Foresta planiziale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con foresta planiziale (o bosco planiziale) si indica un terreno coperto da alberi in una pianura.

La foresta planiziale in Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia con questa espressione si fa riferimento al tipo di ambiente presente anticamente nella pianura Padana e che oggi sopravvive in limitate aree scampate al disboscamento e alla conversione agricola effettuata nei secoli XI-XX.

Il paesaggio della pianura Padana è la conseguenza di una millenaria storia di antropizzazione che ha radicalmente cambiato i caratteri naturali di questo territorio.
Il suolo e il clima di quest'area sarebbero l'habitat di specie arboree quali quercia, ontano, salice, olmo, acero, frassino, pioppo bianco e pioppo nero. Fino all'avvento dei romani gli interventi di disboscamento furono limitati e vaste porzioni di territorio erano coperte da foreste come la Silva Lupanica. Fu a partire dal I secolo a.C. che si iniziarono opere di disboscamento e di bonifica delle paludi. Tuttavia dalla caduta dell'impero romano fino a tutto il X secolo, in conseguenza della diminuzione di popolazione e degli sconvolgimenti sociali, la coltivazione diminuì e il bosco riprese il sopravvento. A partire dall'XI secolo si riprese ad abbattere le foreste sia per procurarsi il legname sia per ottenere maggiori spazi coltivabili. Con la costruzione dai canali artificiali e le opere di bonifica il paesaggio agricolo padano prese l'aspetto odierno. La diffusione di specie alloctone (come Robinia pseudoacacia) hanno contribuito ad alterare l'habitat antico.

Oltre a poche zone boschive sopravvissute, ci sono casi (vedi ad esempio dieci grandi foreste di pianura e di fondovalle) in cui si è deciso in epoca moderna di reimpiantare alberi autoctoni con lo scopo di ricreare il paesaggio originario.

Boschi planiziali della pianura Padana[modifica | modifica wikitesto]

Boschi planiziali in altre pianure italiane[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]