Fissità funzionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'esperimento della candela di Dunker

La fissità funzionale è un atteggiamento mentale per il quale un individuo, nell'ambito della soluzione di un problema, incontra difficoltà ad attribuire o a riconoscere tipi di relazione tra oggetti diversi da quelli consueti ai quali è abituato.

Il termine fu coniato intorno al 1935 dallo psicologo Gestalt tedesco Karl Duncker, che studiò il fenomeno nel suo libro Zur Psychologie des produktiven Denkens, pubblicato nel 1935. [1] [2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Gli esseri viventi sono programmati per risparmiare energia, la mente umana raccoglie continuamente elementi attraverso i sensi e li organizza in base a schemi incamerati precedentemente. Decide in pratica cos'è quella cosa sulla base di pochi elementi che la caratterizzano. Talvolta questo schema, utile a risparmiare energia, può invece provocare, al contrario, inefficacia ed inefficienza per esempio nella risoluzione dei problemi. Tale tratto cognitivo, infatti, non permette di ideare soluzioni nuove per risolvere un problema.

L'esperimento di Duncker[modifica | modifica wikitesto]

Karl Duncker, in un test psicoattitudinale, diede ai partecipanti una scatola di puntine da disegno, una candela e una scatola di fiammiferi, e chiese loro di fissare la candela alla parete in modo che non gocciolasse sul tavolo sottostante. Duncker osservò che i partecipanti cercarono di attaccare la candela al muro direttamente con le puntine o di incollarla al muro per fusione di un po' di cera. Pochissimi di loro pensarono di utilizzare l'interno della scatola come supporto da fissare al muro per riporci dentro la candela. Questo avvenne perché i partecipanti erano "fissati" sulla normale funzione della scatola di contenere puntine da disegno e non riuscivano a ripensare la stessa in modo diverso.

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nelle attività di problem solving il fenomeno della fissità funzionale è determinante. Il problem solving, infatti, impone di guardare le cose con occhi diversi; e in questo senso esso non può che costituire un vero e proprio atto di igiene mentale.

La soluzione dei problemi richiede una corretta percezione degli elementi che li compongono e se tale condizione non si realizza, allora difficilmente la soluzione del problema risulterà possibile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comprendere la fissità funzionale e come influenza il comportamento - 2021, su ita.lifehackk.com. URL consultato il 01/11/2021.
  2. ^ Karl Duncker, Zur Psychologie des produktiven Denkens, Springer, 1935, OCLC 6677283.
  Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di psicologia