Fortezza di Marienberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Fortezza Marienberg)

Coordinate: 49°47′23″N 9°55′17″E / 49.789722°N 9.921389°E49.789722; 9.921389

Fortezza di Marienberg
Festung Marienberg
Veduta aerea della fortezza.
Veduta aerea della fortezza.
Ubicazione
Stato Circle Celtic Ornament 1.svgCelti
Vexilloid of the Roman Empire.svgImpero romano
Frankish gold Tremissis imitation of Bizantine Tremissis mid 500s.jpg Regno franco
Charlemagne autograph.svg Impero Carolingio
Ludwig der Deutsche.jpg Regno dei Franchi Orientali
Frankenrechen.svg Ducato di Franconia
Flagge Großherzogtum Baden (1871-1891).svg Vescovato di Würzburg
Fahne Kurbayern.gif Elettorato di Baviera
Wappen Deutsches Reich - Königreich Bayern (Grosses).jpgRegno di Baviera
Stato attuale Germania Germania
Regione Bayern Wappen.svgBaviera
Città Wappen von Wuerzburg.svg Würzburg
Informazioni generali
Primo proprietario Conti di Andechs-Dießen
Stile Medievale-Rinascimentale-Barocco
Funzione strategica Fortezza
Inizio costruzione epoca celtica
Termine costruzione XVII secolo
Materiale pietra e mattoni
Condizione attuale ben conservata e restaurata
Proprietario attuale Land della Baviera
Visitabile
Sito web Sito ufficiale dei Castelli bavaresi

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La Fortezza di Marienberg (in tedesco Festung Marienberg) si trova su un rilievo, lo Schlossberg, nelle immediate vicinanze della città tedesca di Würzburg.

Storia e architettura[modifica | modifica wikitesto]

L'Alte Mainbrücke con la fortezza sullo sfondo.
Il cortile interno.

Per la sua locazione sopraelevata, già in età celtica sull'altura erano stati costruiti una rocca di rifugio e un luogo di culto pagano. Al posto di quest'ultimo venne eretta nel 706[1], in epoca franca, la "Marienkirche" a pianta circolare, la chiesa più antica di Würzburg. In un primo tempo vi vennero sepolti i vescovi di Würzburg, come testimoniato dalle lapidi.

La fortezza subì progressive mutazioni nel corso degli anni. Le parti più antiche che si sono conservate fino ad ora hanno più di mille anni. Dal 1253 al 1719 la fortezza divenne anche residenza dei principi vescovi di Würzburg. Dal 1573 assunse l'aspetto di un castello rinascimentale. Durante la guerra dei trent'anni la fortezza venne conquistata dagli Svedesi (1631), trasformata secondo lo stile barocco e dotata di un giardino.

Sotto il principe vescovo Johann Philipp von Schönborn (1642-1673) l'edificio venne rinforzato con numerosi bastioni a pianta stellare dall'architetto francese Simon Choquet[2].

Nel cortile, accanto alla torre della rocca, si trova la rinascimentale Brunnenhaus, edificio ottagonale a protezione del pozzo profondo 105 metri.

Nella battaglia campale del Meno (1866) i bombardamenti prussiani scatenarono un potente incendio al Marienberg, reale fortezza bavarese, ma l'artiglieria della fortezza riuscì a rispondere e la fortezza rimase inespugnata fino alla tregua. La fortezza Marienberg ospita oggi il "Mainfränkisches Museum" (Museo della Franconia) e il "Museo della fortezza". Alla fortezza Marienberg si è ispirato Ludwig II, re di Baviera, per la costruzione del castello di Neuschwanstein; pertanto all'interno di quest'ultimo vi sono alcune sale che sono o forse erano la copia quasi esatta di quelle presenti nella fortezza, differenti solamente dal fatto di essere molto più grandi e sfarzose.

Note e referenze[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Germania", Guida TCI, 1996, pag. 442
  2. ^ "Germania", Guida TCI, 1996, pag. 442

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Helmut Flachenecker, Dirk Götschmann, Stefan Kummer: Burg – Schloss – Festung. Der Marienberg im Wandel. Ed. Echter, Würzburg, 2009, ISBN 978-3-429-03178-7
  • (DE) Marianne Erben: Unsere Würzburger Festung. Ed. Echter, Würzburg, 1998, ISBN 3-429-01988-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: 4256253-3