FitzRoy Somerset, I barone Raglan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da FitzRoy Somerset Raglan)
FitzRoy Somerset, I barone Raglan
FitzRoy Somerset, I barone Raglan.[1]
FitzRoy Somerset, I barone Raglan.[1]
30 settembre 1788 - 29 giugno 1855
Nato a Badminton
Morto a Sebastopoli
Cause della morte malattia
Dati militari
Paese servito Regno Unito Regno Unito
Forza armata BritishArmyFlag2.svg British Army
Specialità fanteria
Anni di servizio 1804 – 1855
Grado feldmaresciallo
Guerre Guerre napoleoniche
Guerra peninsulare
Guerra di Crimea
Battaglie Battaglia di Waterloo
Assedio di Sebastopoli (1854-1855)
Battaglia di Balaclava
Battaglia di Alma
Battaglia di Inkerman
Comandante di Armata britannica in Crimea
Master-General of the Ordnance

Fonti citate nel corpo del testo

voci di militari presenti su Wikipedia

Lord FitzRoy James Henry Somerset (conosciuto prima del 1852 come Lord FitzRoy Somerset e poi come Lord Raglan) (Badminton, 30 settembre 1788Sebastopoli, 28 giugno 1855) è stato un generale britannico.

Ancora giovane ufficiale, partecipò, nel contesto delle guerre napoleoniche alla guerra d'indipendenza spagnola e in quella dei Cento Giorni come segretario militare del duca di Wellington.

Partecipò alla politica inglese schierandosi con il Partito Tory e venendo eletto membro del parlamento per la circoscrizione di Truro prima di divenire Master-General of the Ordnance.

Fu comandante delle truppe britanniche durante la guerra di Crimea. Dopo i primi successi nella battaglia di Alma, un suo ordine poco chiaro causò la sanguinosa carica della cavalleria leggera nella battaglia di Balaclava. Malgrado il successo della Battaglia di Inkerman, l'assedio di Sebastopoli (1854-1855) si dimostrò più duro e lungo del previsto. Raglan, che soffriva da tempo di depressione, morì durante la guerra di colera come molti soldati della coalizione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nato ottavo e ultimo dei figli di Henry Somerset, V duca di Beaufort e di sua moglie Elizabeth Somerset (figlia dell'ammiraglio Edward Boscawen),[2] Somerset venne educato alla Westminster School ed ottenne il rango militare di cornet nel 4º Reggimento Ussari della Regina il 16 giugno 1804.[3]

La carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

FitzRoy James Henry Somerset, ritratto di William Haines

Promosso tenente il 1º giugno 1805,[4] Somerset accompagnò il diplomatico Sir Arthur Paget (1771-1840) nella sua visita al sultano Selim III dell'Impero Ottomano che nel 1807 si era allineato troppo a fianco della Francia napoleonica.[5] Divenne quindi capitano del 43° (Monmouthshire) Reggimento di fanteria il 5 maggio 1808 poco dopo la sua nomina ad aiutante di campo del duca di Wellington nel luglio del 1808.[2] Nell'ambito delle guerre napoleoniche Somerset seguì l'armata di Wellington quando venne inviata in Portogallo il mese successivo.[2] Somerset combatté quindi nella seconda battaglia di Porto nel maggio del 1809, nella battaglia di Talavera (1809) nel luglio del 1809 e nella battaglia di Bussaco (dove venne ferito) nel settembre del 1810.[2] Venne nominato segretario militare di Wellington nel novembre del 1810 e combatté con lui nella battaglia di Pombal del marzo del 1811, poi nella battaglia di Sabugal nell'aprile del 1811 e infine nella battaglia di Fuentes de Oñoro nel maggio del 1811.[2] Promosso maggiore il 9 giugno 1811, prese parte anche alla battaglia di El Bodón nel settembre di quello stesso anno.[2] Si distinse particolarmente nell'assedio di Badajoz del marzo del 1812 divenendo il primo a oltrepassare le mura nemiche e ad assicurarsi la resa del governatore francese, motivo per cui fu promosso tenente colonnello il 27 aprile 1812.[5]

