Fogarina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il fogarina è un vitigno storico dell'Emilia-Romagna, noto soprattutto per la popolare canzone del folklore italiano L'uva fogarina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 1930 era molto diffuso tanto, che nel 1927 sul periodico L'Italia Agricola un servizio di G. Toni specificava che era il vitigno più diffuso nella provincia di Reggio Emilia e che

« ...nei comuni di Gualtieri, Boretto e Brescello, questo vitigno raggiunge l'80% .... »

([1])

Il declino cominciò con il mancato riconoscimento burocratico come varietà a sé stante. La denominazione "Fogarina" deriverebbe dalla capacità del vitigno di mettere fuoco e vigore a vitigni più scadenti[1].Come discendenza sembra che derivi dalla vitis lambrusca citata anche da Virgilio[2].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Da questo vitigno si ricava il vino omonimo, dal colore rosso violaceo, dal sapore molto fruttato e con bassa gradazione alcolica.[3]

Essendo una varietà a maturazione tardiva la sua vendemmia coincideva con la fine del lavoro e con l'inizio delle feste. Probabilmente questo fatto è collegato alla nota canzone folkloristica del "Duo di Piadena" di cui si riporta il testo.

Testo della canzone[modifica | modifica wikitesto]

Diridin din din, diridin din dìn
diridin din din, diridin din din
diridin din din, diridin din din
diridin din din, diridin din din

Anonimo (info file)
L'uva fogarina — (Versione strumentale)

Oh com'è bella l'uva fogarina
oh com'è bello saperla vendemmiar
a far l'amor con la mia ohi bella
a far l'amore in mezzo al prà.

Oh com'è bella l'uva fogarina
oh com'è bello saperla vendemmiar
a far l'amor con la mia ohi bella
a far l'amore in mezzo al prà.

Diridin din din, diridin din din
diridin dìn din, diridin din din
diridin din din, diridin din din
diridin din din, diridin din din

Oh com'è bella l'uva fogarina
oh com'è bello saperla vendemmiar
a far l'amor con la mia ohi bella
a far l'amore in mezzo al prà.

Filar no la vol filar
cusir non lo sa far
il sol de la campagna
il sol de la campagna

Filar no la vol filar
cusir non lo sa far
il sol de la campagna
la dis che'l ghe fa mal.

Teresina imbriacona
poca voeuja de lavorà
la s'è tolta ona vestaja
la gh'ha ancora da pagà.

Filar no la vol filar
cusir non lo sa far
il sol de la campagna
il sol de la campagna

Filar no la vol filar
cusir non lo sa far
il sol de la campagna
la dis che'l ghe fa mal.

Oh com'è bella l'uva fogarina
oh com'è bello saperla vendemmiar
a far l'amor con la mia ohi bella
a far l'amore in mezzo al prà.

Diridin din din, diridin din din
diridin din din, diridin din din
diridin dín din, diridin din din
diridin din din, diridin din din.

Note[modifica | modifica wikitesto]