Finale della Coppa UEFA 1976-1977

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Coppa UEFA 1976-1977.

Finale della Coppa UEFA 1976-1977
Juventus-Athletic Club, Coppa UEFA '76-77.jpg
Juventus e Athletic Bilbao entrano in campo a Torino per la finale di andata
Dettagli evento
Risultato
Juventus
2
Athletic Bilbao
2
La Juventus vince per la regola dei gol fuori casa
Andata
Juventus
1
Athletic Bilbao
0
Data 4 maggio 1977
Città Torino
Impianto di gioco Stadio Comunale
Spettatori 54 800
Arbitro Paesi Bassi Charles Corver
Ritorno
Athletic Bilbao
2
Juventus
1
Data 18 maggio 1977
Città Bilbao
Impianto di gioco San Mamés
Spettatori 39 700
Arbitro Austria Erich Linemayr
ed. successiva →     ← ed. precedente

La finale della 6ª edizione della Coppa UEFA fu disputata in gara di andata e ritorno tra Juventus e Athletic Bilbao.

Il 4 maggio 1977 la partita di andata allo stadio Comunale di Torino, arbitrata dall'olandese Charles Corver, terminò 1-0 per i bianconeri. La gara di ritorno, giocata al San Mamés di Bilbao il 18 maggio e arbitrata dall'austriaco Erich Linemayr, si è conclusa 2-1 in favore dei baschi che escono comunque sconfitti a causa della rete subìta in casa.

Questo è l'unico trofeo vinto da una squadra italiana in una competizione ufficiale europea, con un organico composto interamente da calciatori oriundi del proprio paese d'origine,[1] oltreché il primo trionfo confederale per la Juventus.[2]

Il cammino verso la finale[modifica | modifica wikitesto]

La Juventus di Giovanni Trapattoni iniziò il suo cammino europeo ribaltando al Comunale, con il risultato di 2-0, la sconfitta dell'andata a Maine Road contro gli inglesi del Manchester City. Nel turno successivo i Bianconeri affrontano un'altra squadra mancuniana, il Manchester Utd, e anche stavolta con il netto 3-0 di Torino ribaltarono la sconfitta di misura patita in precedenza all'Old Trafford. Agli ottavi di finale i piemontesi misero in cassaforte il passaggio del turno già nella partita di andata contro lo Šachtar di Donetsk, per poi eliminare con un complessivo 4-1 i tedeschi orientali del Magdeburgo nei quarti. L'ultimo ostacolo per la finale fu rappresentato dai greci dell'AEK Atene, sconfitti da Madama sia all'andata sia al ritorno con un risultato aggregato di 5-1.

Juventus e AEK scendono in campo il 6 aprile 1977 al Comunale di Torino per la semifinale di andata

L'Athletic Bilbao di Koldo Aguirre esordì nella manifestazione vincendo facilmente 5-0 il retour match contro l'Újpest di Budapest. I baschi sfruttarono poi il fattore campo per avere la meglio degli svizzeri del Basilea, vincendo al San Mamés per 3-1. Nei turni seguenti i Rojiblancos ebbero la meglio di due più blasonate rivali: agli ottavi di finale eliminarono gli italiani del Milan, con una larga vittoria 4-1 all'andata che si rivelò decisiva, ai fini della sconfitta thrilling 1-3 nel ritorno a San Siro (coi baschi qualificati solo grazie a un calcio di rigore trasformato a 2' dal termine); ai quarti ci fu invece uno scontro tutto spagnolo con il Barcellona, superato a Bilbao 2-1 per poi uscire indenni dal Camp Nou con un pareggio 2-2. Nell'ultimo turno prima della finale, i Leones sfruttarono la regola dei gol fuori casa in virtù del pareggio esterno 1-1 contro una delle rivelazioni dell'edizione, il RWD Molenbeek di Bruxelles.

Le partite[modifica | modifica wikitesto]

Per la Juventus, già finalista nell'ultima edizione di quella Coppa delle Fiere che aveva dato il là proprio alla Coppa UEFA, si trattava della terza finale assoluta in competizioni confederali, dopo quelle di Coppa dei Campioni e Intercontinentale perse entrambe nel 1973.[3] Dall'altra parte l'Athletic Bilbao — formazione all'epoca nota anche in campo extrasportivo, per il sostegno alla causa indipendentista basca nonché per l'opposizione verso un franchismo ormai al tramonto —,[4] già finalista nella Coppa Latina 1956, era al suo debutto assoluto in una finale europea dell'UEFA.

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Lo juventino Tardelli batte il portiere basco Iribar e segna l'1-0 con cui si chiuse il match di andata a Torino.

Nella partita di andata, giocata il 4 maggio 1977 al Comunale di Torino, i favoriti padroni di casa (che dovevano sfatare il sortilegio che li aveva visti fin lì sempre sconfitti nelle finali europee) passarono in vantaggio dopo un quarto d'ora con Tardelli, il quale su cross di Scirea fu autore di uno strano colpo di testa in avvitamento, generando un pallonetto che mise fuori causa l'estremo difensore e capitano basco Iribar. Per il resto della gara, gli uomini di Trapattoni provarono quindi a incrementare il parziale, ma gli ospiti, molto arcigni e compatti, riuscirono a mantenere il minimo scarto[5] — comunque giudicato un positivo risultato, dal loro punto di vista.[6] Al fischio finale, l'1-0 lasciò così aperte possibilità di vittoria a entrambe le formazioni, e soprattutto qualche recriminazione da parte bianconera per le tante occasioni sciupate sottorete.[5][7]

