Fondo (Borgo d'Anaunia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fondo
frazione
Fondo – Stemma Fondo – Bandiera
Fondo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
ComuneBorgo d'Anaunia
Territorio
Coordinate46°26′00″N 11°08′00″E / 46.433333°N 11.133333°E46.433333; 11.133333 (Fondo)
Altitudine982 m s.l.m.
Superficie30,63 km²
Abitanti1 423[2] (30-4-2019)
Densità46,46 ab./km²
SottodivisioniTret, Vasio
Altre informazioni
Cod. postale38013
Prefisso0463
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT022088
Cod. catastaleD663
TargaTN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[3]
Nome abitantifóneri[1]
PatronoSan Martino
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fondo
Fondo
Sito istituzionale

Fondo (Fón[4] in noneso) è stato un comune italiano di 1 423 abitanti[2] della provincia autonoma di Trento in Trentino-Alto Adige. Si trova nella parte settentrionale della Val di Non, detta Alta Anaunia.[5]

In seguito a un referendum popolare del 18 dicembre 2016, il 1º gennaio 2020 si è fuso con i comuni di Castelfondo e Malosco nel nuovo comune di Borgo d'Anaunia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Una delle cascate del canyon rio Sass

Nel 1928 al comune di Fondo vennero aggregati i territori dei comuni soppressi di Malosco, San Felice, Senale e Vasio.[6] Nel 1947 vennero distaccati alcuni territori per la ricostituzione dei comuni di Malosco (censimento 1936: pop. res. 377), San Felice (censimento 1936: pop. res. 289) e Senale (censimento 1936: pop. res. 298).[6]

Dal 1º gennaio 2020, a seguito della fusione con i comuni di Castelfondo e Malosco, il comune di Fondo è stato soppresso per costituire il comune di Borgo d'Anaunia, con capoluogo a Fondo.[7]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palanaunia. Struttura adatta a manifestazioni ed eventi di varia natura.[10] Nel 2009 ha ospitato Depero alla ribalta!, esposizione curata da Gabriella Belli e dedicata a Fortunato Depero che a Fondo era nato nel 1892. L'esposizione itinerante è stata organizzata in collaborazione col Mart, Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto.[11]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Idrocronometro astronomico, ideato dagli orologiai Zanoni e realizzato a mano dal maestro orologiaio Alberto Gorla, sorge in pieno centro storico.[12][13]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[17]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel censimento del 2001 il 10,33% della popolazione si è dichiarato "ladino".[18]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

L'idrocronometro di Fondo

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno, generalmente all'Epifania, si svolge La Ciaspolada, gara di rinomanza internazionale che nel 2013 è stata scelta per l'attribuzione del campionato del mondo di specialità.

Durante il secondo week-end di agosto, si svolge la manifestazione gastronomica-culturale "Cosina Nonesa en ti Somasi da Fon".

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Risulta ancora diffusa e rinomata l'antica lavorazione del legno finalizzata alla realizzazione di mobili e arredamenti.[19]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Presso Fondo si incontrano le strade statali 238 del Passo Palade e 42 del Tonale e della Mendola.

Fra il 1909 e il 1934, Fondo ebbe una stazione, di testa, presso la tranvia elettrica dell'Alta Anaunia che collegava Dermulo, sulla tranvia Trento-Malé, alla funicolare della Mendola.

Fondo è servita dagli autoservizi interurbani svolti dalle società Trentino Trasporti e SAD.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
17 maggio 2010 10 maggio 2015 Remo Bonadiman Lista civica Sindaco
11 maggio 2015 31 dicembre 2019 Daniele Graziadei Lista civica Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2019.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Enrico Quaresima, Vocabolario anaunico e solandro, Firenze, Leo S. Olschki, 1991 [1964], p. XXIV, ISBN 88-222-0754-8.
  5. ^ Betti Antonio, Fondo, in Alta Anaunia: considerazioni sull'evoluzione economico-sociale di una collettività montana, Trento, Saturnia 1972.
  6. ^ a b Comuni d'Italia - Storia del Comune 022088 Fondo (Codice Catastale D663), su elesh.it. URL consultato il 26 marzo 2020.
  7. ^ Legge Regionale 13 novembre 2019, n. 6 - Istituzione del nuovo Comune di Borgo d'Anaunia mediante la fusione dei Comuni di Castelfondo, Fondo e Malosco (PDF), su regione.taa.it. URL consultato il 26 marzo 2020.
  8. ^ Santa Lucia di Fondo, su visitvaldinon.it, Azienda per il turismo di Val di Non. URL consultato il 3 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2019)..
  9. ^ Chiesa di San Rocco, su necrologie.corrierealpi.gelocal.it. URL consultato il 26 marzo 2020.
  10. ^ Palanaunia – Struttura per eventi, fiere e congressi, su canyonriosass.it. URL consultato il 2 agosto 2021.
  11. ^ Depero e la rivoluzione teatrale futurista, su culturaitalia.it. URL consultato il 2 agosto 2021.
  12. ^ Idrocronometro astronomico, su proloco.fondo.it
  13. ^ Idrocronometro astronomico con idrosuoneria Archiviato il 31 luglio 2017 in Internet Archive., su visitvaldinon.it
  14. ^ canyonriosass.it
  15. ^ Lago Smeraldo, su visittrentino.info
  16. ^ La passeggiata al burrone del Lago Smeraldo, su iltrentinodeibambini.it
  17. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  18. ^ Nel 2001 erano il 17,54% dei residenti | Trentino[collegamento interrotto]
  19. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 1, Roma, A.C.I., 1985, p. 15.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE16103077-4
  Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Trentino-Alto Adige