Fiorenzo Toso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fiorenzo Toso

Fiorenzo Toso (Arenzano, 20 febbraio 1962) è un linguista, accademico di linguistica e dialettologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi laureato in Lingue a Genova ha conseguito l'abilitazione all'insegnamento universitario in Italienische Philologie presso la Universität des Saarlandes e il dottorato in filologia romanza e linguistica generale presso l'Università degli Studi di Perugia. Dal 2007 insegna presso l'Università degli Studi di Sassari [1], prima come professore associato, poi come ordinario[2].

Specialista dell'area linguistica ligure, collabora per questo settore all'impresa del Lessico etimologico italiano diretto a Saarbrücken da Max Pfister e Wolfgang Schweickard, e su temi legati al genovese e ai dialetti liguri ha all'attivo numerose pubblicazioni, sia di dialettologia che di storia linguistica, letteratura ed edizioni di testi, su riviste scientifiche italiane e straniere. È autore di diverse monografie.

I suoi interessi riguardano inoltre i fenomeni di contatto linguistico con speciale riferimento alle isole linguistiche del bacino del Mediterraneo, al dialetto ligure coloniale e in particolare al dialetto tabarchino. Si occupa tra l'altro di ricerche etimologiche sul lessico italiano e di temi e problemi legati alle minoranze linguistiche in Italia e in Europa[3].

Per le sue ricerche sul dialetto tabarchino è stato insignito della cittadinanza onoraria del comune di Calasetta[4]

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Vocabolario delle parlate liguri (curato con Giulia Petracco Sicardi e Patrizia Cavallaro), Consulta Ligure, Genova, 1985-1992 (4 voll.)
  • Gli ispanismi nei dialetti liguri, Edizioni dell'Orso, Alessandria, 1993
  • Storia linguistica della Liguria. Dalle origini al 1528, Le Mani, Recco, 1995
  • La letteratura in genovese. Ottocento anni di storia, arte, cultura e lingua in Liguria, Le Mani, Recco, 1999-2001 (3 voll.)
  • Il tabarchino. Strutture, evoluzione storica, aspetti sociolinguistici, in Il bilinguismo tra conservazione e minaccia. Esempi e presupposti per interventi di politica linguistica e di educazione bilingue a cura di A. Carli, FrancoAngeli, Milano, 2004 (pp. 21–232).
  • Dizionario Etimologico Storico Tabarchino. Volume I, a-cüzò, Le Mani, Recco, 2004 e Centro Internazionale sul Plurilinguismo, Udine, 2004
  • Le eteroglossie interne. Aspetti e problemi (curato insieme a Vincenzo Orioles), Numero tematico di “Studi Italiani di Linguistica Teorica e Applicata”, n.s. 34, 2005
  • Lingue d'Europa. La pluralità linguistica dei Paesi europei fra passato e presente, Baldini Castoldi Dalai Editore, Milano, 2006
  • Liguria linguistica. Dialettologia, storia della lingua e letteratura nel Ponente. Saggi 1987-2005, Philobiblon, Ventimiglia, 2006
  • Le minoranze linguistiche in Italia, Bologna, Il Mulino, 2008
  • Linguistica di aree laterali ed estreme. Contatto, interferenza, colonie linguistiche e “isole” culturali nel Mediterraneo occidentale, Le Mani, Recco, e Centro Internazionale sul Plurilinguismo, Udine, 2008
  • Circolazioni linguistiche e culturali nello spazio mediterraneo. Miscellanea di studi (curato insieme a Vincenzo Orioles), Le Mani, Recco, e Centro Internazionale sul Plurilinguismo, Udine, 2008
  • La letteratura ligure in genovese e nei dialetti locali. Profilo storico e antologia, Le Mani, Recco, 2009
  • La Sardegna che non parla sardo, CUEC, Cagliari, 2012
  • Le parlate liguri della Provenza. Il dialetto figun tra storia e memoria, Philobiblon, Ventimiglia, 2014
  • Parole e viaggio. Itinerari nel lessico italiano tra etimologia e storia, CUEC, Cagliari, 2015
  • Piccolo dizionario etimologico ligure, Zona, Lavagna, 2015[5]

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Ha realizzato i testi per i documentari Un'atra Zenoa ghe fan. un viaggio nelle comunità liguri d'oltremare (2004) e Xeneizes. La presenza linguistica ligure in America Latina (2005). Ha curato nel 2004 la mostra fotografica Un'atra Zenoa ghe fan, dedicata alle comunità linguistiche liguri del Mediterraneo. È curatore insieme a Giustina Olgiati della mostra bibliografica e documentaria Il genovese. Storia di una lingua, realizzata a partire dal settembre 2017 presso l'Archivio di Stato di Genova. Con Giorgio Marrapodi è responsabile scientifico del festival annuale Kalenda Maia a Finale Ligure dedicato alle lingue romanze nei loro rapporti col genovese e le parlate liguri.

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

È autore d un volume di liriche in genovese, E restan forme, Zona, Lavagna, 2015, dal quale ha preso il nome la collana di poesia in genovese da lui diretta presso le Edizioni Zona.

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Come traduttore in italiano dal francese e dallo spagnolo ha pubblicato tra l'altro:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.uniss.it/ugov/person/1803
  2. ^ [1] Intervista a Fiorenzo Toso
  3. ^ [2] Intervista a Fiorenzo Toso
  4. ^ Bio-bibliografia sul sito dell'Académie des Langues Dialectales - Principauté de Monaco (in francese).
  5. ^ A partire dal 1993 le opere si trovano periodicamente recensite nei diversi volumi della Bibliographie linguistique, pubblicazione annuale, Dortrecht, Kluwer Academic Publisher.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61593574 · ISNI (EN0000 0001 2135 6979 · LCCN (ENn91040949 · GND (DE131902776 · BNF (FRcb12201566b (data)