Florence Arthaud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Florence Arthaud
Florence Arthaud dédicace.JPG
Florence Arthaud nel 2009
Nazionalità Francia Francia
Vela Sailing pictogram.svg
Ritirata 2007
Palmarès

Record della traversata dell'Atlantico del nord a vela nel 1990 (in solitario)
Route du Rhum del 1990
Transpacific Yacht Race del 1997 con Bruno Peyron

Statistiche aggiornate al 10 marzo 2015

Florence Monique Arthaud, soprannominata «la fidanzata dell'Atlantico[1]», (Boulogne-Billancourt, 28 ottobre 1957Villa Castelli, 9 marzo 2015), è stata una velista, navigatore e scrittrice francese, divenuta famosa soprattutto per la vittoria riportata nella Route du Rhum del 1990[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Jacques Arthaud, direttore della casa editrice grenoblese Arthaud[3] durante gli anni settanta, che ha pubblicato in particolare gli scritti di Bernard Moitessier e di Éric Tabarly[4][5].

Cominciò molto giovane a navigare, col fratello Jean-Marie e suo padre, e si unì al club di vela di Antibes.

Nel 1974, a 17 anni, Florence Arthaud rimase vittima di un grave incidente d'auto, finendo in coma: ne uscì, e fu scongiurata anche la paralisi. Dovette tuttavia rimanere sei mesi in ospedale e le occorsero due anni per recuperare completamente[6][7], con l'aiuto di padre Michel Jaouen[8].

Durante la convalescenza, effettuò la sua prima traversata dell'Atlantico, a 18 anni[9][10].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993 mise al mondo la figlia Marie, nata dalla sua relazione con Loïc Lingois, un navigatore professionista nato nel 1966.

Nel 2005 si sposò con Éric Charpentier, ma l'unione naufragò rapidamente.
Iniziò un periodo molto duro per Florence, che divenne alcolista. Nella sua autobiografia[11], pubblicata nel 2009, Florence non nasconde nulla della dipendenza dall'alcool, che le avrebbe fatto perdere la patente. Nel 2010 l'abbandonarono gli sponsor.[12]. Superò la crisi entrando nell'associazione La roue tourne (La ruota gira).

Il 29 ottobre 2011, cadde dalla sua imbarcazione in piena notte al largo del Capo Corso. Disponendo fortunatamente di una lampada frontale e di un telefono cellulare asciutto, riuscì a chiamare la madre che a sua volta avvisò il fratello. Fu quindi allertata la protezione civile marittima francese, e tre ore e venti minuti dopo la sua chiamata d'emergenze Florence venne recuperata attraverso la geolocalizzazione del suo telefono portatile. Cosciente, ma in stato di ipotermia, fu elitrasportata all'ospedale di Bastia, dal quale uscì l'indomani[4][10]. Il racconto di questa notte è riportato nel suo ultimo libro: Cette nuit, la mer est noire[13].

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Incidente aereo di Villa Castelli.

Florence Arthaud morì il lunedì 9 marzo 2015 (a 57 anni) in un incidente di elicottero in Argentina durante le riprese dell'emissione televisiva Dropped[10] di TF1[14].
Nello stesso incidente rimasero uccise altre 9 persone: la nuotatrice Camille Muffat, il pugile Alexis Vastine, cinque membri dell'équipe televisiva di TF1 e i due piloti argentini[15].

La velista aveva appena terminato di scrivere il suo ultimo libro, dal titolo Cette nuit, la mer est noire[13], uscito poi per il Salone del libro di Parigi il 19 marzo 2015[16].

Secondo le sua ultime volontà, Florence Arthaud è stata sepolta sull'isola di Santa Margherita, davanti a Cannes[17].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Carriera sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Florence Arthaud partecipa alla Route du Rhum dalla sua prima edizione, che ha luogo nel 1978, e si classifica 11ª. Nel 1986, capta l'S.O.S. del collega Loïc Caradec e cambia rotta per soccorrerlo: ne ritroverà il catamarano Royal rovesciato, senza alcuna traccia del navigatore[4][18]. Il promotore immobiliare Christian Garrel finanzia la costruzione del suo trimarano Pierre Ier de Serbie[9][19]. Nell'agosto 1990, punta al record della traversata dell'Atlantico del nord a vela in solitario, detenuto da Bruno Peyron: in 9 giorni 21 ore e 42 minuti, lo migliora di quasi due giorni[6]. Nel novembre dello stesso anno, vince la Route du Rhum, raggiungendo Pointe-à-Pitre in 14 giorni 10 ore e 10 minuti[4][20]. Non riesce tuttavia a fare costruire un nuovo trimarano, a causa della crisi immobiliare della quale soffre il suo sponsor[9][10].

