Filippo d'Assia-Darmstadt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Filippo d'Assia-Darmstadt.

Filippo d'Assia-Darmstadt (Darmstadt, 20 luglio 1671Vienna, 11 agosto 1736) era figlio del Langravio Luigi VI e fratello minore di Ernesto Luigi d'Assia-Darmstadt successore di lui, era detto tuttavia "il langravio" in Italia, dove tenne carica di governatore di Mantova per conto dell'Austria dal 1714 al 1735.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Filippo fu un grande appassionato di musica. Quando comandava l'esercito austriaco a Napoli, fu mecenate di Nicola Porpora e quando era governatore di Mantova nominò Maestro di Cappella della sua corte Antonio Vivaldi che vi compose Armida al campo d'Egitto, Teuzzone, Scanderbeg (tutti del 1718) e poi Tito Manlio (1719) e La Candace (1720). Tito Manlio fu scritto in occasione del matrimonio di Filippo d'Assia-Darmstadt.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Sposò nel 1697 la principessa Maria Teresa di Croy (1673–1714), dalla quale ebbe cinque figli:

Rimasto vedovo, Filippo avrebbe dovuto sposare nel 1718 Eleonora Luisa Gonzaga di Guastalla, ma il matrimonio fu sciolto all'ultimo momento.[1]

I figli non ebbero discendenza, quindi oggi non esistono discendenti diretti di Filippo d'Assia-Darmstadt.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Feldmaresciallo del Sacro Romano Impero Successore Héraldique meuble Aigle bicéphale éploye.svg
Hans Carl von Thüngen 1699-1701 Ferdinando Degli Obizzi
Predecessore Governatore di Mantova Successore
Giovan Battista Castelbarco 1714-1735 Carlo Stampa
Controllo di autorità VIAF: (EN40533038 · GND: (DE132306093