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Al ritorno, il 18 dello stesso mese a Bilbao, com'era stato per tutta la competizione i baschi cercarono di approfittare del fattore campo, sospinti dalla bolgia di un infuocato e ostile (al pubblico italiano) San Mamés.[8] Il gioco ormai collaudato della Juventus sbloccò però il risultato già al 7', quando dagli sviluppi di una rimessa laterale, un traversone di Tardelli pescò a centro area Bettega il quale con un colpo di testa in tuffo aprì le marcature. Il vantaggio acquisito, portò forse i torinesi a una fase di rilassamento, dato che l'Athletic Bilbao pareggiò dopo appena quattro minuti con Churruca, con un tiro al volo al termine di un'insistita sortita offensiva dei baschi, per l'1-1 con cui si andò negli spogliatoi all'intervallo.[9]

Nel secondo tempo, giocato sotto una fitta pioggia, i padroni di casa aumentarono ancor più il loro forcing finché al 78', su azione di calcio d'angolo, Carlos trovò di testa il 2-1 per i padroni di casa. Da qui al 90' gli uomini di Aguirre cercarono a più riprese il terzo gol (che avrebbe dato loro la coppa), ma la squadra juventina, seppur costretta tutta in difesa dall'assedio basco, fece «muro» attorno a Zoff[9] sicché al triplice fischio dell'arbitro, grazie alla regola dei gol fuori casa si aggiudicò il primo trofeo europeo della sua storia;[2][9] inoltre, rimane a oggi questa l'unica affermazione internazionale che la Juventus, e più in generale un club italiano, conseguì con un organico composto interamente da calciatori nazionali.[1]

Tabellini[modifica | modifica wikitesto]

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Torino
4 maggio 1977
Juventus1 – 0Athletic BilbaoStadio Comunale (54 800 spett.)

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Juventus
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Athletic Bilbao
P 1 Italia Dino Zoff
D 2 Italia Antonello Cuccureddu
D 5 Italia Francesco Morini
D 6 Italia Gaetano Scirea
D 3 Italia Claudio Gentile
C 4 Italia Giuseppe Furino
C 10 Italia Romeo Benetti
C 8 Italia Marco Tardelli
A 7 Italia Franco Causio
A 9 Italia Roberto Boninsegna Uscita al 40’ 40’
A 11 Italia Roberto Bettega
Sostituzioni:
A 12 Italia Sergio Gori Ingresso al 40’ 40’
Allenatore:
Italia Giovanni Trapattoni
P 1 Spagna José Ángel Iribar
D 2 Spagna José Ignacio Oñaederra
D 3 Spagna Javier Escalza
D 4 Spagna Andoni Goikoetxea Ammonizione al 50’ 50’
D 5 Spagna Agustín Guisasola
C 6 Spagna Ángel María Villar
C 7 Spagna Javier Irureta
C 8 Spagna José Ángel Rojo
C 9 Spagna José Ignacio Churruca
A 10 Spagna Dani
A 11 Spagna José Francisco Rojo


Allenatore:
Spagna Koldo Aguirre

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Bilbao
18 maggio 1977
Athletic Bilbao2 – 1JuventusStadio San Mamés (39 700 spett.)

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Athletic Bilbao
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Juventus
P 1 Spagna José Ángel Iribar
D 2 Spagna José María Lasa Uscita al 64’ 64’
D 3 Spagna Agustín Guisasola
D 4 Spagna José Ramón Alexanko
D 5 Spagna Javier Escalza
C 6 Spagna Ángel María Villar
C 7 Spagna José Ignacio Churruca
C 8 Spagna Javier Irureta
A 9 Spagna José María Amorrortu
A 10 Spagna Dani
A 11 Spagna José Francisco Rojo
Sostituzioni:
A 12 Spagna Carlos Ruiz Herrero Ingresso al 64’ 64’
Allenatore:
Spagna Koldo Aguirre
P 1 Italia Dino Zoff
D 2 Italia Antonello Cuccureddu
D 5 Italia Francesco Morini
D 6 Italia Gaetano Scirea
D 3 Italia Claudio Gentile Ammonizione al 87’ 87’
C 7 Italia Franco Causio
C 8 Italia Marco Tardelli Ammonizione al 70’ 70’
C 4 Italia Giuseppe Furino
C 10 Italia Romeo Benetti Ammonizione al 63’ 63’
A 9 Italia Roberto Boninsegna Uscita al 60’ 60’
A 11 Italia Roberto Bettega
Sostituzioni:
D 13 Italia Luciano Spinosi Ingresso al 60’ 60’
Allenatore:
Italia Giovanni Trapattoni

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Sergio Di Cesare, Hard work pays off for Zoff, su uefa.com, 1º aprile 2008.
  2. ^ a b Domeniconi, p. 18
  3. ^ Angelo Caroli, La Signora è regina d'Europa, in Stampa Sera, 19 maggio 1977, p. 11.
  4. ^ Domeniconi, p. 21
  5. ^ a b Bruno Perucca, Juventus, la Coppa è ancora lontana, in La Stampa, 5 maggio 1977, p. 19.
  6. ^ Fabio Vergnano, I "Leones" di Aguirre, in Stampa Sera, 5 maggio 1977, p. 16.
  7. ^ Angelo Caroli, Juve senza il colpo del k.o. decisivo, in Stampa Sera, 5 maggio 1977, p. 13.
  8. ^ Domeniconi, p. 20
  9. ^ a b c Bruno Bernardi, Juventus, la Coppa Uefa finalmente!, in La Stampa, 19 maggio 1977, p. 18.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elio Domeniconi, L'incantesimo che si spezza, in GS Storie: Signora di coppe, nº 4, Bologna, Guerin Sportivo, 2012, p. 19, ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio