Football Club of Pune City

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Football Club of Pune City
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Arancione e Viola2.png Arancione, viola
Dati societari
Città Pune
Nazione India India
Confederazione AFC
Federazione Flag of India.svg AIFF
Campionato Indian Super League
Fondazione 2014
Scioglimento2019
Proprietario India Rajesh Wadhawan Group
India Arjun Kapoor
Stadio Balewadi Stadium
(22.000 posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Football Club of Pune City, meglio conosciuto come Pune City, è stata una società calcistica indiana con sede nella città di Pune, nel Maharashtra che ha militato nella Indian Super League dal 2014 alla stagione 2018-2019.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La società è stata fondata nell'estate del 2014, tramite un accordo tra l'attore Salman Khan, Wadhawan Group e il club italiano della Fiorentina,[1] per prendere parte alla stagione d'esordio della Indian Super League, nuova lega calcistica indiana.[2]

La squadra è stata presentata ufficialmente il 24 agosto.[3] Chiude la prima stagione in sesta posizione.

Conclude la seconda stagione al 7º posto, non riuscendo a centrare i Play-Off.
Nel 2016 ci sarà un cambio in panchina, infatti subentra come nuovo allenatore Antonio López Habas vincitore del titolo nel 2014 con l'Atlético de Kolkata. Nonostante il cambio, la squadra conclude questo campionato al 6º posto non centrando i Play-Off. Nel 2017, nonostante il 4º posto nella stagione regolare, viene eliminata in semifinale dal Bengaluru.

La proprietà del club è stata venduta a Vijay Madduri, un imprenditore di Hyderabad ed ad Varun Tripuneni, ex CEO dei Kerala Blasters. Decisero di spostare la base da Pune a Hyderabad e rinominare la squadra Hyderabad Football Club, cessando così di esistere.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Football Club of Pune City
  • 2014 - aprile, fondazione del Football Club of Pune City.
  • 2014 - 6º nella stagione regolare.
  • 2015 - 7º nella stagione regolare.
  • 2016 - 6º nella stagione regolare.
  • 2017 - 4º nella stagione regolare. Semifinalista dell'Indian Super League.
  • 2018-2019 - 7º nella stagione regolare. Semifinalista dell'Indian Super League.
  • 2019 - scioglimento del Football Club of Pune City.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

I colori sociali del Pune City erano l'arancione e il viola.

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Il Pune City giocava le sue partite casalinghe al Balewadi Stadium di Pune, impianto con una capacità di 22.000 spettatori.

Società[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la cronologia di fornitori tecnici e sponsor del Pune City

Sponsor tecnici
Sponsor ufficiali

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori
Presidenti

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
3 India D Gurtej Singh
8 India C Shankar Sampingiraj
19 India C Rohit Kumar
N. Ruolo Giocatore
24 India P Anuj Kumar
25 India A Jakob Vanlalhlimpuia
28 India C Abhishek Halder

Rosa 2018[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
India A Gabriel Fernandes
N. Ruolo Giocatore
India D Keenan Almeida

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Staff dell'area tecnica

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Amit Kamath, ISL: FC Pune City tie up with Italian giants FC Fiorentina, in mid-day.com, 23 luglio 2014.
  2. ^ (EN) Saumyajit Basu, Stars embrace soccer through Indian Super League, in timesofindia.indiatimes.com, 14 aprile 2014.
  3. ^ Pune City FC, presentata la squadra allenata da Colomba: ecco la rosa, in fiorentina.it, 24 agosto 2014. URL consultato il 31 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2014).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]