Finale della Coppa UEFA 1997-1998

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Coppa UEFA 1997-1998.

Finale della Coppa UEFA 1997-1998
Parc des Princes - Tribune Borelli.jpg
Il Parco dei Principi di Parigi teatro della finale.
Dettagli evento
Competizione Coppa UEFA 1997-1998
Data 6 maggio 1998
Città Parigi
Impianto di gioco Parco dei Principi
Spettatori 44 412
Risultato
Lazio
0
Inter
3
Arbitro Spagna Antonio López Nieto
ed. successiva →     ← ed. precedente

La finale della 27ª edizione della Coppa UEFA si è tenuta mercoledì 6 maggio 1998 allo stadio Parco dei Principi di Parigi tra la Lazio e l'Inter. Per la quarta volta nella storia del trofeo, si incontrano in finale (prima volta in gara secca) due squadre italiane. All'incontro hanno assistito circa 47 000 spettatori. La partita, arbitrata dallo spagnolo Antonio López Nieto, ha visto la vittoria per 3-0 dei neroazzurri.

Il cammino verso la finale[modifica | modifica wikitesto]

Moriero e Rott nel retour match degli ottavi di finale tra Inter e Strasburgo.

La Lazio di Sven-Göran Eriksson ha esordito contro i portoghesi del Vitória Guimarães superando il turno con un risultato complessivo di 6-1. Nel secondo turno i russi del Rotor Volgograd, dopo il pareggio interno a reti inviolate nella partita d'andata, vengono sconfitti con un netto 3-0 nella gara di ritorno giocata allo Stadio Olimpico. Negli ottavi di finale gli austriaci del Rapid Vienna vengono battuti sia all'andata in trasferta (2-0) che al ritorno nel match casalingo (1-0). Nei quarti i biancocelesti hanno affrontato i francesi dell'Auxerre, battendoli all'andata per 1-0 a Roma. Il ritorno in Francia è terminato in pareggio con il risultato di 2-2; punteggio che ha permesso ai laziali di passare il turno. In semifinale gli spagnoli dell'Atlético Madrid vengono superati di misura (1-0 con rete di Vladimir Jugović) in trasferta al Vicente Calderón; risultato che ha sancito la qualificazione dei biancocelesti alla loro prima finale europea in virtù del pareggio a reti bianche dell'Olimpico.

L'Inter di Luigi Simoni, finalista della precedente edizione, ha esordito contro gli svizzeri del Neuchâtel Xamax superando il turno con un risultato complessivo di 4-0. Nel secondo turno i neroazzurri perdono per 2-1 nella partita casalinga d'andata, giocata al Meazza, contro i francesi dell'Olympique Lione; tuttavia, i milanesi hanno ottenuto la qualificazione imponendosi per 3-1 nel ritorno dello Stade de Gerland. Negli ottavi di finale i meneghini vengono sconfitti per 2-0 in trasferta dai francesi dello Strasburgo, ma passano poi il turno dopo aver vinto per 3-0 a Milano nella partita di ritorno. Nei quarti l'Inter incontra i campioni in carica dello Schalke 04, in una rievocazione della finale dell'anno prima. A Milano i padroni di casa vincono 1-0 con gol di Ronaldo. A Gelsenkirchen i tedeschi si impongono con il medesimo risultato, in seguito alla pregevole rete di Michaël Goossens in pieno recupero, dilungando il doppio confronto ai tempi supplementari. Nel primo supplementare i neroazzurri pareggiano grazie al colpo di testa vincente di Taribo West, che permette alla squadra meneghina di passare il turno e di vendicare la sconfitta subita l'anno precedente. In semifinale i russi dello Spartak Mosca vengono eliminati con un risultato complessivo di 4-2 (vittoria per 2-1 sia all'andata che al ritorno), che consente ai neroazzurri di raggiungere la loro seconda finale consecutiva di Coppa UEFA.

La partita[modifica | modifica wikitesto]

L'allenatore dei biancocelesti Sven-Göran Eriksson schiera in difesa da destra a sinistra Grandoni, Nesta, Negro e Favalli; a centrocampo Fuser e Nedvěd agiscono sulle fasce, Venturin e Jugović sono la cerniera centrale; la coppia d'attacco è formata da Mancini e Casiraghi. Il tecnico neroazzurro Simoni, che deve far fronte alla squalifica del capitano Bergomi, sceglie Fresi nel ruolo di libero, completano il pacchetto arretrato Colonnese, West e Zanetti; a centrocampo Zé Elias, preferito a Cauet, affianca Simeone e Winter; Djorkaeff viene scelto per agire alle spalle di Ronaldo e Zamorano.

