Forma squadrata con taglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Forma squadrata con taglio (Square Form with Cut)
Statua di Henry Moore (Forma Squadrata con taglio), Prato, Toscana, Italia 06.jpg
AutoreHenry Moore
Data1969-1971
Materialescultura
Altezza544 cm
Ubicazionepiazza San Marco, Prato
Coordinate43°52′39.72″N 11°06′06.84″E / 43.8777°N 11.1019°E43.8777; 11.1019Coordinate: 43°52′39.72″N 11°06′06.84″E / 43.8777°N 11.1019°E43.8777; 11.1019

Forma squadrata con taglio (Square Form with Cut) è una scultura monumentale in marmo bianco realizzata dell'artista inglese Henry Moore (1898-1986), che fu acquistata alla città di Prato, con l'aiuto della industriali locali, dallo scultore, uno dei maggiori artisti del nostro secolo, al termine della sua mostra monografica del 1972 e rappresenta uno dei massimi esempi di scultura contemporanea presenti in Italia.

È composta da 30 blocchi di marmo bianco provenienti dal Monte Altissimo delle Alpi Apuane, precisamente dalla cava 'Mossa', fu realizzata presso il laboratorio Henraux a Querceta[1].


Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Contraddistinta da linee fluide e morbide che definiscono volumetrie maestose ed essenziali, è caratterizzata da una spiccata pulizia visiva che colpisce fin dal primo colpo d’occhio.cGli spazi definiti, che giocano continuamente su un equilibrio di pieni e vuoti, rivelano un universo disadorno, privato di orpelli e quindi ridotto al suo prototipo primario ed essenziale. Moore asseconda e lavora la materia come fa la natura, capace di smussare angoli ed escrescenze con dolcezza e delicatezza, attraverso un dialogo muto e paziente. I vuoti creano un senso di continuità tra interno ed esterno, le sculture non vivono semplicemente nello spazio ma lo creano, come se spazio e materia plastica fossero fusi in un’unica entità.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Vista notturna

Esposta per la prima volta alla celebre mostre retrospettiva sull'artista a Forte Belvedere a Firenze nel 1972. La memorabile mostra fiorentina, con le opere monumentali esposte all'aperto, fu inaugurata ufficialmente dalla principessa Margaret il 20 maggio 1972. Trecentoquarantacinquemila visitatori accorsero negli oltre quattro mesi di apertura e la mostra decretò la consacrazione di Moore, riconoscendo la sua opera come tassello imprescindibile della tradizione artistica del Novecento. Fu posta nel 1974, al centro di Piazza San Marco, dove un tempo sorgeva Porta Fiorentina (demolita verso la fine dell'Ottocento per far passare la linea tranviaria che collegava Prato a Firenze e Poggio a Caiano, oggi non più esistente). La scultura è la più monumentale tra quelle create in quegli anni da Henry Moore, con aspirazione sempre più evidente a una forma architettonica.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

1974, installazione della scultura a Prato

Henry Moore realizzò altre versioni della scultura con materiali diversi ed in scala ridotta. Il bozzetto originale è conservato a Toronto presso la Art Gallery of Ontario.

Le più importanti sono:

  • Maquette for the Square form with cut, 1969, gesso, 1969, cm 16.1, Art Gallery of Ontario, Toronto (Canada)[2]
  • Square form with cut, 1969, black marble, cm 140, Fundacion Bartolome March, Palma de Mallorca (Spain)
  • Square form with cut, 1969, edizione in bronzo, 1di 9 esemplari, cm 16.5, The Metropolitan Museum of Art, New York (USA)[3]
  • Square form with cut, 1969, calcestruzzo, cm 139.7, The Henry Moore Foundation, Perry Green, Much Hadham (Regno Unito)[4]
  • Square form with cut, 1969, fiberglass, cm 134, The Henry Moore Foundation, (Regno Unito)[5]

Due piccole versioni in bronzo (cm 16.5), della serie di 9, sono passate in asta in Germania (Grisebach, 31 maggio 2013, lotto 767) ed in Sud Africa (Strauss & Co, 13 novembre 2017, lotto 301), e sono state vendute per una cifra superiore ai 50.000 Euro ciascuna.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Dopo Francis Bacon, Moore è il più costoso artista moderno britannico dopo che la sua opera intitolata Reclining Figure: Festival, lunga 230 cm, realizzata una edizione di 5, è stata venduta in asta da Christie's a Londra il 30 giugno 2016 per 24.722.500 di sterline, è facile ipotizzare che la scultura di Prato possa valere una cifra ampiamente superiore ai 70 milioni di euro, rendendola probabilmente la scultura d'arte moderna monumentale più importante d'Italia[6].

Fin dai primi anni della sua posa in opera la scultura divenne un simbolo della città ed in particolare della sua aspirazione alla modernità ed al progresso industriale. I pratesi la chiamano simpaticamente "i'bbuho" (il buco).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Prato Portale Prato: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Prato
  1. ^ (EN) Square Form with Cut [collegamento interrotto], su catalogue.henry-moore.org. URL consultato il 3 agosto 2019.
  2. ^ (EN) The Henry Moore Sculpture Centre, su Art Gallery of Ontario. URL consultato il 3 agosto 2019.
  3. ^ www.metmuseum.org, https://www.metmuseum.org/art/collection/search/482560. URL consultato il 3 agosto 2019.
  4. ^ (EN) Square Form with Cut [collegamento interrotto], su catalogue.henry-moore.org. URL consultato il 3 agosto 2019.
  5. ^ (EN) Square Form with Cut [collegamento interrotto], su catalogue.henry-moore.org. URL consultato il 3 agosto 2019.
  6. ^ (EN) Henry Moore, O.M., C.H. (1898-1986) , Reclining Figure: Festival, su www.christies.com. URL consultato il 3 agosto 2019.