Filippo Serafini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Filippo Serafini
Fserafini.gif

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 21 novembre 1892 –
15 maggio 1897

Dati generali
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione docente universitario

Filippo Serafini (Preore, 10 aprile 1831Pisa, 15 maggio 1897) è stato un giurista, accademico e rettore italiano nato in Trentino, allora parte dell'impero austro-ungarico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente a nobile famiglia di antiche tradizioni giuridiche e militari, fu professore di diritto romano nelle università di Pavia, Bologna, Roma e Pisa.

Fu autore di molteplici opere sul diritto romano, raccolte in una collana denominata "Archivio giuridico", tuttora in uso.

Fu incaricato di redigere il codice civile svizzero e ne curò la stesura.

Nel 1872 fu nominato rettore dell'Università di Roma, carica che tenne per un anno. Nel 1873, quarto centenario della nascita di Niccolò Copernico, fu tra i principali promotori, insieme al senatore Domenico Berti, del Museo Astronomico e Copernicano di Roma.

Il 21 novembre 1892 ricevette la nomina a Senatore del Regno (ancorché nato come cittadino straniero). Nel 1894 fu Rettore per un anno dell'Università di Pisa.

Ebbe tre figli: Adelina (che sposò il senatore del Regno Lando Landucci), Enrico (1863-1914), che continuò sulla via del padre, diventando anch'egli uno stimato giurista e professore all'Università di Pisa, e Piera, che sposò Pietro Cogliolo, senatore del Regno e professore ordinario di Diritto Romano all'Università di Camerino.

Il suo corpo è sepolto presso il Camposanto Monumentale di Pisa.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Archivio giuridico (collana di studi sul diritto romano pubblicati tra il 1863 ed il 1903)
  • Del metodo degli studi giuridici in generale e del diritto romano in particolare (1872)
  • Opere minori. Scritti varii (1901)
  • con Rudolf von Jhering, Sul primo Congresso giuridico italiano (1872)
  • Il telegrafo in relazione alla giurisprudenza civile, (1862)
  • Il Diritto commerciale: rivista periodica e critica, (1883)
  • Istituzioni di diritto romano comparato al diritto civile (1870)
  • Nuova interpretazione del celebre frammento di Ulpiano
  • con David Supino e Pietro Cogliolo, Trattato delle obbligazioni secondo i principii comparati, (1861)
  • con David Supino e Pietro Cogliolo, Il Diritto commerciale (1923)

La maggior parte delle opere elencate sono disponibili gratuitamente su "Google libri"

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine della Corona di Prussia (Impero di Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona di Prussia (Impero di Germania)
Cavaliere dell'Ordine dell'aquila rossa (Impero di Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'aquila rossa (Impero di Germania)
Controllo di autoritàVIAF (EN27053882 · ISNI (EN0000 0001 1460 3652 · SBN IT\ICCU\SBLV\163063 · LCCN (ENno2012051192 · BNF (FRcb10453895b (data) · BAV ADV11188788