Somerset combatté ancora con Wellington nella battaglia di Salamanca del luglio del 1812, nell'assedio di Burgos del settembre del 1812 e alla battaglia di Vitoria del giugno del 1813 così come nell'assedio di San Sebastián nel luglio del 1813, nella battaglia dei Pirenei nel luglio del 1813 ed in quella di Nivelle del novembre del 1813.[2] Combatterono insieme ancora nella battaglia della Nive nel dicembre del 1813, nella Battaglia di Orthez del febbraio 1814 e nella battaglia di Tolosa dell'aprile 1814.[2] Dopo la nomina di Wellington ad ambasciatore durante la breve restaurazione borbonica in Spagna, Somerset assunse il ruolo di segretario d'ambasciata il 5 luglio 1814.[6] Venne poi trasferito al Reggimento Grenadier Guards il 25 luglio 1814 e insignito dell'Ordine del Bagno il 2 gennaio 1815.[7]

Somerset fu sul campo di battaglia anche durante i Cento Giorni di Napoleone: prestò servizio nello staff di Wellington nella Battaglia di Quatre Bras del 16 giugno 1815 ed alla Battaglia di Waterloo due giorni dopo (dove gli venne amputato il braccio destro a causa delle ferite riportate.[8] Curioso è il fatto che pur ferito si impegnò per riprendere il braccio mozzato dal quale tolse l'anello che la moglie gli aveva regalato).[9] Promosso colonnello e nominato aiutante di campo del principe reggente il 28 agosto 1815,[10] venne nominato cavaliere dell'Ordine Militare di Massimiliano Giuseppe di Baviera il 3 ottobre 1815.[11] Rimase in Francia con l'esercito d'occupazione sino al maggio del 1816 e quindi tornò al suo posto di segretario dell'ambasceria inglese a Parigi.[12]

Somerset venne quindi eletto nel partito Tory membro del parlamento inglese per la circoscrizione di Truro nel 1818[13] e divenne il segretario di Wellington che era stato nominato Master-General of the Ordnance nel 1819.[9] Somerset perse il suo seggio alle elezioni del 1820, ma fu promosso maggiore generale il 27 maggio 1825,[14] e riottenne il seggio nel 1826.[15] Dopo la nomina a Comandante in Capo delle forze inglesi di Wellington nel gennaio del 1827, Somerset divenne suo segretario militare in agosto.[16] Venne promosso tenente generale il 28 giugno 1838.[17] Ottenne l'onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno il 24 settembre 1852 e fu nominato Master-General of the Ordnance il 30 settembre 1852.[18] Ottenne il titolo di Barone Raglan di Raglan, della contea di Monmouthshire, l'11 ottobre 1852.[19]

Guerra di Crimea[modifica | modifica wikitesto]

Lord Raglan durante la Guerra di Crimea, ritratto di Roger Fenton, 1855

Raglan divenne comandante delle truppe britanniche inviate in Crimea ed ottenne temporaneamente il grado di generale il 21 febbraio 1854[20] venendo promosso a pieno il 20 giugno di quello stesso anno.[21] Mentre l'obbiettivo primario di Raglan era quello di difendere Costantinopoli gli venne ordinato dal duca di Newcastle, che era a quel tempo Segretario di Stato per la Guerra e le Colonie, di assediare il porto russo di Sebastopoli "malgrado non potesse essere preso con una ragionevole prospettiva di successo".[22] Una forza anglo-francese al comando congiunto di Somerset e del generale Armand Jacques Leroy de Saint-Arnaud sconfissero l'armata del generale Alexander Sergeyevich Menshikov nella Battaglia di Alma nel settembre del 1854.[9]

Nella battaglia di Balaclava dell'ottobre del 1854, Raglan diede l'ordine al conte di Lucan, suo comandante di cavalleria, che a sua volta lo impartì al suo comandante sottoposto, il conte di Cardigan e cognato di Lucan che lo detestava, di dare il via ad una carica di cavalleria che portò alla perdita di 278 uomini.[23] Malgrado il risultato poco decisivo di Balaclava inglesi e francesi ottennero una vittoria nella battaglia di Inkerman nel novembre del 1854 e Raglan venne promosso feldmaresciallo il 5 novembre 1854.[24] Ottenne inoltre la I classe dell'Ordine di Medjidie dagli ottomani il 15 maggio 1855.[25]

Raglan venne però deriso dalla stampa e dal governo per la scarsa capacità tecnica e tattica dimostrate durante la guerra di Crimea e ancora di più durante l'Assedio di Sebastopoli (1854-1855) dove, in pieno inverno, i suoi uomini si trovarono senza rifornimenti di cibo e vestiario adeguati.[26] Malgrado tutto, parte di questa colpa la si può oggi addurre anche alle autorità in patria che non fornirono un adeguato supporto logistico al generale.[5] Ciò che si diceva di lui iniziarono a minare la salute di Raglan che, in una tremenda depressione. morì per colera il 29 giugno 1855.[5] La sua salma, riportata in patria, venne sepolta nella chiesa di St Michael and All Angels di Badminton.[9]

Emily Harriet Wellesley-Pole, lady FitzRoy Somerset (dipinto di Thomas Lawrence)
"Blue plaque" a Stanhope Gate, Londra

Raglan aveva inoltre prestato servizio come colonnello onorario del 53º Reggimento di fanteria dello Shropshire.[27] e poi era divenuto colonnello onorario del Royal Regiment of Horse Guards (The Blues).[28] Il palazzo di Cefntilla Court a Llandenny (Monmouthshire) venne costruito come memoriale per Somerset nel 1858: l'iscrizione cita:[29]

« "Questa tenuta di 238 acri di terra venne acquistata da 1623 tra amici, ammiratori e camerati d'arme del feldmaresciallo lord Raglan e donata poi ai suoi figli ed eredi come ultimo gesto d'amore e rispetto nei suoi confronti." »

Al di fuori della casa dei Raglan a Stanhope Gate a Londra nel 1911 venne apposta una blue plaque.[30]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il suo nome è passato alla storia nel campo della moda per la Manica Raglan, che si attacca direttamente al collo del capo di vestiario, con una cucitura diagonale che va direttamente dall'ascella alla clavicola. Lord Raglan si fece confezionare dei cappotti con questo taglio di manica per nascondere meglio la mutilazione del braccio destro, di cui aveva subito l'amputazione per una ferita alla battaglia di Waterloo. Il termine manica Raglan fu inserito per la prima volta nel New English Dictionary nel 1903[31].

Raglan venne impersonato da Sir John Gielgud nel film "I seicento di Balaklava (The Charge of the Light Brigade) (1968) dedicato proprio all'episodio che lo vide protagonista nel corso della Guerra di Crimea.[32]

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 agosto 1814 Somerset sposò lady Emily Harriet Wellesley-Pole (figlia di William Wellesley-Pole, III conte di Mornington e nipote quindi del duca di Wellington). La coppia ebbe due figli:[33]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze britanniche[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno
— 1815
Army Gold Medal - nastrino per uniforme ordinaria Army Gold Medal
Waterloo Medal - nastrino per uniforme ordinaria Waterloo Medal

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di I classe dell'Ordine di Medjidiyye (Impero ottomano) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine di Medjidiyye (Impero ottomano)
Commendatore dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo)
Cavaliere di IV classe dell'Ordine di San Giorgio (Impero russo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV classe dell'Ordine di San Giorgio (Impero russo)
Cavaliere dell'Ordine Militare di Massimiliano Giuseppe (Baviera) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Militare di Massimiliano Giuseppe (Baviera)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ritratto di William Salter (1838–1840).
  2. ^ a b c d e f g h Heathcote, p. 267
  3. ^ The London Gazette (PDF), nº 15710, 12 June 1804, p. 726. URL consultato il 9 February 2014.
  4. ^ The London Gazette (PDF), nº 15811, 28 May 1805, p. 718. URL consultato il 9 February 2014.
  5. ^ a b c d FitzRoy Somerset, 1st Baron Raglan, Oxford Dictionary of National Biography. URL consultato il 9 febbraio 2014.
  6. ^ The London Gazette (PDF), nº 16914, 5 July 1814, p. 1371. URL consultato il 9 February 2014.
  7. ^ The London Gazette (PDF), nº 16972, 4 January 1815, p. 20. URL consultato il 9 February 2014.
  8. ^ The London Gazette (PDF), nº 17028, 22 June 1815, p. 1216. URL consultato il 9 February 2014.
  9. ^ a b c d Heathcote, p. 268
  10. ^ The London Gazette (PDF), nº 17057, 2 September 1815, p. 1787. URL consultato il 9 February 2014.
  11. ^ The London Gazette (PDF), nº 17067, 3 October 1815, p. 2025. URL consultato il 9 February 2014.
  12. ^ The London Gazette (PDF), nº 17137, 18 May 1816, p. 931. URL consultato il 9 February 2014.
  13. ^ The London Gazette (PDF), nº 17384, 1 August 1818, p. 1377. URL consultato il 9 February 2014.
  14. ^ The London Gazette (PDF), nº 18141, 28 May 1825, p. 926. URL consultato il 9 February 2014.
  15. ^ The London Gazette (PDF), nº 18269, 18 July 1826, p. 1787. URL consultato il 9 February 2014.
  16. ^ The London Gazette (PDF), nº 18391, 28 August 1827, p. 1827. URL consultato il 9 February 2014.
  17. ^ The London Gazette (PDF), nº 19631, 3 July 1838, p. 1489. URL consultato il 9 February 2014.
  18. ^ The London Gazette (PDF), nº 21363, 1 October 1852, p. 2591. URL consultato il 9 February 2014.
  19. ^ The London Gazette (PDF), nº 21366, 12 October 1852, p. 2663. URL consultato il 9 February 2014.
  20. ^ The London Gazette (PDF), nº 21524, 21 February 1854, p. 515. URL consultato il 9 February 2014.
  21. ^ The London Gazette (PDF), nº 21564, 22 June 1854, p. 1931. URL consultato il 9 February 2014.
  22. ^ Hibbert, p. 56
  23. ^ Calthorpe, p. 132
  24. ^ The London Gazette (PDF), nº 21630, 21 November 1854, p. 3593. URL consultato il 9 February 2014.
  25. ^ The London Gazette (PDF), nº 21714, 18 May 1855, p. 1915. URL consultato il 9 February 2014.
  26. ^ Martin, p. 181
  27. ^ The London Gazette (PDF), nº 18747, 19 November 1830, p. 2420. URL consultato il 9 February 2014.
  28. ^ The London Gazette (PDF), nº 21551, 9 May 1854, p. 1442. URL consultato il 9 February 2014.
  29. ^ How a family feud threatened the legacy of a Crimean War leader, Financial Times, 27 dicembre 2013. URL consultato il 9 febbraio 2014.
  30. ^ Lord Fitzroy Somerset Raglan, 1st Baron lived here, openplaques.org. URL consultato il 9 febbraio 2014.
  31. ^ Oxford English Dictionary terza edizione, (2008) versione online settembre 2011, consultata il 7 novembre 2011.
  32. ^ The Charge of the Light Brigade (1968), su http://www.imdb.com/, IMDB. URL consultato l'8 agosto 2014.
  33. ^ FitzRoy Somerset, 1st Baron Raglan, The Peerage.com. URL consultato il 9 febbraio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Deputato del Parlamento del Regno Unito per Truro Successore Flag of the United Kingdom.svg
George Warrender, IV baronetto
George Dashwood
1818 - 1820
William Edward Tomline
Sir Hussey Vivian
William Gossett
I
Sir Hussey Vivian
William Gossett
1826 - 1829
William Edward Tomline
John Scott, visconte Encombe
Nathaniel Peach
II
Predecessore Segretario Militare Successore BritishArmyFlag2.svg
Sir Herbert Taylor 18271852 Richard Airey
Predecessore Colonnello del Royal Regiment of Horse Guards (The Blues) Successore BritishArmyFlag2.svg
Henry Paget, I marchese di Anglesey 18541855 Hugh Gough, I visconte Gough
Predecessore Master-General of the Ordnance Successore Flag of the United Kingdom.svg
Henry Hardinge, I visconte Hardinge 1852-1855 Incarico abolito
Predecessore Barone Raglan Successore Flag of the United Kingdom.svg
Titolo inesistente 18521855 Richard Somerset, II barone Raglan
Controllo di autorità VIAF: (EN59890228 · LCCN: (ENn93016289 · GND: (DE119248034 · CERL: cnp00551079