Follador prosecco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Follador Prosecco
Logo
StatoItalia Italia
Fondazione1769 a Valdobbiadene
Sede principaleCol San Martino
SettoreAgroalimentare
Prodottivini spumanti
Sito webwww.folladorprosecco.com

Follador Prosecco è una società italiana che opera nel settore alimentare specializzata nella produzione di vino, soprattutto prosecco, fondata nel 1769.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Al 1769 risale la prima attestazione della qualità del vino prosecco prodotto da Giovanni Follador ed è stata tributata dal Doge Alvise IV Mocenigo.[1]

Nella prima metà del XIX secolo Alberto Gaetano Follador fu artefice della prima riconversione dei vigneti dell'area di Valdobbiadene a uve Glera, vitigno destinato a segnare indelebilmente le sorti del territorio del Conegliano-Valdobbiadene, per la produzione di prosecco.

Nella seconda metà del novecento, dopo i danneggiamenti delle due guerre mondiali, i vigneti vennero ripristinati e Giovanni Follador e la moglie Cleofe, genitori di Gianfranco, ed estesi nei territori di Valdobbiadene, Col San Martino, Farra di Soligo. Una parte significativa dei vigneti sorge alla base del complesso fortificato, denominato Torri di Credazzo, risalente all'epoca feudale.[2]

Negli anni '60 Gianfranco Follador fu pioniere nell'applicazione della macerazione a freddo per le uve Glera grazie all'utilizzo del Metodo Martinotti (Charmat); la sua innovazione arriva a compimento.

Nel 2018 viene depositato un esclusivo metodo di vinificazione, evoluzione del Metodo Martinotti, denominato Metodo Gianfranco Follador[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zarmalana, Follador, 250 + 1 anni di eccellenza nel mondo del vino con il Prosecco, su beverfood.com, 5 gennaio 2020. URL consultato il 19 giugno 2020.
  2. ^ Gianfranco Follador, Noi, Follador, Aurelia Edizioni, ISBN 9788889763827.
  3. ^ Follador fa debuttare al Prowein il suo Prosecco Brut Nature 2017 col 30% di solfiti in meno, su The Italian Wine Journal, 6 marzo 2018. URL consultato il 19 giugno 2020.