Fort Saint-Jean

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fort Saint-Jean
Fort-Jean à Marseille 3.jpg
Fort Saint-Jean
Stato Francia Francia
Regione Blason région fr Provence-Alpes-Côte d'Azur.svg Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Città Marsiglia
Coordinate 43°17′40.99″N 5°21′45″E / 43.29472°N 5.3625°E43.29472; 5.3625Coordinate: 43°17′40.99″N 5°21′45″E / 43.29472°N 5.3625°E43.29472; 5.3625
Informazioni generali
Costruzione XII secolo-XVII secolo
Proprietario attuale Stato francese
fonti nel testo
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il Fort Saint-Jean è una fortificazione costruita nel 1660 da Luigi XIV di Francia e che si trova all'ingresso del Vieux Port della città di Marsiglia, di fronte al Fort Saint-Nicolas che si trova sul lato opposto del porto. Commentando la loro costruzione, Luigi XIV disse:

(FR)

« Nous avons remarqué que les Marseillais prisaient fort les jolies bastides. Nous avons voulu avoir la nôtre à l'entrée de ce grand port. »

(IT)

« Abbiamo notato che gli abitanti di Marsiglia sono estremamente appassionati di belle fortezze. Volevamo avere la nostra all'ingresso di questo grande porto. »

(Luigi XIV di Francia)

In verità, più che per la difesa della città, i due forti vennero costruiti in risposta ad una rivolta contro il governatore locale, tanto che i loro cannoni erano rivolti verso l'interno della città e non verso il mare.

Durante la costruzione del forte vennero incorporati nella struttura un edificio preesistente del XII secolo di proprietà dei Cavalieri Ospitalieri, che fungeva da ospizio monastico durante le Crociate, e una torre del XV secolo fatta edificare da Renato d'Angiò.[1]

Durante la Rivoluzione francese il forte venne utilizzato come prigione e vi vennero imprigionati Luigi Filippo II, duca di Orléans, e due dei suoi figli, Luigi Carlo, conte di Beaujolais, e Antonio Filippo, duca di Montpensier.

Fino alla metà del 1960, quando la Legione straniera era dislocata quasi interamente in Africa, per le reclute destinate alla formazione di base in Algeria il forte era l'ultimo punto di sosta in terra francese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Duchêne & Contrucci

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Roger Duchêne e Jean Contrucci, Marseille, 2600 ans d'histoire, Editions Fayard, 2004, ISBN 2-213-60197-6.
  • (EN) David Jacoby, Hospitaller Ships and Transportation across the Mediterranean, in The Hospitallers, the Mediterranean and Europe, ed. Karl Borchardt, Nikolas Jaspert and Helen J. Nicholson, Ashgate, 2007, pp. 57–72, ISBN 0-7546-6275-6.,

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia