Focaccia messinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Focaccia messinese o focaccia alla messinese
FOCACCIA TRADIZIONALE MESSINESE.jpg
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Sicilia
Zona di produzione Messina e provincia
Dettagli
Categoria piatto unico
Settore paste fresche e prodotti della panetteria, biscotteria, pasticceria e confetteria
 

La focaccia messinese (o focaccia alla messinese, così chiamata nei comuni della provincia) è una specialità tipica della gastronomia messinese. La sua preparazione è molto comune nella città ed anche nella provincia di Messina: essa si caratterizza per un impasto alto, soffice, che si cucina in forno a legna in grandi teglie. Tradizionalmente è ricoperta di scarola, pomodoro a pezzi, acciughe e formaggio (in genere tuma, anche se negli ultimi anni è usata anche la mozzarella)[1]. Condivide gran parte degli ingredienti con il pitone messinese[2], noto prodotto della rosticceria locale.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Sia la pasta, sia lo spessore, differiscono significativamente rispetto a quelli di una normale pizza. Le origini del prodotto, che verosimilmente all'inizio non prevedeva l'utilizzo del pomodoro, sono probabilmente più risalenti[a quando?], ma si ritiene che la ricetta abbia iniziato ad acquistare una sua fisionomia all'inizio del Novecento[3], per poi essere stabilizzata dai panificatori messinesi all'inizio del secondo dopoguerra[4], nella forma in cui la conosciamo oggi.

Il prodotto è comunemente presente in tutti i panifici e le rosticcerie di Messina ed anche in quelli della sua provincia, oltre a conoscere una discreta diffusione anche nel resto della Sicilia orientale, dove però la ricetta si discosta dal prodotto tipico messinese. Nella zona dei Nebrodi, in luogo della tuma o della mozzarella, è spesso utilizzata la provola locale, che costituisce un presidio slow food[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]