Filovia dello Stelvio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La filovia dello Stelvio, talora indicata come filovia dell'Alta Valtellina, era una linea filoviaria gestita dall'Aem di Milano, finalizzata al trasporto di materiali e degli addetti ai lavori per la costruzione delle due dighe di Cancano in Alta Valtellina.

Esercizio[modifica | modifica wikitesto]

In tempi diversi, a seconda del procedere dei lavori, erano attivi due differenti percorsi che sommati raggiungevano gli ottanta chilometri:

Mezzi[modifica | modifica wikitesto]

L'Aem disponeva di venti filoveicoli Fiat CGE con guida a destra per la gestione della filovia, così ripartiti:

  • 16 filocarri a tre assi modello FIAT 672F/121 (matricole 1-16)
  • 2 filotrattori a due assi FIAT 666F/20 (matricole 17-18)
  • 2 filocorriere a due assi su telaio FIAT 666F/20 (matricole 19-20)

Tra il 1947 ed il 1949 per il servizio di linea Tirano-Bormio furono utilizzati anche due filobus Alfa Romeo serie 621-630, prestati dall'ATM di Milano.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Albé, Sergio Viganò, La filovia dello Stelvio. Storia di dighe e di filovie per trasporto merci in alta Valtellina e nel mondo, Macchione Editore, 30 novembre 2006. ISBN 978-88-8340-271-5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]