Fontana del Tritone (Piazza Cavour)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 40°51′15.01″N 14°15′09.05″E / 40.85417°N 14.252515°E40.85417; 14.252515

Fontana del Tritone
Particolare del Tritone

La fontana del Tritone è una delle fontane ornamentali di Napoli; si erge nel centro storico, in piazza Cavour.

Cenni storici e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di una prima fontana sono da collocare in un arco temporale che va dal 1871, dopo che furono completati i lavori per l'installazione dei giardini nella piazza, e il 1879.

Nel 1933[1] l'Ente Autonomo Volturno promosse, su invito del Comune, il restauro della fontana (da tempo in stato di degrado), impiantando al centro una statua del Tritone (di qui il nome) di Carlo De Veroli nonché una nuova balaustra con cancellata. La statua, una copia dell'originale, fu commissionata alla fonderia artistica Chiurazzi[1] che deteneva il modello autentico e sostituì una precedente scultura. La fontana fu consegnata il 25 novembre dello stesso anno.[1] Già nel 1917 aveva subìto un primo intervento ad opera di Pasquale Cerino che lavorò alla vasca e alla prima statua.

È stata oggetto di un radicale restauro in occasione dei lavori di costruzione della stazione "Museo" della linea 1 della metropolitana, anche considerando che era stata deturpata da vandali in occasione dei festeggiamenti per il primo scudetto della squadra di calcio del Napoli nel 1987 (fu completamente dipinta di azzurro).

Nel 2006 la giunta comunale ha deciso di intitolarla a Totò, poiché la fontana si trova nelle vicinanze del quartiere dell'attore (Rione Sanità).

L'opera è posta nei pressi della stazione Museo ed è storicamente e popolarmente detta delle Paparelle.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Luisa Fucito, Fonderia artistica Chiurazzi: la forma dell'arte, Altrastampa, 2001

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]