Forame epiploico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il forame epiploico, o forame di Winslow, è un foro che mette in comunicazione la borsa omentale, o retrocavità degli epiploon, con la grande cavità peritoneale.

Largo 2-3 cm, il forame epiploico è delimitato anteriormente, posteriormente, superiormente, e inferiormente, da diverse parti del legamento epatoduodenale (legamento che fa parte del piccolo omento e origina dal solco trasversale della faccia viscerale del fegato per finire sulla prima porzione del duodeno).

Il forame epiploico è delimitato anteriormente dal peduncolo epatico, facente parte del legamento epatoduodenale, il quale è originato dall'unione di tre distretti anatomici: arteria epatica propria, coledoco e vena porta. Il tetto e la parete posteriore del forame epiploico sono costituiti dalla lamina posteriore del legamento epatoduodenale che si porta dapprima verso il lobo caudato del fegato e poi riveste anteriormente la vena cava; inferiormente la lamina prosegue passando superiormente alla prima porzione del duodeno e tornando verso l'origine del legamento epatoduodenale: in tal modo si costituisce il pavimento del forame epiploico.

A destra il forame epiploico è in continuità con il peritoneo della grande cavità.

anatomia Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anatomia