Nel 1997, la Arthaud vince la Transpacific Yacht Race in coppia con Bruno Peyron[9] e disputa la solitaire du Figaro[21]. Nel 2002, decide di puntare al record del mondo in solitario e tenta di raccogliere dei fondi per acquistare il trimarano Sport-Elec, sul quale ha corso Olivier de Kersauson, ma invano[22]. Nel 2004 partecipa alla corsa transatlantica Lorient-Saint-Barth in doppio con Lionel Péan e nel 2006, con Luc Poupon, alla Vakko Odyssée Cannes-Istanbul su un monoscafo del tipo Bénéteau Figaro II[23]. L'anno seguente, sempre con Poupon, disputa la Transat Jacques Vabre su un Class40[9].

Nel 2010, per il ventesimo anniversario della sua vittoria (alla Route du Rhum), non riuscì a trovare sponsor:

(FR)

« J'étais un peu dégoûtée. Ils avaient rouvert la course aux grands voiliers. C'était le 20e anniversaire de ma victoire et j'avais l'intention d'y participer sur un immense trimaran, Oman (30 m). Mais je n'ai pas réussi à avoir ce bateau, ils ont préféré le donner à un homme (Sidney Gavignet qui a abandonné sur avarie). Ça m'a définitivement dégoûtée et je me suis dit "bon, j'arrête ! »

(IT)

« Ero un po' disgustata. Avevano aperto la corsa ai grandi velieri. Era il 20º anniversario della mia vittoria e io avevo l'intenzione di parteciparvi con un grandissimo trimarano, Oman (30 m). Ma non sono riuscita ad avere quell'imbarcazione, hanno preferito darla ad un uomo (Sidney Gavignet, che si ritirò a causa di un'avaria). Questo mi ha definitivamente disgustata e mi sono detta: "bene, smetto!" »

(Florence Arthaud[24])

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1989 partecipa al disco Quelque part... c'est toujours ailleurs di Pierre Bachelet. Le tre canzoni in duetto (Flo, Typhon e Quelque part… c'est toujours ailleurs) descrivono la relazione di Florence Arthaud con il mare[4].

La sua autobiografia, Un vent de liberté[11], con la prefazione di Olivier de Kersauson[25], esce nel 2009[26].

Prima della sua morte, Florence Arthaud lavorava su un progetto di corsa velica riservata alla donne, la cui prima edizione doveva svolgersi nel mar Mediterraneo nell'estate 2015.

