Forno elettrico a muffola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Una muffola in funzione.

Un forno elettrico a muffola o semplicemente muffola è un forno utilizzato in chimica analitica e metallurgia, generalmente per lo svolgimento di prove di laboratorio. È in grado di raggiungere temperature dai 1000 ai 1800 gradi Celsius, a seconda della potenza e dell'efficienza del materiale refrattario con cui è costruita. I campioni sono solitamente depositati al suo interno mediante pinze, e contenuti in crogioli di materiale ceramico.

Il termine mùffola [1] trae origine dal francese moufle (guanto, manicotto) e si riferisce alla camera di materiale refrattario dove vengono posti i materiali da riscaldare per evitare il contatto con la sorgente di calore e i prodotti della combustione.

Oltre allo svolgimento di prove di laboratorio, sono molteplici le possibili applicazioni[2] di un forno a muffola, per esempio: brasatura, sinterizzazione, coppellazione, nitrurazione e tempra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia