Football Club Flora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
FC Flora Tallinn
Calcio Football pictogram.svg
Jumalanna (Dea), Rohevalged (Verdibianchi), Triibulised (Striati), Kaktused (Cactus)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Verde e Bianco (Strisce)2.png Verde-Bianco
Simboli Flora
Dati societari
Città Tallinn
Nazione Estonia Estonia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Estonia.svg EJL
Fondazione 1990
Presidente Estonia Pelle Pohlak
Allenatore Paesi Bassi Arno Pijpers
Stadio Arena A. Le Coq
(9 300 posti)
Sito web www.fcflora.ee
Palmarès
Titoli nazionali 11 Meistriliiga
Trofei nazionali 7 Coppe d'Estonia
9 Supercoppe d'Estonia
Si invita a seguire il modello di voce

Il Football Club Flora, noto più comunemente come Flora Tallinn, è una società calcistica estone di Tallinn. Milita nella Meistriliiga, la massima serie del campionato locale, e gioca nell'Arena A. Le Coq della capitale (9 300 posti).

Fondato nel 1990, è uno dei club più titolati del Paese e detiene il record di vittorie del campionato di Meistriliiga (11); inoltre ha sempre ottenuto un piazzamento tra i primi quattro posti della classifica finale.

Per lungo tempo la Nazionale estone è stata composta in maggior parte da giocatori provenienti dal Flora Tallinn, tra cui Martin Reim, Marko Kristal, Mart Poom, Andres Oper e Raio Piiroja.

Il club schiera anche una squadra nella prima divisione estone di calcio a 5 e una squadra nella Naiste Meistriliiga (campionato femminile), oltre a una formazione Under-21 nel campionato di Esiliiga e una formazione Under-19 in II Liiga.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi: anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Il Flora Tallinn fu fondato il 10 marzo 1990 da Aivar Pohlak, ex calciatore e arbitro[1], con l'intento di dare nuovo vigore al calcio in un'Estonia ormai prossima all'indipendenza. La squadra era infatti formata principalmente da giocatori locali provenienti dalle giovanili del Lõvid Tallinn.[2]

Con la fondazione della federazione calcistica dell'Estonia (di cui lo stesso Pohlak divenne presidente), il Flora prese parte alla Meistriliiga fin dalla sua prima edizione nel 1992, in cui si piazzò al primo posto nel proprio girone e quarto nel girone finale. Vinse per la prima volta il campionato nella stagione 1993-1994, confermandosi campione l'anno successivo in cui vinse anche la sua prima coppa nazionale. Nell'anno solare 1998 vinse due campionati, in occasione della riforma della Meistriliiga. Pochi mesi dopo esordì in Champions League, dove uscì al primo turno contro la Steaua Bucarest.

Anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 lo stadio Lilleküla fu ampliato e ammodernato e prese il nome A. Le Coq Arena, in cui il Flora vinse subito tre campionati consecutivi.

Successivamente iniziò ad acuirsi il dualismo con gli avversari del Levadia Tallinn, allora squadra emergente del calcio estone, che in un decennio conquistò titoli su titoli fino a raggiungere, nel 2009, il Flora per numero di vittorie in campionato.

Contrasti tra le due squadre emersero anche fuori dal campo per i molteplici ruoli di Aivar Pohlak, che contemporaneamente gestiva sia il maggiore club del paese che il principale strumento di governo del calcio nazionale, fatto che suscitava dubbi e polemiche per l'evidente conflitto di interessi. A metà degli anni 2000 il presidente e proprietario del Levadia Tallinn, Viktor Levada, lamentava la mancanza di indipendenza della lega dalla federazione come avviene in altri paesi. A tale proposito il presidente di origini ucraine dichiarò:[3]

"Lo dirò sino alla fine dei miei giorni: lui ha fatto tanto per il bene del calcio, ma tutto il potere non può concentrarsi per sempre nelle sue mani. Vi sembra normale che le persone che hanno idee diverse dalle sue diventino immediatamente suoi nemici?"

Pohlak, oltre che presidente della federazione e per lungo tempo del club, opera anche come procuratore di calciatori grazie alla sua agenzia Sport&Net Grupp che ha il controllo diretto dei calciatori dell'FC Flora, ai quali non è consentito avere un procuratore proprio.

Anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

Nei due anni successivi il Flora salì a 9 titoli e distanziò nuovamente il Levadia, il quale però nel 2014 riagganciò la compagine rivale, che concluse la stagione al terzo posto.

Nel 2015 il Flora ha celebrato il 25º anniversario dalla sua fondazione con un altro titolo di Meistriliiga, diventando così la prima squadra estone a raggiungere quota 10 campionati nazionali vinti.[4][5]

Nel 2016 Aivar Pohlak lascia la guida del club al figlio Pelle. In campionato il Flora si mantiene a ridosso dei primi posti per tutta la stagione, ma viene estromesso dalla corsa per il titolo alla penultima giornata, in cui pareggia 3-3 contro il Kalev Sillamäe. L'ultima partita della stagione vede il Flora impegnato nel derby contro il Levadia Tallinn, ancora in gara per la vittoria del campionato, mentre gli altri due contendenti, l'Infonet capolista e il Kalju Nõmme, si affrontano in uno scontro diretto. Con ancora la possibilità di raggiungere il secondo posto, il Flora chiude il primo tempo in vantaggio 0-1; ma nella ripresa il Levadia rimonta e ribalta la situazione vincendo infine 2-1, risultato che lascia il Flora al quarto posto in classifica, nonostante la sconfitta del Kalju contro l'Infonet vincitore del campionato.[6]

Torna alla vittoria già nel 2017, quando vince il suo undicesimo campionato[7][8] con una giornata di anticipo, grazie alla vittoria (2-0) contro il Tammeka Tartu e al contemporaneo pareggio (0-0) del Levadia Tallinn sul campo del Trans Narva. Questi risultati hanno di fatto reso ininfluente lo scontro diretto tra Levadia e Flora all'ultima giornata, terminato 0-0.[9]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Flora Tallinn
  • 1990: fondazione del club.
  • 1992: 1° nel gruppo est della Meistriliiga, 4° nel girone per il titolo.
  • 1992-1993: 2° in Meistriliiga.
  • 1993-1994: Campione di Estonia (1º titolo) dopo aver vinto lo spareggio contro il Norma Tallinn.
  • 1994-1995: Campione di Estonia (2º titolo) e vincitore della Coppa di Estonia (1º titolo).
  • 1995-1996: 2° in Meistriliiga.
  • 1996-1997: 2° in Meistriliiga.
  • 1997-1998: Campione di Estonia (3º titolo) e vincitore della Coppa di Estonia (2º titolo).
  • 1998: Campione di Estonia (4º titolo) e vincitore della Supercoppa di Estonia (1º titolo).
  • 1999: 3° in Meistriliiga.
  • 2000: 2° in Meistriliiga.
  • 2001: Star*.svg Campione di Estonia (5º titolo).
  • 2002: Campione di Estonia (6º titolo) e vincitore della Supercoppa di Estonia (2º titolo).
  • 2003: Campione di Estonia (7º titolo) e vincitore della Supercoppa di Estonia (3º titolo).
  • 2004: 3° in Meistriliiga. Vincitore della Supercoppa di Estonia (4º titolo).
  • 2005: 4° in Meistriliiga.
  • 2006: 3° in Meistriliiga.
  • 2007: 2° in Meistriliiga.
  • 2008: 2° in Meistriliiga. Vincitore della Coppa di Estonia (3º titolo).
  • 2009: 4° in Meistriliiga. Vincitore della Coppa di Estonia (4º titolo) e della Supercoppa di Estonia (5º titolo).
  • 2010: Campione di Estonia (8º titolo).
  • 2011: Campione di Estonia (9º titolo). Vincitore della Coppa di Estonia (5º titolo) e della Supercoppa di Estonia (6º titolo).
  • 2012: 3° in Meistriliiga. Vincitore della Supercoppa di Estonia (7º titolo).
  • 2013: 4° in Meistriliiga. Vincitore della Coppa di Estonia (6º titolo).
  • 2014: 3° in Meistriliiga. Vincitore della Supercoppa di Estonia (8º titolo).
  • 2015: Star*.svgStar*.svg Campione di Estonia (10º titolo).
  • 2016: 4° in Meistriliiga. Vincitore della Coppa di Estonia (7º titolo) e della Supercoppa di Estonia (9º titolo).
  • 2017: Campione di Estonia (11º titolo).

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Il Flora gioca le partite casalinghe alla A. Le Coq Arena di Tallinn, nel distretto di Kesklinn (sub-distretto di Kitseküla). L'impianto, situato sulla stessa area del preesistente Lilleküla Stadium, è stato inaugurato nel 2001. Ad oggi è il principale stadio dell'Estonia e, con i suoi 9300 posti, il secondo più capiente del paese dopo il Kalevi Keskstaadion.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1993-1994, 1994-1995, 1997-1998, 1998, 2001, 2002, 2003, 2010, 2011, 2015, 2017
1994-1995, 1997-1998, 2007-2008, 2008-2009, 2010-2011, 2012-2013, 2015-2016
1998, 2002, 2003, 2004, 2009, 2011, 2012, 2014, 2016

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1992-1993, 1995-1996, 1996-1997, 2000, 2007, 2008
Terzo posto: 1999, 2004, 2006, 2012, 2014
Finalista: 2000-2001, 2002-2003, 2005-2006, 2009-2010
Semifinalista: 1993-1994, 1998-1999, 1999-2000, 2003-2004, 2004-2005, 2011-2012, 2014-2015
Finalista: 1999, 2006, 2010, 2017

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Il Flora Tallinn ha partecipato a tutte le 27 edizioni della Meistriliiga finora disputate, record che condivide col Trans Narva. Le statistiche comprendono le stagioni a partire dal 1992, anno di fondazione del campionato estone.

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Meistriliiga 27 1992 2017 27

Coppe europee[modifica | modifica wikitesto]

  • 1T = 1º turno di qualificazione
  • 2T = 2º turno di qualificazione
Stagione Competizione Turno Squadra Risultato Totale
1994-1995 Coppa UEFA 1T Danimarca Odense 0-3, 0-3 0-6
1995-1996 Coppa UEFA 1T Norvegia Lillestrøm 0-4, 1-0 1-4
1996-1997 Coppa UEFA 1T Finlandia Haka 2-2, 0-1 2-3
1997-1998 Coppa UEFA 1T Israele Hapoel Petah Tiqwa 0-1, 1-2 1-3
1998-1999 Champions League 1T Romania Steaua Bucarest 1-4, 3-1 4-5
1999-2000 Champions League 1T Serbia Partizan Belgrado 0-6, 1-4 1-10
2000-2001 Coppa UEFA 1T Belgio Bruges 1-4, 0-2 1-6
2001-2002 Coppa UEFA 1T Croazia Dinamo Zagabria 0-1, 0-1 0-2
2002-2003 Champions League 1T Cipro APOEL Nicosia 0-0, 0-1 0-1
2003-2004 Champions League 1T Moldavia Sheriff Tiraspol 0-1, 1-1 1-2
2004-2005 Champions League 1T Slovenia Nova Gorica 2-4, 1-3 3-7
2005-2006 Coppa UEFA 1T Danimarca Esbjerg 2-1, 0-6 2-7
2006-2007 Coppa UEFA 1T Norvegia Lyn Oslo 1-1, 0-0 1-1 (gfc)
2T Danimarca Brøndby 0-0, 0-4 0-4
2007-2008 Coppa UEFA 1T Norvegia Vålerenga 0-1, 0-1 0-2
2008-2009 Coppa UEFA 1T Svezia Djurgården 0-0, 2-2 2-2 (gfc)
2009-2010 Europa League 1T Danimarca Brøndby 1-0, 1-4 2-4
2010-2011 Europa League 1T Georgia Dinamo Tbilisi 1-2, 0-0 1-2
2011-2012 Champions League 2T Irlanda Shamrock Rovers 0-1, 0-0 0-1
2012-2013 Champions League 2T Svizzera Basilea 0-2, 0-3 0-5
2013-2014 Europa League 1T Albania Kukësi 1-1, 0-0 1-1 (gfc)
2015-2016 Europa League 1T Macedonia Rabotnički 1-0, 0-2 1-2
2016-2017 Champions League 1T Gibilterra Lincoln Red Imps 2-1, 0-2 2-3
2017-2018 Europa League 1T Slovenia Domžale 2-3, 0-2 2-5

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata a fine stagione 2017.[10]

Record di presenze
Record di reti

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori del Flora Tallinn

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2017[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata a luglio 2017.[11]

N. Ruolo Giocatore
2 Estonia D Märten Kuusk
3 Estonia C Jan Kokla
4 Estonia D Kevin Aloe
5 Estonia D Mairo Miil
6 Estonia C German Šlein
7 Estonia C Martin Miller
8 Estonia A Hannes Anier
9 Estonia A Rauno Alliku
10 Estonia C Brent Lepistu
11 Estonia A Rauno Sappinen
13 Estonia P Ingmar Krister Paplavskis
17 Estonia D Marco Lukka
18 Estonia A Roman Sobtšenko
N. Ruolo Giocatore
19 Estonia D Gert Kams
20 Estonia C Maksim Gussev
21 Estonia D Madis Vihmann
23 Estonia C Mihkel Ainsalu
27 Estonia D Joseph Saliste
31 Estonia D Joonas Tamm
33 Estonia P Richard Aland
35 Estonia C Markus Poom
45 Estonia D Henri Järvelaid
49 Georgia C Zakaria Beglarishvili
50 Estonia A Erik Sorga
71 Estonia A Mark Anders Lepik
73 Estonia P Mait Toom

Flora Tallinn Under-21[modifica | modifica wikitesto]

Il Flora Tallinn Under-21 (fino al 2015 Flora Tallinn II) è la formazione riserve della prima squadra. Milita in Esiliiga dal 2006 e ha vinto per tre volte tale serie (2011, 2014 e 2015).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]