Fine Time (New Order)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fine Time
Fine Time.PNG
Screenshot tratto del video del brano
ArtistaNew Order
Tipo albumSingolo
Pubblicazione28 novembre 1988
Durata4:42 (versione album)
3:10 (versione radiofonica)
Album di provenienzaTechnique
GenereMadchester[1]
Alternative dance[2]
EtichettaFactory
ProduttoreNew Order
Registrazione1988 ai Mediterranean Studios, Ibiza, e ai Real World Studios, Box
FormatiVInile
New Order - cronologia
Singolo precedente
(1988)
Singolo successivo
(1989)

Fine Time è un singolo del gruppo rock-synthpop britannico New Order pubblicato dalla Factory Records nel 1988 per promuovere l'album Technique, rilasciato l'anno successivo. È stato un piccolo inno del circuito house inglese dagli ultimi anni Ottanta fino ai primi Novanta, una traccia importante della scena di Madchester e della sua musica, nonché uno dei principali ispiratori degli artisti techno che sono venuti più avanti. Il B-side scelto fu Fine Line, che è semplicemente la sua versione strumentale.

Per quanto riguarda il titolo, Stephen Morris raccontò: «La mia auto era stata rimorchiata via e ho dovuto ricordare a me stesso di andare a pagare la multa. Avevo appena scritto "Fine Time" su questo pezzo di carta per farlo e ho subito pensato che sarebbe stato un buon titolo.»"[3]

Lista delle tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Gillian Gilbert, Peter Hook, Stephen Morris e Bernard Sumner.

7": FAC 223/7 (UK)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Fine Time - 3:08
  2. Don't Do It - 4:36

2" #1: FAC 223 (UK)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Fine Time - 4:42
  2. Don't Do It - 4:36
  3. Fine Line - 4:43

12" #2: FAC 223R (UK) - Fine Time Remix[modifica | modifica wikitesto]

  1. Fine Time (Silk Mix) - 6:15
  2. Fine Time (Messed Around Mix) - 4:35
  3. Fine Time202 - 5:43
  4. Fine Time303 - 6:23
  5. Fine Time707 - 3:59
  6. Fine Time0101 - 5:32 (remixato da Justin Strauss)
  7. Fine Time 909 (Mellow Birds Mega Edit) - 7:05
  8. Fine Time 909 - 9:52
  9. Finetime (Groover Jeep Mix) - 8:22
  10. Finetime(808:98) - 5:56
  11. Finetime(808:98) (Edit) - 3:36
  12. Fine Time 212- 6:49 (remixato da Justin Strauss)
  13. Fine Time 516 - 6:42 (remixato da Justin Strauss)
  14. Fine Time 718 - 5:46 (remixato da Justin Strauss)

CD: FACD 223 (UK)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Fine Time" (7" edit) - 3:08
  2. Fine Time (Silk Mix) - 6:15
  3. Fine Time" (Messed Around Mix) - 4:35
  4. Fine Time202 - 5:43
  5. Fine Time303 - 6:23
  6. Fine Time707 - 3:59
  7. Fine Time0101 - 5:32 (remixato da Justin Strauss)
  8. Fine Time 909 (Mellow Birds Mega Edit) - 7:05
  9. Fine Time 909 - 9:52
  10. Finetime (Groover Jeep Mix) - 8:22
  11. Finetime(808:98) - 5:56
  12. Finetime(808:98) (Edit) - 3:36
  13. Fine Time 212- 6:49 (remixato da Justin Strauss)
  14. Fine Time 516 - 6:42 (remixato da Justin Strauss)
  15. Fine Time 718 - 5:46 (remixato da Justin Strauss)
  16. Don't Do It

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1988) Posizione
massima

Australia (ARIA)[4]

20
Irlanda[5] 9
Italia[6] 50
Nuova Zelanda[7] 3
Spagna[8] 20
Regno Unito[9] 11
Regno Unito (independent)[10] 1
Stati Uniti (alternative)[11] 3
Stati Uniti (hot dance)[11] 3
Stati Uniti (hot dance club play)[11] 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Green, Laurence, One For Keeps: New Order – Technique, musicOMH, 9 maggio 2012. URL consultato il 9 settembre 2014.
  2. ^ (EN) Green, Laurence, One For Keeps: New Order – Technique, musicOMH, 9 maggio 2012. URL consultato il 9 settembre 2014.
  3. ^ Fine Time, su http://www.neworderonline.com. URL consultato il 9 settembre 2014.
  4. ^ "Australian-charts.com – New Order – Fine Time". ARIA Top 50 Singles.
  5. ^ The Irish Charts, IRMA. URL consultato il 9 settembre 2014.
  6. ^ Hit Parade Italia - Indice per Interprete: N, Hit Parade Italia. URL consultato il 9 settembre 2014.
  7. ^ Charts.org.nz – New Order – Fine Time, chartstats.com. URL consultato il 9 settembre 2014.
  8. ^ Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1st, Spain, Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  9. ^ Chart Stats - New Order, chartstats.com. URL consultato il 2 ottobre 2008.
  10. ^ Indie Hits "N", Cherry Red Records. URL consultato il 9 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2011).
  11. ^ a b c New Order: Billboard singles, Allmusic. URL consultato il 9 settembre 2014.
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica