Filippo Micheli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Filippo Micheli
Filippo Micheli.jpg

Sottosegretario di Stato all'Industria e Commercio
Durata mandato 9 luglio 1955 –
19 maggio 1957
Presidente Antonio Segni

Sottosegretario di Stato all'Industria e Commercio
Durata mandato 23 maggio 1957 –
1º luglio 1958
Presidente Adone Zoli

Sottosegretario di Stato all'Industria e Commercio
Durata mandato 3 luglio 1958 –
15 febbraio 1959
Presidente Amintore Fanfani

Sottosegretario di Stato all'Industria e Commercio
Durata mandato 19 febbraio 1959 –
25 marzo 1960
Presidente Antonio Segni

Sottosegretario di Stato all'Industria e Commercio
Durata mandato 2 aprile 1960 –
26 luglio 1960
Presidente Fernando Tambroni

Sottosegretario di Stato all'Industria e Commercio
Durata mandato 28 luglio 1960 –
22 novembre 1961
Presidente Amintore Fanfani

Sottosegretario di Stato alle Finanze
Durata mandato 22 novembre 1961 –
21 febbraio 1962
Presidente Amintore Fanfani

Sottosegretario di Stato alle Finanze
Durata mandato 24 febbraio 1962 –
21 giugno 1963
Presidente Amintore Fanfani

Sottosegretario di Stato all'Industria e Commercio
Durata mandato 22 giugno 1963 –
4 dicembre 1963
Presidente Giovanni Leone

Sottosegretario di Stato alle Finanze
Durata mandato 7 agosto 1969 –
11 novembre 1969
Presidente Mariano Rumor

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature I, II, III, IV, V, VI, VII, VIII, IX, X e XI
Gruppo
parlamentare
DC
Circoscrizione Umbria
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana (1948-1994)
Partito Popolare Italiano (1994-1995)
Titolo di studio Licenza media superiore
Professione Impiegato

Filippo Micheli (Montefranco, 15 dicembre 1911Terni, 25 novembre 1995) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Micheli ai tempi della V legislatura

Figlio di un falegname e di una casalinga, in gioventù militò nell'Azione Cattolica (prima come delegato degli aspiranti e poi come presidente diocesano) e durante il ventennio difese il movimento dalla repressione fascista.[1]

Insieme a Paolo Emilio Taviani, fu tra i fondatori della Democrazia Cristiana in Umbria.[1] Nel dopoguerra fu parte del Comitato Provinciale di Liberazione, fu assessore al comune di Terni e ricoprì gli incarichi di sindaco e consigliere nei comuni di Stroncone, Assisi, Norcia e Gualdo Tadino.[1]

Eletto per la prima volta alla Camera dei deputati nel 1948 per la circoscrizione Perugia-Terni-Rieti, fu deputato per un periodo ininterrotto di 46 anni, fino al 1994, dalla prima all'undicesima legislatura. Nel 1972, oltre che alla Camera, fu eletto anche al Senato, per la provincia di Rieti.[1]

Fu sottosegretario di Stato all'Industria e Commercio dal luglio 1955 al dicembre 1963 (nei governi Segni I, Zoli, Fanfani II, Segni II, Tambroni, Fanfani III, Leone I), con la sola interruzione nel periodo da novembre 1961 a giugno 1963, in cui ricoprì l'incarico di sottosegretario di Stato alle Finanze (nei governi Fanfani III e IV), funzione che sarebbe tornato a ricoprire, in seguito, dall'agosto al novembre del 1969 nel governo Rumor II.

Fu a lungo parte della direzione nazionale della Democrazia Cristiana.[1] Nel 1969 fu nominato segretario nazionale amministrativo della DC[2], incarico che mantenne fino al 1981.[1] In questa veste fu coinvolto da un'inchiesta su presunti finanziamenti di petrolieri alla Democrazia Cristiana (il cosiddetto scandalo dei petroli), nella quale era accusato dei reati di corruzione e di peculato; nell'agosto 1979 la magistratura chiese alla Camera l'autorizzazione a procedere, che gli fu negata nel febbraio del 1982, salvando Micheli dall'arresto.[3]

Tra gli anni sessanta e settanta fu ideatore del piano umbro, un progetto indirizzato allo sviluppo territoriale della regione che prevedeva la realizzazione di una serie di opere infrastrutturali, come la superstrada Rieti-Terni, il raddoppio delle tratte ferroviarie Orte-Falconara e Terni-Sulmona, oltre che il potenziamento delle risorse turistiche e industriali.[4]

A Micheli sono state intitolate delle vie nel nucleo industriale di Rieti (l'ex via della telematica) e ad Orvinio, nonché un memorial ciclistico con partenza e arrivo a Labro, borgo sull'altopiano reatino.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Scheda sul sito del Centro studi Ezio Vanoni
  2. ^ Filippo Micheli: convegno lo ricorda, in Umbria On, 22 novembre 2015. URL consultato il 29 agosto 2016.
  3. ^ Antonella Beccaria, Gigi Marcucci, «Semplici coincidenze», in Italia. La fabbrica degli scandali, Newton Compton Editori, 2014.
  4. ^ Filippo Micheli nella storia dell'Umbria e della Sabina [collegamento interrotto], in Mondo Sabino, 27 novembre 2015. URL consultato il 29 agosto 2016.
  5. ^ Rieti, scatta il conto alla rovescia per il Memorial Filippo Micheli, in Il Messaggero, edizione di Rieti, 25 luglio 2015. URL consultato il 19 agosto 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]