore Samperi, Riccardo Ghione, Massimo Di Luzio, Saverio Vallone
SceneggiaturaEdith Bruck, Salvatore Samperi, Riccardo Ghione
FotografiaDante Spinotti
MontaggioSergio Montanari
MusicheFred Bongusto
ScenografiaMaria Chiara Gamba
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Fotografando Patrizia è un film del 1984 di Salvatore Samperi, interpretato da Monica Guerritore.

La pellicola affronta alcuni argomenti tabù della società, quale, ad esempio, l'incesto, motivo per il quale ebbe vari problemi con la magistratura e con le associazioni dei consumatori[senza fonte], che riuscirono a far vietare il film ai minori di 18 anni[1].

Dopo aver ottenuto l'approvazione dalla censura il 23 novembre del 1984[2], la pellicola uscì in tutta Italia l'1 dicembre successivo[3], rivelandosi un grande successo al botteghino[4].

Il film lanciò la Guerritore come sex symbol del cinema italiano della metà degli anni Ottanta[5].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il sedicenne Emilio, orfano di entrambi i genitori, vive solo a Chioggia con la vecchia e fedele governante. Alla morte di quest'ultima, Patrizia (sorella venticinquenne di Emilio) ritorna a casa sua, vendendo la prospera azienda di moda di cui è proprietaria. All'inizio, il progetto di Patrizia è quello di occuparsi del fratello sano, ma costantemente tenuto lontano da ogni svago, divertimento, attività di gruppo e all'aria aperta (il mantra ossessivo era il "non dover sudare"). Per assicurarsi una sana crescita la governante lo aveva perfino costretto al busto e al collare, come si noterà più avanti nel film, senza che ve ne fosse alcun bisogno.

Patrizia, appena scopre il morboso attaccamento di Emilio nei suo riguardi (testimoniato dall'eccitazione con la quale il protagonista scorge le gambe nude della sorella appena uscita dalla doccia), dapprima cerca di trovare una ragazza al fratello ma poi, sentendosi gelosa della modella da lei stessa scelta, decide di rinunciare e di abbandonarsi a quella situazione morbosa. Ben presto, però, il rapporto tra i due fratelli diviene sempre più torbido (un'evoluzione rappresentata dalla spirale in cui si colloca ogni istantanea che chiude le varie sezioni del film), con Patrizia che racconta la sua vita intima al fratello con il chiaro intento di farlo eccitare; ed è Emilio che sollecita la sorella a continuare il gioco, rendendosi conto di averla, in questo modo, in proprio potere.

Patrizia, dopo aver cercato di disimpegnarsi, "con le maniere forti", da questa rischiosa situazione, infine consuma l'incesto con il fratello, seppur in maniera platonica: all'inizio, infatti, il loro rapporto amoroso avviene attraverso gli specchi. Poi però decide di sposare un suo antico spasimante, ma la stessa sera delle nozze si concede sessualmente, e stavolta in maniera carnale, al fratello Emilio, promettendogli che questo è solo l'inizio della loro relazione.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Il ruolo di Emilio venne affidato al debuttante Lorenzo Lena, 18enne scoperto a Bologna in un negozio di elettronica dove lavorava come commesso[6]

Monica Guerritore accettò di interpretare il controverso ruolo di Patrizia "perché è un personaggio femminile scritto con amore, seguito con curiosità in tutte le sue crepe e le sue sfumature", aggiungendo inoltre "finora ho fatto sette film senza risonanza, avevo bisogno di una storia dal sicuro successo commerciale"[6]. Poco dopo l'inizio delle riprese, però, l'attrice venne raggiunta dal compagno Gabriele Lavia, il quale lesse il copione e manifestò il proprio netto dissenso. Ne nacque una lite che portò la Guerritore ad abbandonare il set per otto giorni[6].

Il regista Samperi e per il produttore Pietro Innocenzi si recarono a Roma e convinsero la protagonista a tornare sul set, dopo averle garantito che tutti e tre, davanti ad un avvocato, avrebbero firmato ogni pagina della sceneggiatura per stabilire che sarebbero state girate solo le scene messe nero su bianco e controfirmate dalle parti, pena un possibile ricorso in tribunale[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fotografando Patrizia, tv.zam.it.
  2. ^ Fotografando Patrizia (1984), archiviodelcinemaitaliano.it.
  3. ^ Fotografando Patrizia, cinematographe.it.
  4. ^ Marco Giusti, Dizionario dei film italiani stracult, Sperling & Kupfer, 1999, ISBN 88-200-2919-7.
  5. ^ Film stasera sulla tv in chiaro: FOTOGRAFANDO PATRIZIA (sab. 10 maggio 2014), nuovocinemalocatelli.com, 10 maggio 2014.
  6. ^ a b c d Maria Pia Fusco, Eccomi Emilio, fratello mio, La Repubblica, 8 novembre 1984.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]