Forum Novum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri insediamenti romani omonimi, vedi Forum Novum (disambigua).
Forum Novum
Forum Novum.jpg
Veduta dell'area archeologica
CiviltàRomana
EpocaI - III secolo d.c.
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneTorri in Sabina
Scavi
Date scavi1972 - 1997
Amministrazione
Visitabilesi
Mappa di localizzazione
Coordinate: 42°19′50.16″N 12°36′14.04″E / 42.3306°N 12.6039°E42.3306; 12.6039

Forum Novum è stato un municipio romano di epoca imperiale; l'area archeologica è situata nell'attuale comune di Torri in Sabina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la conquista militare romana dei territori della Valle del Tevere, Forum Novum e' stato elevato a municipium in eta' imperiale nel I d.c. e assegnato alla tribu' Crustumina, si trova lungo il Torrente Aia affluente del Tevere. Venne costruito probabilmente successivamente ad un altro Foro romano di eta' repubblicana, per questo motivo chiamato Novum. Era usuale per i romani deportare le popolazioni locali ribelli conquistate in luoghi piu' lontani. Venne citato da Plinio nella Naturalis Historia.

Fu attivo dall'età imperiale fino al III secolo d.c. dagli scavi archeologici effettuati anche con georadar, hanno testimoniato che si trattava di un piccolo centro, scarsamente popolato, i resti dell'anfiteatro sono stati rinvenuti in legno, era presente un mercato frequentato fino all'eta' tardoantica, pur con popolazione ridotta, continuò a sopravvivere dopo la cristianizzazione come diocesi di Forum Novum divenuta in seguito sede episcopale, da cui il termine Vescovìo. La colonia fu infine distrutta durante le incursioni saracene del secolo IX culminate in quella dell'846 con i materiali di spoglio sorse la chiesa romanica di Santa Maria della Lode e il paese di San Polo frazione del comune di Tarano.

Le prime ricerche archeologiche, fino agli inizi degli anni 80, rilevarono la presenza di una basilica, di un complesso templare, di parte del foro e di altri edifici associati di indefinita funzione.

Nuove ricerche furono intraprese nel 1997 nel progetto dalla British School at Rome Tiber Valley Project[1] e grazie ai rilevamenti geofisici e tramite Georadar si comprese che l'area non dovesse essere molto popolata; gli unici edifici a carattere domestico reperiti furono delle piccole tabernae, anche se una villa urbana fu individuata nei pressi del centro cittadino, oltre ad un anfiteatro e al complesso delle terme; si ipotizzò pertanto che il centro dovesse essere a carattere rurale, con monumenti eretti grazie al contributo di élite locali [2]. Altri scavi, recentissimi, (2013) hanno individuato il percorso dell'acquedotto, in gran parte conservato e funzionante[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Vince Gaffney, Helen Patterson e Paul Roberts, Forum Novum–Vescovio: Studying urbanism in the Tiber valley, in Journal of Roman Archaeology, vol. 14, 2001/ed, pp. 58–79, DOI:10.1017/S1047759400019838. URL consultato il 6 giugno 2022.
  2. ^ (EN) V. Gaffney, H. Patterson; P. Roberts, Forum Novum - Vescovio: Studying urbanism in the Tiber Valley (PDF) (abstract), in Journal of Roman Archaeology, n. 14, Portsmouth, U .S.A., J. H. Humphrey, 2001, pp. 59-80. URL consultato il 2 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2014).
  3. ^ Cristiano Ranieri, Scoperto l'acquedotto dell'antico centro romano di Forum Novum, su scintilena.com, 24 ottobre 2013. URL consultato il 2 gennaio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN241247668 · GND (DE7567060-4 · WorldCat Identities (ENviaf-241247668