La partita vede l'Inter iniziare meglio degli avversari e passare in vantaggio già al 5°: lungo lancio di Simeone a servire Zamorano scattato sul filo del fuorigioco, il cileno si presenta davanti a Marchegiani e lo batte con un tiro d'esterno che spedisce la palla nell'angolino basso alla sinistra del portiere. La Lazio prova ad organizzare una reazione ma sono i neroazzurri ad andare vicini al gol del raddoppio, con Zanetti che dalla sinistra mette palla dietro per Ronaldo, il brasiliano calcia d'esterno da fuori area colpendo in pieno la traversa a Marchegiani battuto. Sul finire della frazione, Djorkaeff ci prova di testa su un cross dalla destra di Winter ma la palla termine alta sopra la traversa.

Il secondo tempo si apre con l'Inter che sfiora subito il raddoppio con un'azione molto simile a quella del vantaggio, ma questa volta Zamorano servito da Zanetti colpisce il palo. Il gol dei neroazzurri arriva al 60º: punizione battuta dalla destra, la palla spiovente arriva sulla testa di Zamorano che la rimette dietro per Zanetti, l'argentino realizza con un destro potente nell'angolo alto alla sinistra del portiere. Dopo un'occasione per Winter, fermato in uscita da Marchegiani, arriva anche il gol del 3-0 al 70°: il subentrato Moriero ruba palla a centrocampo e serve in profondità Ronaldo, il brasiliano elude il fuorigioco della difesa laziale e si presenta davanti al portiere, prima di superarlo in dribbling e depositare il pallone in fondo alla rete. Nel finale vengono espulsi prima l'interista West per un fallo su Casiraghi e poi il laziale Almeyda per un intervento su Ronaldo.

Tabellino[modifica | modifica wikitesto]

Parigi
6 maggio 1998, ore 21:00 UTC+1
Lazio Flag of Italy.svg0 – 3Flag of Italy.svg InterParco dei Principi (44 412 spett.)
Arbitro: Spagna Antonio López Nieto

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Lazio
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Inter
Lazio
POR 1 Italia Luca Marchegiani
TS 5 Italia Giuseppe Favalli
DC 2 Italia Paolo Negro Yellow card.svg
DC 13 Italia Alessandro Nesta
TD 20 Italia Alessandro Grandoni Sub off.svg 55'
CLD 14 Italia Diego Fuser (C)
CEN 23 Italia Giorgio Venturin Sub off.svg 50'
CLS 18 Rep. Ceca Pavel Nedvěd
CEN 21 Serbia Vladimir Jugović Yellow card.svg
ATT 9 Italia Pierluigi Casiraghi
ATT 10 Italia Roberto Mancini
Sostituzioni:
D 17 Svizzera Guerino Gottardi Sub on.svg 55'
C 25 Argentina Matías Almeyda Sub on.svg 50' Double yellow card.svg 88'
Allenatore:
Svezia Sven-Göran Eriksson
Internazionale-Lazio 1998-05-06.svg
Inter
POR 1 Italia Gianluca Pagliuca (C)
TD 33 Italia Francesco Colonnese
LIB 7 Italia Salvatore Fresi Yellow card.svg
TS 4 Argentina Javier Zanetti Yellow card.svg
DC 16 Nigeria Taribo West Red card.svg 82'
TRQ 6 Francia Youri Djorkaeff Sub off.svg 68'
CEN 8 Paesi Bassi Aron Winter Sub off.svg 68'
CEN 13 Brasile Zé Elias
CEN 14 Argentina Diego Simeone
ATT 9 Cile Iván Zamorano Sub off.svg 72'
ATT 10 Brasile Ronaldo Yellow card.svg
Sostituzioni:
D 24 Italia Luigi Sartor Sub on.svg 72'
C 15 Francia Benoît Cauet Sub on.svg 68'
C 17 Italia Francesco Moriero Sub on.svg 68'
Allenatore:
Italia Luigi Simoni

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio