Formazioni forestali mediterranee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Formazioni forestali mediterranee
Mediterranean Forests, Woodlands and Scrub
Sardinien pass genna silana richtung dorgali.jpg
Macchia mediterranea in Sardegna
Dominio Terrestre
Ecozona Paleartica
Bioma Foreste, boschi e macchie mediterranee
Ecoregione G200 123
Ecoregioni vedi Ecoregioni nel testo
Superficie 2 265 581 km2
Conservazione In pericolo critico
Stati vedi Stati nel testo
Global 200 - Mediterranean Forests, Woodlands and Scrub.png
Scheda Global 200
Il leccio, una delle piante tipiche della macchia mediterranea

Le formazioni forestali mediterranee sono una ecoregione globale che fa parte della lista Global 200 delle ecoregioni prioritarie per la conservazione definita dal WWF.[1]. Appartiene al bioma delle Foreste, boschi e macchie mediterranee della regione paleartica. Interessa l'Europa meridionale, l'Africa settentrionale e occidentale, il Medio Oriente e l'Asia Minore. È una delle ecoregioni globali che interessa l'Italia e l'Europa.

Nonostante sia una delle aree del mondo abitate da più tempo, la regione mediterranea conserva il suo significato biologico a causa di un elevato livello di endemismi vegetali e dalla presenza di molte specie relitte, soprattutto lungo le coste. La varietà di flora è stimato in oltre 25.000 specie, di cui oltre la metà endemiche.

La regione è inserita fra gli hotspot di biodiversità con il nome di Mediterranean Basin[2].

Lo stato di conservazione è considerato in pericolo critico.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La regione si estende per oltre 2,2 milioni di km² intorno a tutte le coste del Mediterraneo, escluse delle piccole porzioni lungo le coste della Libia e dell'Egitto. La regione interessa anche una piccola parte delle coste atlantiche del Portogallo centro-meridionale e dell'Africa occidentale, dallo stretto di Gibilterra alle coste settentrionali del Sahara Occidentale, nonché le isole Canarie.

Stati[modifica | modifica wikitesto]

L'ecoregione interessa oltre 30 stati e territori appartenenti a tre continenti (Europa, Africa e Asia):

Ecoregioni[modifica | modifica wikitesto]

Le formazioni forestali mediterranee sono composte da 22 ecoregioni terrestri:

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Area di distribuzione di Olea europaea
Pianta di olivo (Olea europaea)

Il bioma che maggiormente caratterizza la regione è la macchia mediterranea, composta da arbusti sempreverdi e querce. Tipicamente è formata da specie sclerofille, cioè con foglie persistenti poco ampie, coriacee e lucide, particolarmente adatte a climi con siccità stagionale.

La regione presenta un forte endemismo: sulle oltre 25.000 specie stimate nella regione, circa 13.000 sono endemiche. Fra queste Polygonum idaeum, che si trova sulle montagne calcaree, Verbascum spinosum, il monotipico Petromarula pinnata e le specie relitte Jancaea heldreichii in Tessaglia e Arabis josiae sulle montagne dell'Atlante in Marocco.

Una delle piante simbolo degli ecosistemi mediterranei è l'olivo (Olea europaea), la cui area di distribuzione coincide non a caso praticamente con quella dell'ecoregione delle formazioni forestali mediterranee (vedi figura). L'olivo è una latifoglia sempreverde la cui coltivazione nel Mediterraneo risale a oltre 5000 anni fa. Si hanno notizie dell'impiego dell'olio estratto dai frutti della pianta nelle maggiori civiltà del mediterraneo: da quella egizia a quella minoica, da quella dei Fenici ai Greci e ai Romani. Questa specie, tipica della macchia mediterranea, ben si adatta alla siccità e ai suoli poveri, ed è anche resistente alla salinità. Esso è principalmente distribuito lungo le coste, anche se le sue coltivazioni sono al giorno d'oggi sviluppate in tutte le aree a clima mediterraneo del mondo[3].

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte dei grandi mammiferi della regione sono considerate specie in pericolo di estinzione. Essi includono: il leopardo (Panthera pardus), l'endemico cervo dell'Atlante (Cervus elaphus barbarus), la bertuccia (Macaca sylvanus), la lince pardina (Lynx pardinus), l'orso bruno (Ursus arctos), il lupo (Canis lupus), lo stambecco iberico (Capra pyrenaica) e l'ammotrago (Ammotragus lervia).

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La regione mediterranea, conosciuta come la culla della civiltà, è stata oggetto di degrado ambientale per millenni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mediterranean Forests, Woodlands and Scrub, WWF. URL consultato il 10 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2017).
  2. ^ Biodiversity Hotspots (PDF), Conservation International. URL consultato il 22 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2017).
  3. ^ Luciano Di Giovacchino, Tecnologie di lavorazione delle olive in frantoio. Rese di estrazione e qualità dell'olio, Tecniche Nuove, 2010, pp. 1-5, ISBN 8848125549.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ecologia e ambiente Portale Ecologia e ambiente: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ecologia e ambiente