Palmares[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Eletta Campione dei campioni dal giornale L'Équipe nel 1990[4].
È la sola sportiva, insieme a Marielle Goitschel, a ottenere a due riprese (nel 1978 e nel 1990) il premio Monique Berlioux dell'Académie des sports[44], che ricompensa la migliore performance sportiva femminile dell'anno trascorso.
Il nuovo liceo nautico di Saint-Malo, inaugurato nel 2015, è stato intitolato a Florence Arthaud[45][46].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Fiancée de l'Atlantique, Rueil-Malmaison, Pen-Duick, 1982, ISBN 2-85513-058-1.
  • (FR) Océane, Parigi, Arthaud e Flammarion, 1991, ISBN 2-7003-0959-6.
  • (FR) Un vent de liberté, Parigi, Arthaud e Flammarion, 2009, ISBN 978-2-7003-0180-9.
  • (FR) Cette nuit, la mer est noire, in collaborazione con Jean-Louis Bachelet, Parigi, Arthaud e Flammarion, 2015, ISBN 978-2-081333-61-1.
  • (FR) Rencontres avec la mer, Parigi, Vents de sable, 2015, ISBN 978-2-913252-15-8.
  • (FR) Petit hérisson rêve de la mer, illustrazioni di Gwendal Blondelle, Forcalquier, Le Sablier, 2015, ISBN 978-2-843903-33-5.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Photos. Florence Arthaud, "la petite fiancée de l'Atlantique", su tempsreel.nouvelobs.com. URL consultato il 12 aprile 2016.
  2. ^ a b Gilles Festor, Sur les traces de Pierre 1er, l'ancien bateau de Florence Arthaud, su Le Figaro, 19 marzo 2015. URL consultato il 9 marzo 2016.
  3. ^ Ceduta nel 1977 al Groupe Flammarion, del quale fa tuttora parte: Les Editions Flammarion, su editionsflammarion.flammarion.com. URL consultato il 12 aprile 2016.
  4. ^ a b c d e f g Florence Arthaud, éternelle «Petite Fiancée de l'Atlantique», su lapresse.ca. URL consultato il 10 aprile 2016.
  5. ^ « Florence Arthaud », su whoswho.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  6. ^ a b Biographie de Florence Arthaud, su pratique.leparisien.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  7. ^ Florence Arthaud et son parcours de navigatrice, su ina.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  8. ^ Le père Jaouen était surnommé « Le Phare », se souvient Georges Pernoud, su respectmag.com. URL consultato il 12 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2016).
  9. ^ a b c d e L'éternelle fiancée, su lemonde.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  10. ^ a b c d Mort de la « petite fiancée de l’Atlantique », Florence Arthaud, su abonnes.lemonde.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  11. ^ a b Arthaud, Un vent de liberté
  12. ^ Quand Florence Arthaud écrivait : "Je pars embarquer, su tempsreel.nouvelobs.com. URL consultato il 12 aprile 2016.
  13. ^ a b Arthaud, Cette nuit, la mer est noire
  14. ^ Argentina. Scontro di elicotteri, La Gazzetta dello Sport, 10 marzo 2015. URL consultato il 10 marzo 2015.
  15. ^ Camille Muffat è morta. Con lei Alexis Vastine e Florence Arthaud, Olimpiazzurra, 10 marzo 2015. URL consultato il 10 marzo 2015.
  16. ^ Mort de Florence Arthaud: la parution de son livre "Ce soir la mer est noire", avancée, su lexpress.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  17. ^ Florence Arthaud : les îles de Lérins comme dernière demeure, su lepoint.fr. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  18. ^ Le catamaran de Caradec s'est retourné, su ina.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  19. ^ Florence Arthaud, une vie de défis et de convictions - Voile, su sport24.lefigaro.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  20. ^ Florence Arthaud au journal télévisé d'Antenne 2 du 19 novembre 1990, su ina.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  21. ^ Florence Arthaud revient, su liberation.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  22. ^ Voile : Le grand retour de Florence Arthaud, su leparisien.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  23. ^ Le Télégramme - Sports - ODYSSÉE « CANNES - ISTANBUL » EN FIGARO _ DÉPART DEMAIN 23 duos et un superbe parcours, su letelegramme.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  24. ^ Florence Arthaud éternelle fiancée de l'Atlantique, su lequipe.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  25. ^ Crash mortel en Argentine - Olivier de Kersauson : "C'est un choc", su lepoint.fr. URL consultato il 10 marzo 2015.
  26. ^ Florence Arthaud : la vie cabossée d’une fée qui n’avait pas peur des bosses, su voilesetvoiliers.com. URL consultato il 12 aprile 2016.
  27. ^ 1978 : La Transat de la Liberté !, Route du Rhum. URL consultato il 18 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2011).
  28. ^ 1982 : Cinquante-deux bateaux au départ !, Route du Rhum. URL consultato il 18 maggio 2011 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2010).
  29. ^ 1986 : Une année coups de chien !, Route du Rhum. URL consultato il 18 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2010).
  30. ^ Historical list of Offshore World Records, su sailspeedrecords.com. URL consultato il 10 aprile 2016.
  31. ^ Transatlantic. New York to the Lizard. 2880nm, su sailspeedrecords.com. URL consultato il 10 aprile 2016.
  32. ^ Florence Arthaud [collegamento interrotto], su franceinter.fr. URL consultato il 21 luglio 2015.
  33. ^ 1990 : L’année d’un femme !, Route du Rhum. URL consultato il 18 maggio 2011.
  34. ^ 1996 : 3ème Transat AG2R La Mondiale, Transat AG2R. URL consultato il 18 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2013).
  35. ^ L'éternelle fiancée, su lemonde.fr. URL consultato il 10 aprile 2016.
  36. ^ a b Tableau historique, su lasolitairebompard.com. URL consultato il 10 aprile 2016.
  37. ^ 1998 : 4ème Transat AG2R La Mondiale, Transat AG2R. URL consultato il 18 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2013).
  38. ^ 2000 : 5ème Transat AG2R La Mondiale, Transat AG2R. URL consultato il 18 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2013).
  39. ^ 2004 : 7ème Transat AG2R La Mondiale, Transat AG2R. URL consultato il 18 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2013).
  40. ^ Le Télégramme - Sports - ODYSSSÉE CANNES - ISTANBUL (FIGARO) _ VICTOIRE FINALE DE TABARLY - ATTANASIO Peu de voile, trop de moteur, su letelegramme.fr. URL consultato il 12 aprile 2016.
  41. ^ Géovoile • Odyssée Vakko Cannes Istanbul 2006, su capistanbul.geovoile.com. URL consultato il 12 aprile 2016.
  42. ^ Les brèves de la course, Matondo Congo - Route de l'équateur. URL consultato il 18 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2007).
  43. ^ Edition 2007 - Une Jacques-Vabre d'anthologie[collegamento interrotto], Transat Jacques-Vabre. URL consultato il 18 maggio 2011.
  44. ^ Prix féminin de l'Académie des Sports, su academie-sports.com. URL consultato il 10 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2015).
  45. ^ Région_Bretagne - Le lycée maritime Florence-Arthaud a ouvert ses portes à la rentrée 2015, su bretagne.bzh. URL consultato il 10 aprile 2016.
  46. ^ Lycée Public Maritime Florence Arthaud de Saint-Malo, su lycee-maritime-saint-malo.fr. URL consultato il 10 aprile 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN9842277 · ISNI: (EN0000 0001 1037 6405 · LCCN: (ENn82111535 · BNF: (FRcb11889246c (data)