Flavia Vento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Flavia Vento (Roma, 17 maggio 1977) è una showgirl, attrice ed ex modella italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce da madre olandese e padre italiano. Conseguita la maturità linguistica, intraprende l'attività di modella a Milano e Parigi. La sua carriera inizia nel mondo degli spot, con la partecipazione nel 1995 a quello della Neutro Roberts e nel 1998 a quello della Ferrero Rocher.

Carriera televisiva[modifica | modifica wikitesto]

La notorietà mediatica le deriva dalla partecipazione alla trasmissione Il lotto alle otto nel 1999, nella quale interpreta la Fortuna e successivamente grazie a una pubblicità del caffè Lavazza (appartenente alla serie di spot ambientati in Paradiso), dove compare insieme a Riccardo Garrone e Tullio Solenghi. Nel maggio dello stesso anno l'edizione italiana di Playboy le dedicherà un servizio e la copertina del numero di maggio.[1]

Successivamente il programma televisivo Libero la rende nota al pubblico televisivo come "valletta sotto il tavolo": in pratica, per quasi tutto il programma rimane chiusa dentro una gabbia trasparente sotto al tavolino dove Teo Mammucari, il conduttore, appoggia i telefoni che servono per gli scherzi telefonici su cui si basa il programma, uscendo solo per raccontare freddure o cantare in modo stonato. Per alcuni critici questa partecipazione fornisce l'ennesimo esempio di ragazza priva di particolari doti artistiche e dal limitato bagaglio culturale, divenuta famosa solo per la sua avvenenza fisica; altri invece fanno notare come proprio il suo ruolo di "donna in vetrina", estremizzato al massimo, sia in realtà una critica e/o una presa in giro da parte degli autori del programma nei confronti delle numerose "vallette" presenti in moltissimi programmi.[2]

Nell'estate del 2000 conduce la prima edizione di Stracult, programma settimanale sul cinema italiano ideato da Marco Giusti, in onda in seconda serata su Rai 2; come sigla del programma viene usata anche la canzone "Tequila (Mambo del Giubileo)" di Piotta, nel cui video Flavia Vento è protagonista femminile. Nello stesso anno viene scelta come protagonista per il calendario del mensile Boss, ed è anche la protagonista, insieme a Stefania Rocca e Alessia Merz, degli spot per la campagna di privatizzazione dell'Enel. Nell'estate del 2001 recita nella rappresentazione de Gli uccelli di Aristofane, insieme a Franco Oppini e Ninì Salerno, per la regia di Renato Giordano[3]. Sempre in questo anno incide il cd singolo Moreno contenente 4 versioni differenti. Nel 2002 è nel cast della fiction di Rai 2 Cinecittà accanto a Barbara De Rossi e Carlo Croccolo. Nel 2003 partecipa al film Andata e ritorno di Alessandro Paci. Nel 2004 prende parte come concorrente alla prima edizione del reality show La fattoria, condotto da Daria Bignardi su Italia 1, dove si ritira a pochi giorni dall'inizio per incomprensioni con i compagni.

Breve carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Si è avvicinata al mondo della politica dichiarando inizialmente la propria simpatia per la Margherita,[4] ma alle elezioni regionali del 2005 è stata candidata nel Lazio con il nuovo PLI, che ha presentato una lista unitaria al PRI[5] a sostegno della candidatura a presidente di Francesco Storace,[6] ottenendo 34 preferenze.

In molti messaggi del suo blog e del suo sito ufficiale si professa amante degli animali, soprattutto cani, e ha cercato con più iniziative di sensibilizzare i lettori sul problema dei canili troppo affollati e senza fondi.

Il ritorno in televisione[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 e 17 maggio 2005 Flavia Vento ha condotto Striscia la notizia su Canale 5 assieme a Pino Insegno e Pino Campagna[7]. Il 19 giugno 2006 ha partecipato come opinionista alla puntata pilota di Grimilde, in onda su Italia 1, in cui ha suggerito via auricolare alla conduttrice Alba Parietti le domande da porre alle ospiti intervistate[8]. Nello stesso anno è assieme ad altri personaggi televisivi minori che avevano ricevuto particolare visibilità in quel periodo (Raffaella Lecciso, Antonio Zequila, Giucas Casella, Karim Capuano) nel cast del film Parentesi tonde, per la regia di Michele Lunella, generalmente ritenuto appartenente al genere trash. È stata in seguito coinvolta nello scandalo di Vallettopoli per un presunto ricatto al bomber ed ex capitano della Roma Francesco Totti, accusa che la soubrette respinge e smentisce.[9] Nel 2008 la Vento ha partecipato come concorrente alla sesta edizione del reality show di Rai 2 L'isola dei famosi, condotto da Simona Ventura con Filippo Magnini. Si ritira il 29 settembre 2008 per motivi personali, dopo aver ricevuto per due volte la nomination.

Nel 2012 è tornata a rivestire i panni di naufraga ne L'isola dei famosi, nella nona edizione del programma condotta da Nicola Savino con Vladimir Luxuria. Deciderà ancora una volta di ritirarsi il 4 febbraio, dopo dieci giorni, per problemi di salute, legati alle numerose punture di zanzara e alle frequenti incomprensioni con i compagni. Terminato il programma ha pubblicato il suo primo libro di poesie, intitolato Parole al Vento[10]. Nell'autunno dello stesso anno ha manifestato la propria vicinanza al Movimento 5 Stelle in alcuni tweet ripresi anche dalla stampa[11][12]. Il 10 febbraio 2013 ha partecipato per beneficenza come concorrente a una puntata domenicale del quiz Avanti un altro!.

Negli anni successivi ha preso parte in qualità di ospite e opinionista ad alcune puntate di diversi programmi, fra cui Quelli che il calcio, Cristina Parodi Live, Domenica Live e Quello che le donne (non) dicono. Il 7 gennaio 2016 torna in televisione per beneficenza come concorrente del quiz di Canale 5 Caduta libera.

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Copertine dell'edizione italiana 1999 di Playboy, dal sito pbcovers.com
  2. ^ Si veda a proposito l'intervista a Flavia Vento da parte di Claudio Sabelli Fioretti, pubblicata sul settimanale Anna del 21 marzo 2000 e riportata sul sito del giornalista
  3. ^ "Dopo la tv, Aristofane" Flavia Vento negli "Uccelli" che debutta a Ostia, Corriere della Sera. URL consultato l'8 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  4. ^ Flavia Vento parla pro Margherita, TGCOM, 28/09/2004
  5. ^ La Vento si schiera con Storace, articolo del Corriere della Sera, del 5 marzo 2005
  6. ^ Lazio, la Vento con i Liberali, articolo di TGcom, del 4 marzo 2005
  7. ^ TV: "Striscia", da oggi conducono Insegno, Campagna e Flavia Vento, Adnkronos. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  8. ^ "Grimilde" e la mela avvelenata per Alba, Europa. URL consultato l'8 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2015).
  9. ^ Inchiesta vip: Flavia Vento, ho la coscienza a posto, articolo di la Repubblica, del 10 aprile 2007
  10. ^ Parole al Vento di Flavia
  11. ^ Movimento 5 Stelle: Flavia Vento tifa Grillo, articolo di www.newnotizie.it, del 5 novembre 2012
  12. ^ Da Flavia Vento fino ai manettari saltano tutti sul carro di Grillo, articolo di Libero (quotidiano), del 5 novembre 2012

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]